Il campo estivo

Tara.

Apro gli occhi e inizio a muovermi nel mio grande letto. Siamo al 15 Giugno ma il clima che si respira è super afoso. Ieri sera ho preparato le valigie insieme a mia madre, mancano le ultime cose e poi sarò pronta per la partenza. Sono tre anni che frequento questo campo estivo e sono felicissima di recarmi nelle favolose spiagge della Sardegna, non vedo l’ora di rivedere i miei amici anche se molti di loro quest’anno non ci saranno. Mia madre scaccia via i miei pensieri bussando ferocemente alla porta, salto velocemente giù dal letto e corro in bagno. Mia madre detesta fare ritardo, ogni volta dobbiamo anticiparci di 10 minuti oppure inizia ad urlare che odia far aspettare gli altri. Quando finalmente esco dal bagno trovo mia madre al telefono con l’organizzatore del campo estivo, nel mentre prendo i cereali per fare colazione nell’attesa di farmi raccontare i dettagli. Mia madre esordisce dicendo che il bus partirà da qui alle 20, arriveremo al porto alle 21.30, l’imbarco sarà alle 22 e la nave partirà alle 23 così da arrivare in Sardegna alle 8 del mattino seguente. Decido di scrivere un SMS per aggiornare Cristina (la mia migliore amica)  ma nel mentre sento mia madre parlare e mi concentro sulla sua voce. “Adesso noi usciremo, andremo a comprare le ultime cose, dopodiché andrai a salutare Cristina, torneremo a casa e ti laverai i capelli, chiameremo papà e ci accompagnerà al bus, così dovrebbe essere perfetto”. Come suo solito mia madre ha pianificato la mia vita, ma questo non mi dispiace, non so cosa farei senza di lei.

Le porte del bus si aprono, così mia madre inizia a piangere, “non riesco a credere che non ti vedrò per due mesi” dice disperata tra le lacrime, “mamma è così da 3 anni ormai, dovresti esserci abituata.” dico abbracciandola. Ho già salutato papà che dandomi una pacca sulla spalla mi ha solo detto “divertiti”. Mentre l’autista ci invita a salire mia madre si asciuga il volto colmo di lacrime, “promettimi che mi chiamerai TUTTI i giorni” dice dolcemente, “lo farò, promesso” dico, ci scambiamo l’ultimo abbraccio prima di salire sul bus.

Mi siedo vicino al finestrino, guardo mia madre che singhiozza tra le lacrime, mima con le labbra “TI VOGLIO BENE”, la guardo e rispondo “anch’io”, scaccio via le lacrime che mi annebbiano la vista.

Come sarà Amara?

  • Una ragazzina tranquilla ma allo stesso tempo divertente da morire (50%)
    50
  • Una ragazzina super timida che non riesce a dire una parola senza arrossire (33%)
    33
  • Una ragazzina spocchiosa e piena di sé (17%)
    17
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

24 Commenti

  1. Scelta difficile questa… d’altronde io una gioia la darei ad Amara, mi sembra che ne abbia un po’ bisogno; le potrebbe giovare avere un fidanzatino… 🙂 e Tara per ora mi piace molto più di lei, quindi preferirei non tramutarla in una invidiosa ruba spasimanti..ma non voglio nemmeno farci immischiare altre ragazze e farla diventare una guerra per un ragazzetto a caso…mmmmm…

    A lui in realtà piace Tara, la accendiamo! 🙂
    Ciao!

  2. Ciao Antonella,
    insomma proprio questa Amara non ne vuole sapere di piacere ai lettori 😉
    Credo sia facile che a quell’età il ragazzo si avvicini a una ragazza per raggiungerne un’altra, vuoi la timidezza vuoi l’inesperienza… Vedremo cosa succederà, per questo dico che a Federico piace Tara.
    Alla prossima!

  3. Ciao Antonella, inizio subito col dire che anche se ho capito cosa intendevi, “aprire la maniglia” non si può sentire.

    Amara mi è davvero antipatica!😂😂 nel senso che sembra si atteggi un po’ tanto con superiorità; i genitori adottivi per quanto si sforzino non le piacciono, la compagna di stanza le è indifferente, non ha preferenze nella vita, nemmeno per quanto riguarda la scelta di un letto…. mmm. Riuscirà a piacermi prima o poi? Non voterò che non le interessa la vittoria altrimenti veramente….non si salva più. Forse ci starebbe un flashback della sua infanzia per capire meglio la sua acidità:) comunque voto che vincano; magari questo le unirà fin da subito.

    Ultima cosa; dalla descrizione Tara sembra una gran bella ragazza! Alta, snella, occhi blu…addirittura una torta diventa “mozzafiato” se si parla di lei!
    Continuo a seguire 🙂 Il programma del campeggio mi fa provare un’invidia pazzesca; vorrei esserci io!
    Ciao!

  4. Ciao Antonella,
    Vedo che Amara ha reagito bene alla vista della nuova compagna di stanza, un po’ in contrasto con la descrizione fatta in precedenza, ma forse la reazione positiva è solo il preludio a una bella amicizia.
    Facciamole vincere e vediamo se il legame si fortifica.
    Un po’ corto questo capitolo 🙂
    Ti auguro un buon weekend.
    Alla prossima!

  5. Ciao Antonella,
    direi che resterà indifferente. Una ragazzina problematica, la nostra Amara. Capisco però che a quell’età, con quello che ha patito, il suo carattere abbia preso una forma un po’ spigolosa. È normale che rimpianga sua madre, io ho perso la mia tanti anni fa e capisco quando dici che cambierebbe cinque minuti con lei con il resto della vita con loro. Tuttavia, i poveri genitori adottivi, ce la mettono tutta per darle una vita serena, speriamo che in qualche modo lei lo capisca e riesca a vivere una vita felice. Brava, hai dato un carattere realistico ad Amara, vediamo che combina al campo estivo.
    Alla prossima!

  6. Mmm, mica così tanto “divertente da morire” sta ragazzina! 😀 poveri Olivia e Ivan; sembrano in gamba.. beh ne sapremo di più più avanti;) io ormai Amara l’ho inquadrata come una con un caratteraccio quindi secondo me odierà l’idea di stare con qualcuno che non conosce 🙂 qualcuno la farà ricredere! Ciaoo

  7. Ciao Antonella,
    intanto apprezzo il tuo intento, scrivere per toccare l’anima delle persone è un gran bell’intento. Hai anche già partecipato a un concorso arrivando seconda, a sedici anni, molto brava.
    Le storie al campeggio, tra ragazzi, portano sempre mille spunti per avventure fantastiche. Io al campeggio ci sono stata una volta, a dodici, forse tredici anni, e di avventure ne ho vissute parecchie, ancora le ricordo!
    Un consiglio piccolo piccolo, che viene da una che ha problemi con punteggiatura, trame, personaggi… Perciò prendilo con leggerezza: ho notato molti avverbi, non ne hai bisogno, credimi, si capisce a cosa vuoi arrivare anche senza.
    Detto ciò, ti seguo e aspetto il nuovo episodio.
    Alla prossima!
    p.s. ho votato per la ragazza timida, anche perché la protagonista mi pare una esuberante, ci vuole un po’ di contrasto per far crescere i personaggi.

  8. Ciao Antonella e benvenuta! Vedo dalla tua biografia che hai già vinto un concorso, complimenti!
    Anche a me la trama della tua storia ha ricordato “Genitori in trappola”, un film che rappresenta la mia infanzia e a cui sono particolarmente affezionata… Ti consiglio anche io di vederlo! 😉
    Il tuo incipit è intrigante, sono curiosa di scoprire cosa succederà e seguo volentieri. L’unica cosa che mi sentirei di consigliarti è questa: ho notato nel capitolo un po’ troppo spesso la ripetizione di “mia madre”… Qualche volta va bene, ma forse in certi punti avresti potuto sostituire con “lei” o darlo sottointeso, visto che si parlava sempre degli stessi due personaggi…
    Bravissima comunque, era solo un dettaglio… Alla prossima!

  9. Ciao Antonella,
    non mento, adoro questo genere di storie. Quando ero più piccola io e la mia all’epoca migliore amica, avevamo un film proprio basato su un campeggio estivo come film preferito. I campeggi estivi hanno qualcosa di magico, può succedere di tutto in quelle poche settimane lontani dalla routine di tutti i giorni; storie d’amore, amicizie speciali, avventure incredibili…

    Mi piace anche ciò che ho letto di te, ovvero che sei una ragazza molto giovane che ama scrivere e che spera di toccare nel cuore le persone e anche che hai vinto un concorso; complimenti!
    Ora io ho votato che Amara è una ragazzina spocchiosa e piena di sè, ma solo perchè come al mio solito ho fatto confusione e pensavo fosse quella che abbiamo appena conosciuto, ovvero quella…fortunata, diciamo. E una ragazza che ha tutto me la immagino si, un po’ spocchiosa e piena di sè. Invece l’altra non saprei quindi aspetterò il voto della maggioranza per iniziare a farmi un’idea.
    Alla prossima!

    Ps- il film di cui parlavo è “Genitori in trappola” con la Lohan, bellissimo! 😀

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi