Wonderland Alice – Queen of Hearts

Visite notturne

La ragazza era seduta nel proprio letto, con la coperta ammassata in fondo ad esso. In mano teneva uno spesso libro dalla rigida copertina blu, mentre i fregi e il titolo erano color oro, utilizzando le proprie gambe come fossero un leggìo.

La luce della candela, posta sul mobile affiancato al giaciglio, trasformava il biondo dei suoi capelli nel colore del sole tramontante, mentre i suoi occhi marroni si muovevano veloci lungo i binari di parole stampati sulle pagine.

Una leggera, seppur calda, brezza estiva accarezzò il volto della giovane. I grilli riempivano il silenzio dell’aria con il loro frinire, accompagnati, a cadenza regolare, dal voltarsi delle pagine.

La ragazza non si accorse degli scricchiolii che si facevano sempre più vicini alla stanza nella quale ella si trovava, talmente era presa dalla lettura del tomo.

La porta della camera si aprì con un sonoro cigolìo, prendendo quasi di sorpresa la giovane, la quale si voltò verso la propria destra, in direzione dell’uscio spalancato. Vide un uomo in piedi, con la mano appoggiata allo stipite. I suoi occhi verdi brillavano della luce della candela, mentre i corti capelli biondi, che si univano alla folta barba dorata formando un cerchio che contornava il viso, avevano assunto una leggera sfumatura bronzea.

«Metti a posto quel libro e spegni il lume, Alice. Dovresti dormire già da un pezzo», disse quasi irritato John.

«Va bene, papà», rispose sospirando la ragazza, chiudendo quindi il tomo e riponendolo sul mobiletto affiancato al letto. Si sdraiò sul materasso, con i biondi boccoli che le facevano come da secondo cuscino.

«Non so neanche perché ti ho preso quel libro,», Continuò lui.

«Perché vuoi bene a tua figlia e perché è il mio compleanno», Ribatté Alice con fare scherzoso, girandosi sul fianco e guardando la schiena del padre che aveva iniziato ad allontanarsi.

—-

Il silenzio notturno venne interrotto dalla porta che veniva aperta violentemente. La ragazza si destò dal proprio sonno, mettendosi rapidamente seduta sul letto e, con la stessa velocità con la quale si era alzata, accese un fiammifero, che avvicinò poi alla candela. Notò la presenza di una persona seduta sul lato opposto della camera, con la schiena poggiata contro il muro.

Nella stanza era entrato un giovane dai capelli della stessa tinta della neve, mentre l’occhio destro era del colore del sangue. Ciò che attirò l’attenzione di Alice, però, non fu la profonda ferita che egli aveva al fianco e che cercava di tamponare col braccio destro, ma fu il suo occhio sinistro. L’iride, infatti, era sostituita da un orologio, il cui quadrante era dorato, mentre le lancette ed i numeri avevano il colore del cielo notturno.

«Alice, chiudi la porta a doppia mandata!», ordinò a fatica, prima che la ragazza potesse fare qualunque altra cosa. «Muoviti, dannazione! Fai presto!».

Nonostante non capisse né chi fosse quel giovane, né cosa stesse succedendo, Alice si alzò dal letto, si diresse verso la porta e la chiuse girando la chiave due volte.

«Non avrei voluto arrivare a tanto, ma non ho scelta.», continuò lui.

La giovane gli si avvicinò e notò che le lancette presenti nel suo occhio iniziarono a muoversi e che la ferita aveva iniziato a richiudersi fino a scomparire, come se non gli fosse mai stata inflitta.

«Tu chi sei? E come hai fatto a guarirti la ferita?», domandò Alice confusa. «Ma soprattutto, come fai a conoscere il mio nome?»

Il ragazzo, ansimante, alzò la mano per dirle di aspettare, mentre riprendeva fiato. Dopo poco, tentò di alzarsi, ma perse l’equilibrio, venendo afferrato da Alice prima che potesse raggiungere il terreno.

«Dobbiamo andarcene da qui il prima possibile», esclamò il giovane. «Vieni con me, ti spiegherò tutto stradafacendo».

Abbiamo iniziato con molte domande e nessuna risposta. Cosa farà Alice?

  • Vorrà del tempo per pensare ad una risposta. (20%)
    20
  • Rifiuterà di seguire il ragazzo albino, il quale uscirà dalla “porta”. (20%)
    20
  • Accetterà di seguire il ragazzo albino. (60%)
    60
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

30 Commenti

  1. Torniamo da Alice. Mi è piaciuto come hai descritto Queen e la Duchessa. Ora però vorrei sapere qualcosa di più rispetto al motivo per cui Alice è ricercata. Vediamo nel prossimo capitolo se ci saranno risposte.
    Alla prossima Drago 🙂

  2. Ciao Drago.

    Il cambio di scena penso che sia ovvio. Io ho scelto Knave, vediamo cosa deciderà la maggioranza?

    La Regina di cuori era una caricatura nel libro di Carroll, invece hai deciso per un taglio più professionale per il tuo personaggio di Queen. In tre parole: urca che cattiva!

    Grazie e alla prossima.

    • Professionale addirittura? 😳
      In effetti, in questo racconto lei sarà proprio la cattiva della storia e non un “cattivo esempio da non seguire”.

      Cosa ne pensi di Hatta e White (che, se non si fosse capito, sarebbero rispettivamente il Cappellaio Matto e il Bianconiglio)? E di Hooka (la versione umana e donna sexy del Brucaliffo)?

      • Hatta è una caricatura, finora non ha fatto nulla se non uscire da una tazza.

        Hooka (o Hookah?) più che sexy l’ho immaginata sovrappeso; l’hai descritta troppo simile come atteggiamenti alla mia prof di matematica e fisica (di tanti anni fa, sigh) e quindi l’immagine che mi sono fatto non dipende da te.

        White è secondo me caratterizzato perfino meglio di Alice. Ha una fisionomia e un carattere, anche diverso da quello del bianconiglio, forse per questo appare come personaggio interessante.

        Alice ha un’unica cosa in comune con me: la passione per la lettura, anche al lume di candela se necessario 😀 Per adesso è un personaggio sbiadito, non ha ancora dimostrato il suo carattere e attendo di vedere quando tirerà fuori qualcosa di sé.

        Spero di essere stato esaustivo, se non hai capito qualcosa chiedimi pure.

        PS: come favore, ti va di leggere il mio racconto? Ho già scritto il prossimo episodio, devo solo dargli una conclusione e mi farebbe piacere avere un po’ più di voti alle opzioni proposte.

        • Sì, è Hookah con l’acca finale (a volte mi dimentico come si chiamano i miei personaggi o come di scrive il loro nome 😅😂).
          Con la scena in cui Alice si mette le mani davanti al petto speravo di far capire (in non so quale modo 😂) che Hookah fosse una donna di bell’aspetto (tipo Lust di “Fullmetal alchemist”, per intenderci).

  3. Ben ritrovato Drago. Giustamente, dopo Cappuccetto Rosso non potevi che scegliere un’altra storia fantastica. Terminerò appena possibile di leggere il resto di Red Riding Blood. Mi ci ero troppo affezionato ai due investigatori dell’incubo.
    Non vedo l’ora di sapere come reinterpreterai Alice in questa storia.
    Al prossimo capitolo.

  4. Ciao!
    Ho votato per non seguire il ragazzo albino. Personalmente non l’avrei fatto ma – da curiosa patologica – non mi sarei nemmeno lasciata sfuggire quella”porta”. Le virgolette lasciano dedurre che non si tratti di una vera e propria porta, piuttosto di un portale. Quindi, per forza di cose, Alice seguirà il ragazzo (o il coniglio? :D).

    La punteggiatura è buona, magari a volte un po’ pesante come lo sono certe descrizioni – magari troppo dettagliate e con un bel po’ di fronzoli. Ovviamente non prenderla come un’offesa! Te lo sta dicendo una tipa random che per scrivere quattro descrizioni in croce deve subire minacce! 😀
    La mia è solo una considerazione, ti prego di non seccarti. Il tuo stile mi ricorda molto il mio quando avevo circa 18-20 anni (poi non so cosa sia successo e ho cominciato a scrivere come un corrispondente di guerra). Continua, sono curiosa di sapere come va a finire!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi