Allora Frank

Lumpy Gravy

– Allora Frank, porti i capelli lunghi. Questo fa di te una donna?

– Tu hai una gamba di legno. Questo fa di te un tavolo?-

Dopo aver ascoltato per tutto il giorno Frank Zappa e aver letto qualsiasi cosa lo riguardasse mi ero vestita velocemente: gonna a ruota rossa con piccoli fiori blu, maglietta bianca e scarpe senape con tacco medio che mi facevano correre veloce sui marciapiedi del centro. Lei, Irene, era la mia migliore amica, capelli biondi e sguardo di cielo, era la sorella che non avevo avuto, la mia anima gemella al femminile e quel giorno aveva un cappello ridicolo.

– Non andiamo ad una festa per bambini, non so come ti sia venuta questa idea-

– Simpatica, se ti copri ancora un po’ ti scambieranno per una quarantacinquenne-

– Beh, in realtà con queste zampe di galline speravo di confondermi nel pollaio-

– Qual è la via?-

– Via della Camilluccia…il numero non me lo ricordo ma so dov’è –

– Ok, però avvertimi in tempo quando dobbiamo girare, magari non due metri prima –

-Va bene ma stai calma, sono l’unica che può essere nervosa in questa situazione –

– Come sei drammatica, neanche stessimo andando alla festa di fidanzamento del tuo ex che ti ha lasciato disperata sull’altare –

– Ah ah, carina questa, me la scrivo nel taccuino che tengo sul comodino affianco alla sveglia di Winnie The Pooh –

***

– Oh ciao tesoro! Come stai? Ti trovo in splendida forma, avrai perso almeno 3 kg dall’ultima volta che ti ho visto…diglielo anche tu Carlo-

– Sei bellissima come sempre Livia –

Il padre di Luca mi aveva sempre adorato, ed era un’adorazione reciproca, amavo ascoltare i suoi racconti, era un uomo di grande cultura, sagace e sensibile.

– Ciao Marta, grazie mille Carlo – sorrisi – si si, sto bene e voi?- aggiunsi imbarazzata.

– Abbastanza, non possiamo lamentarci –

– Sono contenta, vado a salutare Luca allora, ci vediamo dopo-

– Certo certo, vai pure tesoro-

Mentre raggiungevo il terrazzo passai in rassegna la quantità di cuscini di ogni forma, dimensione e colore che arredavano quella villetta con giardino perfettamente tosato. La cosa che mi stupiva era la quantità di sfumature di beige che esistevano, non riuscivo quasi a contarle, pensai alla mia professoressa di Educazione Artistica delle medie ( Di Cicco, Di Cecco, De Cecco…), anche lei sarebbe rimasta sorpresa;  invece di assegnarci tutte quelle tavole con i colori primari avrebbe potuto introdurre qualcosa di nuovo e per nulla ovvio: una tavola con tutte le sfumature del beige ecco.

– Livia!!!-

– Ciao Luca, come stai? Immagino che tu sia un tantino nervoso-

– Beh si, un po’ si, forse lo ero di più con te però-

– Che bello, la prima volta è sempre scioccante, poi ci si abitua- risi.

– Ah ah ah, mi mancava quasi il tuo senso dell’umorismo, ti faccio conoscere Sara, stai buona però-

– Così mi offendi tesoro, sembra tu stia alludendo alla mia mancanza di autocontrollo-

– No, sto alludendo a quando mi hai rigato la macchina con l’ arciere scrivendo le parole di As long as you love me

– Credevo fosse la tua canzone preferita, la mettevi sempre quando eri in bagno-

– Sara, amore, lei è Livia –

– Ciao, è un piacere conoscerti, Luca mi ha parlato molto di te-

– Immagino, spero ti abbia raccontato dell’arciere, dei Backstreet boys ehehe  – sogghignai – anche per me è un piacere Sara, anche Luca mi ha parlato molto di te, vi auguro davvero il meglio-

– Grazie, sei una donna in gamba, so bene che non è facile essere qui-

– Ah, anche tu sei stata lasciata sull’altare disperata? Guarda le coincidenze –

– Ma no scherzi? Assolutamente no, non volevo dire questo, forse non mi sono spiegata bene, scusami – disse arrossendo.

– Tranquilla, sono passati molti anni, vado a prendere qualcosa da bere così dimentico questi ultimi 30 secondi – sorrisi – scherzo, ci vediamo dopo-

Mi allontanai stampandomi un sorriso fiero in faccia e cercando lo sguardo di Irene mentre il mio sopracciglio sinistro cominciava a tremare vistosamente. Mi ci vollero due Martini per distenderlo.

Cosa farà Livia?

  • Rimarrà chiusa in bagno (0%)
    0
  • Rimarrà e conoscerà un amico di Luca (100%)
    100
  • Si renderà conto che è ancora gelosa di Luca e lascerà la festa (0%)
    0

Voti totali: 1

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

1 Commento

  1. …ciao! il tuo modo di utilizzare i dialoghi ti porta per mano a rivivere le emozioni dei protagonisti…molto emozionante. grazie…
    …andare, dopo essersi resi conto di esser coinvolti da qualcosa o qualcuno, bisogna andare…a capirlo di più forse a rendere la sensazione più nitida…oppure a comprendere se si ha solo bisogno di un calesse…
    ti seguo…prosegui!!!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi