I fratelli Àncora

Dove eravamo rimasti?

C'è tanta strada da fare, pertanto: Resteremo con Ippolito dentro l'Hotel (50%)

Lo Specialista

Franco e le due soubrette giunsero nello spiazzo retrostante l’Hotel, adibito a parcheggio.

«Facciamo un giro a Giardini Naxos. Non è distante da qui, e poi saliremo a Taormina»  Disse infilando la mano nella tasca dei pantaloni.

«Ma che strano le portiere erano aperte. Ricordo d’aver chiuso tutto ieri sera. Boh!»

Karola non trattenne l’entusiasmo: «Un’ Audi A4 nuovissima nera luccicante, accidenti!»

Con quella esclamazione dubbiosa fece accomodare le due ragazze.

«Allora se siete pronte partiamo e vi spiego tutto» Riprese, avviando il  motore.

«Prontissime!» Rispose eccitata Rebeka, allacciandosi la cintura.

Svoltò sulla Statale 114 per immettersi sulla provinciale del lungomare ed iniziò il suo discorso.

*

Quella stessa mattina il buon Ippolito gironzolava nell’ampio salone sparecchiando i tavoli, ondeggiandosi mollemente a ritmo di musica. Completamente immerso nell’ascolto del suo magico cd musicale, non si accorse di una giovane coppia di clienti, seduti al tavolo accanto all’ingresso della terrazza, ancora indaffarati nella loro colazione.

«Marco, hai visto il barista! Dici che sta danzando?» Bisbigliò la donna in dialetto veneto.

«Edelina ma lo sai come sono i siciliani, appena sentono un pò di musica cantano e ballano»

«Al lavoro li chiamiamo: i Neri per Caso ah ah ah» Sbroccando in una larga risata.

«Ma che centra!»  Sbuffò la ragazza.

Incuriosita, alzò il braccio per farsi notare da Ippolito.

«Senta!»  Direzionando il tono di voce sul barista.

Ippolito sembrò ridestarsi.

Si voltò con una elegante giravolta e si catapultò al cospetto della coppietta di turisti.

«Mi aspettavo di vedere qualche bel fico!»  Gli sussurrò languidamente amareggiata Edelina, fissandolo come a volerselo mangiare.

«Dipende!»  Replicò lì per lì Ippolito titubante e perplesso. Timoroso di sbagliare,  per non farsi coinvolgere dalla vispa signora veneta – visibilmente osé – in un possibile ambiguo malinteso.

«In Sicilia ci sono due tipi di fico, quello d’India con le spine e dai svariati colori che matura in autunno. E poi c’è il fico dell’albero che matura in piena estate: Luglio e Agosto.

Dopo aver tergiversato fieramente, allungò la gamba sinistra di mezzo passo, su cui scaricò il peso del suo corpo.

«Alcune qualità maturano a fine Maggio. Che è quello molto più dolce, carnoso e succulento».

«Lei signora, si riferiva a questo tipo di fico?»   Chiese riflessivo e arguto.

«Bè, si, insomma, mi riferivo a quello duro, quello siciliano,  con le spine?»

Ammiccando una smorfia, dopo aver adocchiato fugacemente il marito; indaffarato a guardare le foto dal suo smartphone aveva snobbato la discussione della moglie.

Ippolito, per qualche attimo li osservò  incuriosito. Poi rimuginò: Ma questi, che vogliono?”

A toglierlo dall’imbarazzante stallo ci pensò la morettina veneta, che con un gesto chiaro ed esplicito dell’indice e del pollice della mano destra, mimò il suo precario rapporto intimo col marito.

«Non funziona!»   Bisbigliò, storcendo il muso.

«Siamo venuti in questo posto anche per questo motivo. Alcuni nostri amici veneti ci hanno detto che questo, è un posto afrodisiaco. Siamo sposati da pochi anni e non abbiamo ancora figli e, chissà vorremmo…»

Il quel momento nei  loro volti si  sprigionò il disagio ed anche il desiderio e la speranza forse nutrita con il viaggio turistico in Sicilia.

Colto da una velata malinconia si immedesimò e pensò come infondere fiducia alla sposina.

Improvvisamente gli si illuminò la mente.

Rimembrò una vecchia leggenda raccontata dal vecchio Àncora per distrarre i turisti durante il giro in barca attorno ai Faraglioni.

«Ma certo!» – Ribadì con tono di voce deciso, quasi a ridestarli.

Per non deluderli li rincuorò, così pacatamente, che parevano pendere dalla sue labbra.

«Ecco, adesso vi spiego!» Riprese concentratissimo.

«Un’ antichissima usanza popolare di Acitrezza narra che facendo il giro in barca attorno ai Faraglioni dei Ciclopi, le donne, o le mogli, come per un incanto, si riappropriano della loro fecondità. Anche i mariti riacquistano la loro naturale fertilità, e così possono procreare senza problemi. Ma pare che tale sortilegio funziona in determinati giorni della settimana, e principalmente se la donna facendo il giro, togliendosi le scarpe, dovrà immergersi piedi e gambe in acqua durante tutto il tragitto in barca».

Per un attimo osservò la loro meravigliata reazione. Infine, soddisfatto dalle sue inaspettate doti di persuasore, consigliò alla coppia di recarsi al porticciolo.

«Dovete chiedere di Sebastiano il barcaiolo! Detto anche Il Postino. Lui è uno specialista in missioni di questo genere.  Di giri ehm, intorno ai Faraglioni»  Mascherando un colpo di tosse, si rifugiò in un pensiero sarcastico.

“Ah Sebastiano chissà quante ne ha castigate di mogli insoddisfatte. Beato lui!”

Un barcaiolo dai riccioli d’oro e dagli occhi azzurri, affascinante e seducente, bello come un Apollo. Era noto come il Postino: nomignolo ispirato dalla metafora del famoso film americano del 1981  “Il postino suona sempre due volte.”

Pazienza, le opzioni erano ferme in parità da giorni. Scopriremo le idee di Franco un'altra volta. Intanto bisogna andare avanti:

  • Ritorniamo da Lello. (33%)
    33
  • A casa Àncora (67%)
    67
  • Sempre dentro l'Hotel con Ippolito (0%)
    0

Voti totali: 6

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

60 Commenti

  1. Buonasera Alex, gustoso e succoso come un fico, il racconto procede molto pimpante e credo che lo “specialista” e gli sposini li rivedremo presto … intanto, direi di tornare a casa Ancora. Un ritorno alla base e un rilancio per fare da collegamento alle svariate vicende dei protagonisti. Uno sguardo d’insieme.

  2. Rieccomi, Alex. Ho votato per tornare a casa Àncora, magari rivediamo Teresina e Flin 😀
    Uhm, ho come l’impressione che la sposina si sarebbe anche accontentata di un “Ippolito” oggi, piuttosto che di un “Sebastiano” domani 😀
    Se dici che la leggenda funziona, ho paura che il barcaiolo abbia una discendenza sparsa per il mondo 😀
    Capitolo divertente, mix ben riuscito di personaggi caratteristici e ambiente in cui si muovono, o forse sarebbe più giusto dire da cui prendono origine. Si intuisce che tu conosca i posti di cui scrivi e forse, chissà, qualche personaggio reale ti ha ispirato 🙂
    Ciao, ti auguro un faraglione di cose belle 😀

    • Che dire Erri… riassumo dicendoti che: tu sei sicuramente un passo avanti. 🙂
      Si certo, qualche personaggio è reale, alla fine del racconto dirò quali tra tutti, e poi sicuramente mi ha ispirato il luogo e l’ Hotel.
      Ti ringrazio tantissimo per la tua disponibilità.
      A questo punto visto l’ opzioni nettamente in vantaggio: A casa Àncora, tranne clamorosi ribaltamenti (improbabili) posso iniziare a a scrivere il capitolo. 🙂
      Grazie Erri alla prox

  3. Non male Ippolito 🙂
    Nella frase “Dopo aver tergiversato fieramente” forse mi suona meglio ” abilmente” perché ha risposto in modo cauto…
    Però non ho “visto” molto bene l’azione successiva: “allungò la gamba sinistra di mezzo passo, su cui scaricò il peso del suo corpo.”
    Ritornerai sul discorso di Frank che è rimasto sospeso?
    Voto Lello

    • Grazie Lu, la sensazione è quella che il capitolo ti sia piaciuto. 🙂
      Sul fieramente di Ippolito, si andava bene anche l’abilmente.
      Considera però che Ippolito è stato colto alla sprovvista, rispondendo prontamente ho colto la fierezza nell’aver saputo rispondere.
      Sulla gamba allungata di mezzo passo… (ho tolto Ippolito da una posizione rigida iniziale)
      In realtà è una posizione di “riposo”, che noi maschietti usiamo in certe circostanze.
      Nel caso di Ippolito, era intesa come una posizione ambigua, di attesa.
      Col piede sinistro come se avesse schiacciato qualcosa, puntato avanti, a conferma del punto a suo favore, come per dire a Edilina ” Toh beccati questa!
      Su Franco, vedrò più avanti…
      Adesso devo cercare di tessere la trama che mi sarà anche utile più avanti nel racconto.
      Ciao e grazie

  4. ciao Alex,
    un capitolo divertente. L’unica cosa he mi è parsa strana, ma forse è giustificata dal genere del racconto, è la afacilità con cui la ragazza ha raccontato gli affari suoi a un perfetto sconosciuto; in più in presenza di un marito che, dapprima, non alza gli occhi dal cellulare (nonostante il discorso intimo della moglie) e subito dopo guarda quello stesso sconosciuto con disagio.
    Io avrei anche evitato di aggiungere il titolo del film, il rimando era già chiaro.
    Detto ciò, mi è piaciuto lo scorcio che hai descritto e la leggenda, chissà se funziona davvero 🙂
    Alla prossima!
    Ho votato “a casa Àncora”.

    • Ciao keziarica, si è una giusta osservazione la tua.
      Però considera è un un racconto comico/commedia per cui bisogna cogliere gli aspetti meno per così dire normali o inconsueti delle persone.
      E poi è anche una mia caratteristica, quella di puntare l’obbiettivo su aspetti tragi-comici.
      Il mio consueto agro/dolce, è più forte di me, mi viene spontaneo. 🙂
      Cara Kazi, ti assicuro che nella vita reale capitano anche situazioni molto spinte di queste. 🙂
      Ritornando al racconto:
      Il marito non poteva restare indifferente per sempre, ad un certo punto alza gli occhi e guarda la moglie.
      Sul titolo del film, ritorniamo al discorso fatto ieri sul tuo racconto.
      Vale a dire, non sempre e non tutte le persone sanno le cose che potresti sapere tu, in quanto autore. 🙂
      Grazie per le tue considerazioni.

      ps.- sulla leggenda dei giri, ti assicuro che funziona veramente. 🙂

  5. Buonasera Alex, un vero paradiso a cui non manca nulla. Ti cito e mi unisco al tuo pensiero che hai dipinto cosi’ bene che , leggendo, mi sembrava di sentire il profumo di mare. Ho votato per un ritorno alla famiglia Ancora. Lasciamo sobollire a fuoco lento l’idea misteriosa.

  6. Rieccomi, Alex. Ho votato per scoprire l’idea di Franco.
    Ma sai che mi hai incuriosito e affascinato con i tuoi scorci di Acitrezza? Dev’essere davvero un bel posto. Insomma, mamma Teresina, cosciente o no, ha fatto qualcosa alle chiavi di Ippolito… ammazza, se il microonde fa questo effetto, provo a metterci dentro il cellulare, hai visto mai che magari ne esca fuori un’intelligenza artificiale 😀 😀
    Molto divertenti questi quattro capitoli, tra i personaggi introdotti, mi manca Lello all’appello, nel senso che non l’abbiamo ancora visto in azione. E non mi dispiacerebbe rivedere Flin 😀
    Ciao, ti auguro una settimana rilassante come un bagno di sole, d’estate, su una spiaggia a tuo piacere 😀

  7. Ciao Alex,
    rieccomi, che velocità!
    Be’ uno scorcio romantico del paesaggio e un approfondimento sui protagonisti del racconto. Mi hanno spesso mosso critiche (costruttive e sempre benaccette) sull’eccesso di particolari, vorrei fare lo stesso con te rigaurdo alla frase: “Ad un tratto l’attenzione delle due ragazze fu rapita da una musichetta diffusa dall’impianto stereofonico a circuito interno del Riviera hotel che si estendeva anche all’esterno e sulla terrazza.” forse sarebbe bastato scrivere che l’albergo è dotato di filodiffusione e che la musica arriva da lì?
    Per il resto, bene. Vorei conoscere l’idea di Franco.
    Alla prossima!

  8. Ciao Alex,
    molto vivida ed evocativa la descrizione dell’hotel e della sua collocazione, Allegra te la invidia moltissimo 😉
    L’unico appunto che mi sento di farti riguarda la frase: “sin dagli inizi anni novanta.” mi suona un po’ strana, forse “dall’inizio degli anni novanta” o “a inizio anni novanta”… è una mia impressione 🙂
    C’è anche un refusino: ” cui andava fiero” manca la preposizione?
    Per il resto il copitolo va alla grande. Visto che mi piacciono gli alberghi, direi di proseguire con le dinamiche all’interno del Riviera Hotel.
    Alla prossima!

    • Ciao keziarica grazie per la tua attenta disamina. 🙂
      Penso che quel ” sin dagli” era diretto per rimarcare proprio i primissimi anni 90′ (1991-1992 ecc..) però per come hai precisato, si poteva evitare. 🙂
      Bene, farò un salto da Allegra per carpire qualche segreto sul suo Hotel. 🙂
      Ciao e grazie per esser passata

  9. Ciao Alex.

    Non ho ancora commentato, pur seguendo la storia e votando in ogni episodio )O( <- Chissà se si vedrà l'icona che mi aspetto di vedere?

    Questi fratelli Ancora sono molto curiosi e mi fanno sicuramente sorridere. Originale il fatto di mettere uno dei fratelli a lavorare nel Grand Hotel, insomma non so se è humour però è divertente, fa sorridere, fa pensare, emoziona. Grazie.

    Alla prossima.

    PS: famiglia Ancora

  10. Continuiamo con l’hotel assolutamente!
    Alex mannaggia, mi hai fatto tornare la voglia di estate, di posti sperduti nel verde, dei profumi caratteristici di queste meraviglie terrestri!
    Questo capitolo mi è piaciuto più degli altri!
    Avanti così!

  11. Ginetto…
    Ho letto i due capitoli e come sempre i tuoi personaggi sono vivi, sono tra noi. Del primo pezzo mi è rimasto in mente un passaggio della luna che si riflette sul Mar Ionio. Nel secondo il pezzo di abbracci con la madre caratterizza i personaggi…
    Adesso che ci sono rimango fino alla fine, avanti!

  12. Ciao Alex,
    mi sono persa l’inizio del racconto, o quantomeno la possibilità di votare le opzioni del primo capitolo.
    Effettivamente, dato che ne parli tu, ho notato una certa differenza tra il primo capitolo e il secondo, che mi pare più… maturo. E non si tratta di averlo scritto anni fa, possono essere passati anche pochi mesi, se rileggo cose scritto l’anno scorso mi rendo conto di quanto è cambiato il mio stile.
    Mi risulta un po’ nostalgico il quadro che hai dipinto finora, la madre anziana, il padre che non c’è più, il panorama a cui Ippolito è legato come a un membro della sua famiglia… vorrei sapere che lavoro fa.
    Scusa il ritardo 🙂
    Alla prossima!

    • Ciao keziarica, intanto grazie per esser passata a leggere il racconto.
      Ma non dovevi scusarti, nessuna pretesa per nessun autore, mi piace leggerti. Ovviamente sono felicissimo se e quando gli autori passano a giocare ed a leggere il mio racconto.
      Ad ogni modo, le tue osservazioni sono sempre interessanti, induco sempre alla riflessione e qui su Incipit, è sempre meglio condividere anche e le riflessioni. Ed è uno dei motivi per cui scrivo in questo sito.
      L’idea iniziale di questo racconto è nata nel 2012, però una cosa è l’idea altra cosa è raccontarla (spero degnamente).
      Il filo conduttore dovrebbe rimanere quello in origine e per il resto mi affiderò alla mia fantasia e alla mia vena ispiratrice.
      Ciao e ancora grazie

  13. Ginetto, ma un po’ a caso.
    Bello e particolare, questo capitolo, mi è piaciuto.
    L’unico dubbio che ho è di spazio: i particolari sui protagonisti sono gradevolissimi e originali, ma non rischiano di rubare troppo spazio al resto della storia?
    In ogni caso, è stato molto piacevole leggerli 😀
    Ciao, a presto

    • Ciao Max, hai visto giusto.
      Infatti è il mio solito problema: inizio a scrivere una storia, poi non so dove andrò a parare.
      Mi è successo con i racconti precedenti, mi succederà anche in questo, ma intanto scrivo e poi si vedrà. 🙂
      Grazie per l’apprezzamento, spero di continuare su questa strada.
      ciao

  14. Buonasera Alex, ti voto il Ginetto e vedo che la maggioranza mi aiuta.Mi piacciono i racconti in cui compaiono famiglie, meglio se simpaticamente “scombinate” come questa dei fratelli Ancora.Bella anche l’ambientazione. Il volto sorridente di Acitrezza,a smentire quello “tragico” tramandato nei Malavoglia.Ti seguo con piacere e il sorriso sulle labbra..

    • Salve cactus, si, stavolta andremo controcorrente, i Malavoglia rimarranno un antico ricordo.
      Se hai avuto la fortuna di visitare quei posti, sarai rimasta sicuramente affascinata. 🙂
      E infatti, l’impressione che ho avuto, pari, pari la stessa della tua: “Il volto sorridente di Acitrezza,”
      Così deve essere.
      Grazie infinite per il tuo apprezzamento. Spero di far bene.
      A presto

  15. Buongiorno Alex
    Bene, adesso conosciamo meglio i caratteri opposti dei due fratelli. Chissà se, in seguito, questa differenza porterà a degli avvenimenti contrastanti.
    Due dettagliucci: ho trovato qualche ripetizione “Fiat Panda” e un uso “generoso” dell’aggettivo possessivo “sua”. Nella frase “i due passano intere giornate a giocare sul lungo mare” forse volevi scrivere passavano.
    Ri-voto il lavoro di Ippolito.

    • Grazie Louise per esser passata.
      Attentissima come sempre, e utilissima alla buona causa. 🙂
      Si, rileggendo mi sono accorto (purtroppo dopo) di alcuni errori e qualche refuso.
      Proverò a rimediare, ma qui sul sito sarà un pò difficile.
      ok, andremo avanti coi fratelli, speriamo bene.
      Ciao

    • Salve Feather mi sento davvero molto lusingato.
      Grazie infinite
      A proposito di personaggi del racconto, ci crederesti che ho stravolto la mia idea iniziale… appunto sui personaggi.
      Il soggetto in questione è datato 2012, per soggetto intendo: l’idea, la traccia di una possibile storia. All’epoca l’intenzione e la finalità doveva esser quella di realizzare un film comico/commedia. . Per anni è rimasta solamente l’intenzione.
      E i personaggi di allora sono diversi da quelli odierni.
      Che resti un segreto tra noi…:)

    • Per come dissi nel precedente racconto: cerco di tenermi impegnato, e a quanto pare grazie a TI e grazie a tutti voi ci sto riuscendo.
      E mentre il ferro è caldo cerco di batterlo per bene.
      Si, e la mia idea su quella famiglia non “finirebbe” ancora….
      Spero di renderla sempre più interessante..
      Ciao grazie e buona Domenica

  16. Quando vivevo a casa con i miei, mio fratello aveva sempre l’abitudine di mettere le chiavi della macchina dentro al cesto del pane, perchè così diceva era sicuro di non perderle! In effetti non le ha mai perse, ma per quale motivo non le metteva nel portachiavi vicino alla porta d’entrata non l’ho mai capito. Bell’inizio Alex, mi immagino Ippolito come un mammone di mezza età un po’ sciatto; vediamo com’è suo fratello, d’altronde anche lui deve essere un personaggio importante nella storia, visto che è un fratello Ancora!
    Al prossimo!

    • Ciao Flow, sono contento di leggerti, anzi doppiamente contento.
      Prima perchè non mi aspettavo il tuo bel commento. Risultò una bella sorpresa. 🙂
      E poi perchè sono sicuro che I fratelli Ancora, ti coinvolgeranno e ti invoglieranno a scrivere, e quindi sono sicuro che tornerai a completare il tuo racconto.
      Si, penso che in ognuno di noi si nasconde qualche piccola mania. Qualcosa di ripetitivo o di insolito… Certo che la Teresina ha sorpreso e non poco il povero Ippolito… 🙂
      Vediamo cosa succederà, sono curioso anche io…
      Il bello di scrivere in TI è proprio questa strana consapevolezza di poter scrivere qualcosa che non ho mai pensato o pianificato . (almeno per me)
      Ecco perchè son curioso anche io, perchè non so cosa potrò scrivere domani o fra qualche giorno, nonostante l’idea iniziale.
      Ciao e grazie

  17. Se hai iniziato parlando della sveglia per Lello, non vedo perché non dovresti presentarlo nel prossimo capitolo. E’ sempre bello leggere storie ambientate in luoghi che conosco o in cui sono stato, come il golfo di Ognina, e il tuo approccio mi da l’idea che tu lo conosca molto bene.
    Beh devo dire che hai uno sbocco abbastanza grande sulla trama che non si è ancora avviata del tutto. Unica pecca, fai attenzione alla punteggiatura, ho notato un paio di punti scambiati con virgole o subordinate che finivano col punto, staccate dalla principale, ma niente a cui non si possa rimediare.
    alla prossima
    JS

    ps, riconosco la rottura di cabbasisi del dover mettere il grassetto a tutti i discorsi diretti, ma non è una cattiva idea

    • Salve John, ti ringrazio per il bel commento e per i preziosi consigli.
      Sui “cabassisi” ho preferito mettere il corsivo, come per altri termini dialettali.
      Si,certo. Seppur vivendo nell’entro terra, conosco quei posti, in cui ho vissuto momenti belli e purtroppo momenti anche tristi.
      L’idea è quella di realizzare una commedia comica, (non tragico/comica) per quanto riguarda la trama, per forza di cose si dovrà delineare nei successivi capitoli.
      Ho visto che le opzioni sono sulla parità, pertanto mi toccherà aspettare l’esito finale (consolidato) prima di iniziare a scrivere il secondo capitolo. 🙂
      Ciao e grazie

    • Ciao Feather, grazie per la fiducia.
      Cercherò come sempre di fare del mio meglio.
      Il genere comico/commedia a dire la verità: mi ha sempre attratto.
      Capisco però che è assai difficile da scrivere.
      Pertanto una sfida importante (per me) “sarebbe” quella di poter terminare degnamente i 10° capitoli.
      Grazie per esser passata

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi