Giochiamo

Segreti

Eravamo in giro.

Ci piaceva camminare e parlare un po’ quando eravamo insieme… Io ed il mio gruppo di amici, 5 in tutto.

Eric, mio migliore amico e donnaiolo del gruppo.

Xenia, timida e taciturna, sempre silenziosa. Ha una cotta per Eric da qualche anno, ma lui non sembra sapere nulla.

Lara, la più aperta del gruppo, sempre sorridente e scherzosa.

Sky, una mia “vecchia” cotta. C’era qualcosa fra di noi, ma non si è mai concretizzato. Intelligente, a volte timida, di una bellezza unica… O almeno a mio parere.

Dalla descrizione dovreste aver capito che nel mio petto batte ancora qualcosa ogni volta che lei mi guarda, ma non penso sia lo stesso per lei.

Comunque, sto divagando.

Eravamo in giro e quella volta aveva scelto Xenia dove andare. Sceglieva sempre luoghi disabitati ed abbandonati da anni, quindi decise per una piccola casetta vicino a quella di Eric. La “gita” duró poco, alla fine la casa era molto piccola, ma mentre uscivamo Lara vide qualcosa luccicare sotto della terra.

“Ho trovato qualcosa!” esclamó sorridente mentre si abbassava a scavare per capire da dove provenisse il luccichio.

“Sarà solo una moneta… Lascia perdere, Lara” dissi un po’ seccato.

“Sei sempre il solito noioso, Cayde”

Gli altri erano in silenzio, aspettando che Lara rivelasse quel piccolo tesoro.

Alzai gli occhi al cielo mentre Lara finiva di scavare, tirando fuori dalla terra una piccola pallina bianca, totalmente liscia e levigata.

“Ok, questo è strano”

“Mamma mia… E sta un po’ zitto Cayde” mi rimproveró mentre lanciava in aria la palla e la riprendeva subito.

“Mi stai dicendo che ti aspettavi di trovare qualcosa di strano?” dissi, incrociando le braccia al petto.

“Certo” fece un sorriso soddisfatto, ma dopo qualche secondo le diede una piccola scossa. “Ahio!” lasciò cadere la pallina a terra, che si illuminò di rosso.

“Cos’è successo?” mi abbassai e presi la pallina, scrutandola attentamente.

“Quella cosa mi ha dato una scossa!”

“Si certo… Ed io sono Morgan Freeman” ridacchiai alla mia stessa battuta ma dopo qualche secondo arrivó una scossa anche a me. “Ahio…” continuai a tenere la pallina in mano.

“Ti sta bene, Cayde” disse Eric ridacchiando.

“Me lo merito” alzai le spalle di poco mentre mi arrivó un’altra scossa.

Rimanemmo tutti in silenzio per qualche secondo, poi io ed Eric ci guardammo spalancando gli occhi.

“Quel coso legge le bugie!” Esclamammo assieme io e lui.

“Oh, figo” disse Lara mentre Sky ridacchiava.

“E-Eh?! C-Cosa dite?!” urló Xenia balbettando, come spaventata.

“Cosa c’é? Hai qualcosa da nascondere?” dissi guardandola, alzando un sopracciglio.

“E tu Cayde? Qualcosa da nascondere?” disse Sky

Rimasi in silenzio per un attimo, deglutendo e grattandomi la nuca.

“Nulla che ti interessi…”

“Certo” disse con tono provocatorio.

“Sentite, io ora dovrei andare, ma domani possiamo benissimo vederci a casa mia” propose Eric.

“Va bene, Eric. A domani allora, ragazzi” lasciai la palla a Sky e tornai a casa, grattandomi la nuca nervoso.

La sera stessa ne parlai con Eric, ma alla fine arrivammo alla conclusione che potevamo solo divertirci.

Il giorno dopo andai a casa sua in anticipo come sempre.  La madre era con lui a casa, ma uscì poco dopo, e noi rimanemmo a giocare fin quando non arrivarono le ragazze.

Quando entrarono in soggiorno stavamo ancora giocando, ma a quanto pare la partita non era destinata ad andare avanti.

“Spegnete.” disse con tono fermo Lara.

“Stiamo giocando, dateci altri dieci minuti” mormorai senza nemmeno guardarle.

Sky andó a staccare il cavo del televisore, bloccandoci nel bel mezzo della partita.

“Dai, ma sul serio?! Avevamo vinto!” si lamentó Eric.

Le ragazze sedettero sul divano e ci guardarono tranquille.

“Cosa volete?” dissi infastidito.

Nerea si sedette per ultima, tirando poi fuori la strana pallina da una tasca.

“Facciamo i seri. Giochiamo. La persona a cui viene fatta la domanda deve tenere la mano sulla pallina, e sarà la prossima a fare una domanda” propose Lara.

Io ed Eric ci guardammo. Nei suoi occhi leggevo tranquillità, mentre i miei erano pieni di paura. Alla fine annuimmo assieme, girandoci verso le ragazze.

“Va bene, chiedete pure.”

Passó un po’ di tempo, non ero stato toccato in nessun modo, ma in cuor mio sapevo che qualcosa stava arrivando.

Sky prese parola dopo una domanda di Lara.

Mi guardava fisso negli occhi.

Nella stanza c’era un silenzio tombale.

“Cayde…”

Misi subito la mano sulla sfera, leggermente titubante.

“Dimmi Sky…” deglutii mentre continuavo a guardarla, spaventato da quella che poteva essere la sua domanda.

“Tu sei ancora innamorato di me, non é così?”

Rimasi nuovamente in silenzio per qualche istante. Il mondo attorno a me perse i colori, il tempo sembrava come rallentato. Gli unici colori che vedevo erano i suoi.

Quel maglione di qualche taglia più grande, di un intenso rosso.

La sua pelle chiara ed i suoi capelli lunghi e biondi.

Sentivo che stavo iniziando a sudare, ma la stanza era fresca e ventilata.

“Ah…io…”

Cosa succede a Cayde?

  • Mente ma stranamente il dispositivo non funziona, senza rivelare il suo segreto. (69%)
    69
  • Mente e gli viene data la scossa, facendo scoprire il suo segreto. (15%)
    15
  • Rivela la verità, senza giri di parole. (15%)
    15

Voti totali: 13

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

1 Commento

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi