L’ora del thè

RITORNO A SCUOLA

Era mattina. Il primo giorno di scuola del mio ultimo anno di liceo era ormai arrivato. Così, prima di iniziare a prepararmi, restai seduta sul letto a pensare tutti i bei momenti degli anni trascorsi… Non avrei mai immaginato che cinque anni passassero così in fretta. Ero eccitata, ma, nel contempo, preoccupata da quella scelta che avrebbe determinato il mio futuro e dirottato l’intero percorso della mia vita… Sapevo che mi spettava un duro e faticoso anno, pieno di sorprese impensabili. Restai pensante per molto tempo. La mia mente produceva un flusso incosciente di pensieri: belli ed angosciosi. Mi accorsi, poi, che erano passati dieci minuti circa. Dovevo sbrigarmi. Rischiavo di far ritardo. Era il mio primo giorno di scuola e certamente non potevo permettermelo. Iniziai, dunque, a prepararmi. Indossai una t-shirt e dei jeans, scelti casualmente, presi lo zaino, le chiavi della macchina e partii subito (in estate avevo preso la patente e, quindi, ora non era più necessario che i miei mi accompagnassero).

Giunta a scuola, notai un che di strano (forse avevano cambiato l’intonaco, non so). Vidi tutti radunati dinanzi l’edificio. Così, per evitare di perdere molto tempo, decisi, direttamente, di chiamare Nicole. Volevo salutarla, non ci incontravamo da poco più di un mese, poiché aveva partecipato ad un campo estivo con Liam, il suo ragazzo. Ci demmo appuntamento al bar nei pressi della scuola, per non allontanarci troppo… Aspettai qualche minuto. La vidi arrivare, carina e preparata, come sempre dopotutto, con un sorriso smagliante verso di me (probabilmente aveva trascorso dei bei momenti al campo). Era con Liam, anche lui prontissimo per il suo primo giorno di scuola, con i suoi capelli perfetti ed un po’ lunghetti che pendevano sulla fronte. Ci salutammo ed iniziammo a parlare dell’estate e dei buoni propositi per il nuovo anno scolastico. Il tempo, che avevamo a disposizione prima del suono della campanella, era terminato. Dovevamo entrare. Purtroppo io e Nicole non frequentavamo la stessa classe e, quindi, fummo costrette a separarci…

Fu una mattinata faticosa: ci accolsero nuovi docenti, che si occuparono delle reciproche presentazioni, altri, invece, andarono subito al sodo, introducendo argomenti a noi sconosciuti… A volte sembrava che il tempo si fosse fermato. Probabilmente non facemmo niente di chissà quanto faticoso, ma era comunque il primo giorno, dopo molti di riposo, in cui dovevamo mettere in moto le funzionalità della nostra mente. Tutto, dunque, poteva essere, per ognuno, uno shock. Fortunatamente il tempo corse in fretta e giunse il suono dell’ultima campanella: quella che segnava l’uscita da scuola. Subito, mi divincolai dalla folla di alunni, per cercare di partire velocemente con la macchina dal parcheggio della scuola… Improvvisamente, però, sentii un rumore. Proveniva dal cofano posteriore della macchina, come se qualcuno l’avesse colpita. Non era accaduto nulla: era soltanto quello stupido di Frank, che, come sempre, aveva fatto uno dei suoi scherzi idioti. Mi affrettai, quindi, ad uscire dal parcheggio e raggiunsi casa.

I prof non assegnarono molti compiti. Dunque, li terminai in fretta. Volli chiamare Nicole, per continuare la nostra chiacchierata, interrottasi per il suono della campanella… Avevamo molte cose di cui trattare. Le giornate erano ancora lunghe ed era possibile fare una bella passeggiata in centro. Invece, di perdere tempo al telefono, preferimmo incontrarci…

Dove s'incontreranno Arianna e Nicole?

  • La sera in un pub. (33%)
    33
  • Al parco. (33%)
    33
  • Nei pressi di un chiosco. (33%)
    33

Voti totali: 15

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

2 Commenti

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi