Dragon island – the war

Breve prologo - sei il prescelto

Benvenuto,mio caro guerriero

Io sono Alice,l’ultima prescelta prima di te,purtroppo,ho fallito la missione e sono stata intrappolata in questo libro

Devi sapere che molti prima di te hanno provato a farcela,come me,ma hanno fallito e sono stati intrappolati

Ma vedo del potenziale in te,puoi vincere,me lo sento

Per prima cosa,vai al castello di Prescelteaum

Dopo molta fatica e pazienza….arrivi…….il castello di Prescelteaum,Interamente fatto del diamante rosa,un materiale trovabile solo qui a dragon island

Entri,e noti un uomo,con la barba e i vestiti verdi,con un bastone e un cappello verde,che inizia a parlare

– Buongiorno,tu devi essere il prescelto –

– Eh….si… – replichi tu

– Allora,quell’ascensore li ti portera a dragon island,ma prima,devi scegliere il tuo cammino 

– Cioe? – chiedi tu confuso..

-Dovrai scegliere il cammino tra uno di questi: –

Arcere:

Sarai un arciere,con una mira eccellente che migliorerà sempre di più con il tempo,ti ritroverai con un arco,e delle freccie,che man mano che passa saranno dotate di poteri magici

Guerriero:

Sarai un guerriero,potente e coraggioso

Avrai una spada,che man mano che passa si migliorerà e sara dotata di poteri magici

Mago:

Sarai un mago,un maestro degli incantesimi

Man mano che passerà sbloccherai sempre più poteri

Allora….cosa scegli? scegli il tuo cammino….

Cosa scegli? scegli il tuo cammino....

  • Mago (33%)
    33
  • Guerriero (33%)
    33
  • Arciere (33%)
    33

Voti totali: 3

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

3 Commenti

  1. Mago, perché mi pare la scelta più comoda.
    L’idea è carina e credo che possa rendere bene su un sito come questo, ma ci sarebbero parecchie cose che potresti migliorare. La punteggiatura, innanzitutto (non abusare dei puntini di sospensione, quando sono troppi, diventano pesanti), l’ortografia (ci sono diversi errori) e gli spazi che saltano.

    Ti consiglierei anche di approfondire un po’ di più i fatti, senza correre troppo, altrimenti rischi di dare l’idea di una storia raccontata in modo troppo frettoloso.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi