Una vita (a tempo determinato)

Dove eravamo rimasti?

cosa vuole la polizia da Anna Luce? è stata denunciata da qualcuno come mittente dell'incendio alla villa (100%)

10

Arrivammo in commissariato dopo 10 minuti,mi portarono in una stanza e Valenti iniziò a farmi delle domande:

  • Signorina Anna Luce,dov’era la scorsa notte?
  • Ero a casa mia,che dormivo
  • Può confermarlo qualcuno?
  • Certo,io vivo con mia nonna. Ma preferirei tenerla fuori da questa storia.
  • Se vuole un alibi dovremmo interrogare anche lei .Verso che ora è andata a dormire?
  • Non saprei,credo fossero le undici …
  • E sua nonna era già a letto?
  • Si,l’accompagno io …
  • E quanto tempo prima l’accompagna?
  • Un’oretta prima …
  • Quindi probabilmente sua nonna dormiva già,quando lei dice di essere andata a domire?
  •  dove vuole arrivare commissario?
  • Voglio arrivare a dire che lei avrebbe potuto tranquillamente uscire di casa senza che sua nonna se ne accorgesse,giusto?
  • Vada al punto commissario!la prego!
  • Abbiamo ricevuto, questa mattina, una telefonata da parte dell’ex moglie di Filippo Forte, la signora Adele Parodi :lei crede che la responsabile dell’incidente al suo ex marito sia lei,signorina Ruggero.
  • Sta scherzando commissario,vero?
  • No,non sto scherzando. Che ci faceva lei questa mattina in ospedale?
  • Sono andata a trovarlo …
  • Vi conoscevate?
  • No …
  • E allora perché è andata a trovarlo?
  • Volevo vedere come stava ,non credo sia un reato!
  • Non è un reato se si conosce la persona che si va a trovare o si ha un minimo di parentela. Altrimenti potrei pensare che volesse finire quello che non le era riuscito la sera prima …
  • Commissario … lei mi sta accusando di aver appiccato l’incendio alla villa di Filippo Forte?
  • Purtroppo non ho prove concrete,ma lei capisce che se le cose rimangono così è la maggiore sospettata …
  • Commissario,io non ho appiccato nessun incendio! non sono andata a trovare il signor Forte perché volevo finire di ucciderlo!controlli la mia fedina penale,non ho mai fatto del male a nessuno!!
  • Lo so,è per questo che non posso arrestarla!ma se lei non conosceva il signor Forte,che ci faceva in ospedale stamattina?
  • Glielo ho già detto,volevo vedere come stava!
  • Perché?qual era  il suo interesse?
  • Filippo Forte è mio padre commissario!Questo non ve l’ha detto la signora Adele Parodi?
  • Da quello che sappiamo Filippo Forte non ha figli.potrebbe dimostrare questa parentela?
  • Ho una lettera che mi ha scritto lui qualche giorno fa.
  • Perché non è stata mai riconosciuta?
  • Perché mio padre aveva una relazione con una donna,nonché mia madre,prima di sposarsi con Adele Parodi. E quando rimase incinta mia padre non volle rinunciare al suo matrimonio.
  • Può farci avere una copia di questa lettera? Potremmo sentire sua madre?come si chiama?
  • Mia madre vive in Germania,si chiama Tina e porto il suo cognome. Per quanto riguarda la lettera ve la farò avere al più presto.
  • E sarebbe disposta a eseguire il test del DNA?
  • Sono disposta a tutto. Ma voi dovete trovare il vero colpevole commissario. Io sono trent’anni che aspetto mio padre,e adesso che l’ho trovato non voglio dovermi allontanare da lui!

Scoppiai di nuovo in lacrime. Era un pianto rabbioso. Questa storia sembrava complicarsi sempre più. io non avevo mai fatto male a nessuno,e adesso mi accusavano di aver provato ad uccidere mio padre?cara Adele, non ho mai provato una rabbia così forte verso qualcuno. Spero di non incontrarti mai più,perché potrei non controllarmi. In quel momento entrò un ragazzo,forse un giovane agente,e diceva che un uomo insisteva per  entrare. Vidi Roberto dietro di lui e mi venne istintivo alzarmi in piedi e chiamarlo.

  • Signorina,chi è quest’uomo?lo conosce?
  • Si … è un mio amico.
  • Per adesso la lascio andare,ma si tenga a disposizione  e soprattutto stia lontana dal signor Forte per adesso ,non vorrei doverle fare un mandato restrittivo.
  • Sta scherzando vero?
  • Stia lontana dal suo presunto padre e faccia il test del DNA.Vada.

Uscii da quell’ufficio e corsi ad abbracciare Roberto.Gli raccontai tutto:della denuncia di Adele,che avrei dovuto fare il test del DNA e che dovevo consegnare la lettera di mio padre. In macchina io e Roberto non parlammo molto,l’ansia e il nervosismo,almeno per quanto mi riguarda,potevano tagliarsi con il coltello.

  • Roberto ,resta con me questa notte,ti prego!
  • Sei sicura?che penserà tua nonna?
  • Che finalmente sua nipote ha trovato qualcuno che le vuole bene,e a cui vuole bene,tanto!

    Roberto mi diede un bacio,parcheggiò la macchina e salimmo in casa. Sentivo nonna che piangeva e strillava in salotto.

    • Nonna,calmati,sono tornata!
    • Luce!Madre mia che paura!che t’hanno fatto?
    • Solo qualche domanda!Carmela grazie ancora!
    • Figurati … allora vado!
    • Prometto di non richiamarti per oggi!
    • Tranquilla Luce!ma cerca di risolvere il prima possibile questa storia,perché a tua nonna tutto sto stress non fa bene!
    • Hai ragione!
    • Luce,chi è sto ragazzo?
    • Nonna ti presento Roberto ,Roberto lei è mia nonna Lea.
    • Piacere di conoscerla signora!
    • Piacere !
    • Nonna ascolta,c’è un problema:sono stata denunciata.
    • Che?!
    • Adele mi ha denunciata. Sono la prima sospettata per l’incidente a Filippo.
    • Me sento male!*  Abbracciai mia nonna e la accompagnai a letto con l’aiuto di Roberto.Sul cellulare avevo molte chiamate perse di mia madre. Decisi di richiamarla subito.
Categorie

Lascia un commento

25 Commenti

  1. Ciao Luce, bel capitolo movimentato, ma era giusto così!
    Siamo alla fine e spero che tutto torni, quindi dalla denuncia si potrà arrivare ad un epilogo che possa dare equilibrio all’animo inquieto della nostra protagonista.
    Leggerò l’ultimo capitolo e spero di giocare con un’altra tua storia al più presto…

  2. È stata denunciata, molto probabilmente dalla ex moglie di Filippo, che in cerca di un colpevole per coprirsi ( forse) avrà suggerito alla polizia questa probabile pista.
    Capitolo ben strutturato, immagini nitide della scena.
    Ti sostengo sempre!

  3. Ciao Lu.ce
    La storia procede coerente e ci avviciniamo al finale.
    voto la denuncia, anche se hai solo un capitolo per chiudere la storia.
    Ancora un suggerimento per il futuro, gli elenchi puntati sono un modo inusuale di presentare i dialoghi. Si possono sostituire con il trattino – oppure con i caporali « », migliora la formattazione, salva spazio e sono esteticamente più gradevoli. 😊

    PS se vuoi, quando puoi, viene a trovarmi.

  4. Ciao Luce, come promesso ho letto la tua storia e mi è piaciuta…
    La vita spesso ci riserva delle sorprese e non sempre riusciamo ad affrontarle con serenità, Anna Luce però non è da sola.
    Io tifo per Roberto, ma credo che la nostra protagonista stia cominciando a credere più in se stessa, probabilmente l’amore aiuta.
    Aspetto il prossimo capitolo, buon lavoro e a presto!

  5. Buongiorno Lu.ce
    ho letto tutti i capitoli, la tua storia è carina.
    Agganciandomi alle parole di Feather, credo che la formattazione non ti habbia aiutato ad avere più lettori.
    Mi spiego. Quando si legge a video, il testo deve essere il più possibile scorrevole. I tuoi paragrafi sono densi, si può ovviare inserendo uno spazio dopo ogni punto e dopo ogni virgola e andare a capo più spesso, altrimenti la lettura diventa quasi ipnotica. Per i cambi di scena potresti usare *** epoi andare a capo.
    Spero tu non ti offenda per quanto scritto sopra.
    Intanto voto Roberto.

  6. A meno che non si trasformi in un fantasy deve essere Roberto!
    Wow, questo capitolo mi ha catturata e ti faccio I miei complimenti!
    Qualche ripetizione non necessaria da evitare e ci siamo!
    Sembrava un quadro surrealista la scena finale, non so perché, ma mi sono immaginata un opera di Matisse, la bella prigioniera.
    Non capisco come mai la tua storia sia così poco seguita.
    Purtroppo il rosa ha molti pregiudizi.

  7. Ciao Lu.Ce, ho votato per l’incontro. Sono talmente entrata nella storia che mi piace immaginare di essere anch’ io un’amica di Anna.. Il mio consiglio sarebbe quello di non rivelare la mia identita’ di “figlia”
    Non dovrebbe scordare che lui ha chiesto a sua madte di abortire . Non merita di essere padre. Vediamo come la pensa Anna!

  8. Ciao Lu.Ce, meno male che e’ un sogno e che si torna alla commedia , anzi alla ttagicommedia quotidiana molto diversa, grazie al cielo, dalle soap strappalacrme. Ridere piangendo o viceversa e’ una antica arte partenopea che apprezzo molto. A presto!

  9. Ciao LuCe, la faccenda si complica, a quanto leggo. Ho votato lo sconosciuto perche’ il tipo sembra piovere proprio dallo spazio. E poi c’e’ la coppia gay in arrivo e la famiglia in assetto di guerra. Dialoghi ottimi. Unico neo (per mr) qualche spiegazipne di troppo che toglie.naturalezza.

  10. Direi un vecchio compagno di scuola, le due alternative non mi sembrano molto sensate.
    Bello l’accento dialettale di nonna e nipote, ma consiglio di prestare maggiore attenzione alla forma del testo. Gli spazi che saltano sono piuttosto fastidiosi da leggere, così come il dialogo telefonico stile copione, che sì, fa risparmiare spazio, però è davvero bruttino da vedere.
    Occhio anche a un paio di tempi verbali sbagliati.

  11. Ciao Lu.Ce, sono contenta di averti votato per prima. Il tuo racconto mi è molto piaciuto. Fresco, scorrevole e con un bel tocco humor. Ho votato per il compagno di scuola perché mi è sembrato che la povera Luce, avesse già un bel da fare con i suoi familiari “terribili” (per non parlar del gatto). Vienimi a trovare. A presto.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi