Le Terre Maledette

Dove eravamo rimasti?

Come si svolgerà l'incontro? Mentre parlano, si scopre che uno di loro ha trovato l'artefatto tra i tesori di alcune rovine. (67%)

Sorprese del fato

L’accampamento si trovava in una piccola caverna: un piccolo focolare illuminava l’area, per la maggior parte occupata da sacchi pieni di roba e da giacigli fatti di pellicce e piume. Attorno ad esso i tre uomini si riscaldavano e aspettavano che la zuppa, messa a cuocere in un vecchio paiolo sopra il fuoco, fosse pronta. Uno di loro, il più robusto, mescolava la zuppa mentre con l’altra mano si arricciolava i folti baffi; di fronte sedeva un uomo piuttosto magro e incappucciato, intento ad affilare i suoi pugnali; in mezzo un uomo muscoloso dall’aria truce, con una cicatrice sull’occhio destro, che guardava il fuoco. Quando Andor e Nax entrarono nella caverna, questo li guardò e disse con voce profonda:

“Ci hai messo tanto, Andor. Dovevi andare a caccia e invece hai trovato un altro folle”

“Su, Thorbin. Non è più folle di te od Orlan” replicò Andor, riferendosi infine all’uomo baffuto.

“Certo. Allora cosa dire di te? Per non parlare di Lunard…” disse Orlan mentre assaggiava la zuppa.

Lunard smise di affilare i pugnali, alzò la testa e rispose:

“Tu non sai niente di me. Chiudi la bocca o la tua lingua finirà in quella zuppa”.

“Calma Lunard. Lui ha bisogno della sua lingua” esclamò ridacchiando Andor.

Finalmente la zuppa era pronta. Andor e Nax si unirono agli altri attorno al focolare e cominciarono a mangiare. Come da “tradizione”, i nuovi arrivati dovevano presentarsi e raccontare la propria storia. Dopo di lui toccò agli altri. Orlan raccontò di esser un mercante e di aver viaggiato in lungo e in largo per ottenere le merci più rare e pregiate; infine la curiosità l’aveva condotto lì.

“Non è troppo rischioso viaggiare con tutta quella roba dietro?” domandò Nax incuriosito.

“Sì. Tante, troppe volte sono stato attaccato dai furfanti ma hanno sempre fatto i conti con Arlyn, la mia ascia bipenne. Lei non perdona” rispose tutto impettito Orlan.

Thorbin spiegò di essere un soldato alla corte di Lokrand e che un giorno si innamorò della principessa; il re gli avrebbe concesso la sua mano solo dopo aver dimostrato il suo valore, così si offrì di riportare indietro l’artefatto.

“Thorbin ha il cuore tenero, anche se fa tanto il duro. Ha persino chiamato la sua lancia Elhen, come la principessa” disse Andor.

“Piantala Andor!” esclamò Thorbin, arrossendo.

Giunse il turno di Lunard, ma non spiccicò parola. Nax provò a convincerlo:

“Rispetto la tua riservatezza. Mi farebbe comunque piacere sapere la tua storia. Se vorrai parlare, sappi che io ti ascolterò senza giudicare. Lo stesso faranno gli altri, vero?”. Nessuno fiatò.

Lunard, un po’ insicuro, iniziò: “ Provengo da Eigius e faccio… anzi, facevo parte di una banda di ladri, i Roonar. Sono cresciuto con loro e per anni li ho seguiti derubando e saccheggiando, ma quando il comando passò a Gorin tutto cambiò. Da ladri diventammo assassini. Vidi versare troppo sangue per futili motivi e così, stufo di quella vita, mi avventurai fin qui per chiedere perdono alla Dama di Luce. Il suo santuario si trova in queste terre ma non so dove. Se dovessi perire nella ricerca andrebbe bene: la giusta punizione per i miei misfatti”.

Rimasero tutti attoniti da quelle parole; Orlan si scusò per averlo preso in giro mentre Thorbin si complimentò per la sua decisione.

“ Prima ti riferivi a Gorin Ombra Silente?”chiese Nax.

Lunard rispose di sì, poi Nax continuò: “Questa cosa non ha senso…. É morto di vecchiaia in prigione più di 20 anni fa. Ricordo distintamente la notizia: tutti ne parlavano. Chiunque fosse con lui è stato imprigionato o ucciso”.

Lunard rimase pietrificato all’udir di tali parole, non riuscendo a credervi; fu il silenzio. Nax cominciò a capire ma aveva bisogno di un’ultima conferma:

“Una domanda: per voi, in che anno siamo?”

“Anno 901 della terza epoca” rispose per primo Andor, incuriosito dalla domanda.

“Non dire fesserie. È l’anno 883” ribatté convinto Olrlan, mentre prendeva uno dei suoi sacchi.

“Vi è andata di traverso la zuppa per caso? Siamo nell’838” disse Thorbin con tono serio.

Infine rispose Lunard: “870..”

Finalmente era tutto chiaro. Nax si alzò e iniziò a spiegare:

“Sin da quando ho attraversato il portale mi sono imbattuto in cose parecchio strane: i corpi dei soldati di Hanor nella radura, notati da tutti suppongo; abitanti del regno ancora vivi ed una donna che diceva fossero passati solo pochi mesi dalla morte di Enantur; la presenza di Ombre, distrutte dall’artefatto secondo la leggenda; adesso Lunard afferma di conoscere Gorin, morto già da tempo. Se aggiungiamo le vostre risposte, la conclusione può essere solo una: qui il tempo scorre più lentamente. Credo che l’unico modo per uscire da qui sia trovare l’artefatto”.

Rimasero tutti sconcertati; poi Orlan, mentre frugava nel suo sacco, disse:

“Che mucchio di sciocchezze! Una cosa simile non è possibile né in cielo né in ter…”.

Si fermò all’improvviso. Teneva in mano uno strano oggetto tetraedrico, pieno di strani simboli e luminescente. Quando lo videro, tutti capirono che si trattava dell’artefatto.

Consci del fatto che il tempo passa più lentamente e di essere rimasti intrappolati in quelle terre, chi vuole l'artefatto tutto per sé?

  • Lunard, per chiedere perdono ed essere liberato dai propri peccati invece di andare al santuario. (50%)
    50
  • Orlan, per venderlo a qualcuno abbastanza folle da usarlo per un mucchio di soldi. (0%)
    0
  • Thorbin, per tornare dalla sua amata, morta per il passare del tempo. (50%)
    50

Voti totali: 2

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

11 Commenti

  1. Mi piacerebbe il gruppetto che va tutt’insieme alla ricerca, ma stanotte ho voglie di sovvertire le cose e quindi voto che hanno già ritrovato l’artefatto! 😀

    Nel primo capitolo si parlava di 200 anni, adesso di 170… ok, qualcuno potrebbe aver arrotondato, ma questa storia delle Terre Maledette ancora abitate ed altro, mi dà l’impressione che ci sia qualcosa di più sotto… uhm…

    Ciao 🙂

  2. D’avvero un racconto intrigante! spero veramente che presto verrà pubblicato il proseguo perché sono veramente ansioso di scopriere cosa troverà Nax oltre il portale!
    ps: spero tanto che non faccia la fine di tutti gli altri!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi