Gli amanti

Il vento

È nel bosco che la nostra storia comincia.

Nives, la mia migliore amica, Niccolò e Max i migliori amici di Cristian, io e Cristian il mio ragazzo.

Il bosco non era realmente molto lontano dalle nostre case, ma il campeggio era il nostro sogno fin da bambini, era un patto che appena fossimo cresciuti l’avremmo fatto.

Era bellissimo il posto, c’erano alberi altissimi che filtravano la luce ed un venticello fresco che ci accarezzava dolcemente.

Nives e Niccolò iniziano a montare le tende e noialtri, cercando di lasciarli da soli, ci avviamo a raccogliere la legna nel bosco.

Fra le battutine di Max e i baci di Cristian raccogliamo molta legna tanta da trovare difficoltà a portarla.

Provavo una sensazione molto bella, mai provata prima, come se il vento mi stesse chiamando.
Mi accarezzava davvero, un tocco gentile e sensuale.

“Charlotte ! Charlotte !”

La voce di Cristian mi riportò alla realtà.

“Ti sta cadendo la legna dalle mani, attenta!”

Caspita, me ne era caduta una sul piede, non me ne ero accorta ma adesso iniziavo a sentire dolore.

“Vieni qua, ti porto in spalla salta !”

Gli ripeto di stare bene, ma Cristian insiste, mentre Max raccoglie anche la mia legna e ci incamminiamo per la strada che ci riporterà alle tende.

Al nostro ritorno Nives e Niccolò avevano già finito di sistemare e insieme giocavano a carte con le espressioni di due bambini, che belli.

Continuo a sentire quel vento magico per tutto il resto della serata, sembra parlarmi adesso.

Cristian se ne accorge e più volte mi domanda se ci sia qualcosa che non va, non capisco il perché ma sento che dirgli della mia impressione non sia la cosa giusta.

Il pomeriggio trascorre in fretta e Nives e Niccolò sembrano sempre più innamorati, Niccolò continua a prenderci in giro tutti blaterando di essere l’unico tutto solo nel gruppo.

Mi addormento in fretta accanto a Nives e inizio a sognare.

Sto camminando nel bosco, mi sembra di rivivere la giornata di oggi.

“Charlotte, svegliati e seguimi, vieni nel bosco con me, non ti farò nulla.”

È una voce misteriosa, mi sveglio all’improvviso.

Il vento spalanca la porta della mia tenda ma Nives non si sveglia, si rigira sul lato e torna a dormire.

Mi affaccio fuori dalla tenda e le foglie, mosse anche queste dal vento, creano una stradina che sento di dover percorrere adesso.

Charlotte proseguirà?

  • Charlotte si avventura nel bosco (100%)
    100
  • Nives si sveglia per il freddo e chiama Charlotte (0%)
    0
  • Charlotte trova Cristian sveglio fuori dalla tenda e si ferma con lui (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

10 Commenti

  1. Ciao Giusy,
    capitolo breve, ma intenso.
    Ho notato la frase: “gli alberi sono tutti intrecciati fra loro e nel buio della notte sembra stiano facendo l’amore anche loro.” mi è piaciuta, molto poetica, ma non capisco chi altri stia facendo l’amore oltre agli alberi… forse mi sono persa un pezzo.
    Se posso consigliarti: eviterei le”d” eufoniche, nella scrittura non sono belle da vedere e da leggere 🙂
    do ragione a Red, e torno a dire che pare più un racconto fantasy che uno di fantascienza…
    Alla prossima!

  2. Charlotte si avventura nel bosco! Alla via così 🙂

    Dall’Incipit sembra più un Fantasy ma è classificato Fantascienza, quindi ci dovrebbero essere delle spiegazioni più avanti. Vediamo dove ci porti 🙂

    Ciao 🙂
    PS: attenzione ai tempi: passare dal passato al presente senza soluzione di continuità, scombussola un pochino 😉

  3. Ciao Giusy,
    hai scelto la categoria fantascienza, quindi o ci troviamo nel futuro o in un presente alternativo oppure siamo su un altro pianeta… l’incipit a me sembra quello di un racconto horror oppure rosa, mi sbaglio? L’inizio è interessante, può venirne fuori un bel racconto, non ho capito i cambi dei tempi verbali, ma forse è parte del progetto?
    A questo punto aspetto il secondo capitolo per capire e voto per la passeggiata nel bosco.
    Alla prossima!

    • Ciao ! Mi fa piacere ti piaccia molto, continuerò al più presto.
      Si, diciamo che all’inizio cercavo di rievocare un ricordo mentre dopo volevo narrare al presente perche mi riesce di più così per esprimere le emozioni dei personaggi.
      È stato effettivamente un distacco troppo improvviso, grazie per avermelo fatto notare.
      Alla prossima !

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi