I Gioielli del Potere!

Dove eravamo rimasti?

Ovviamente le cose mi sono sfuggire di mano e si andrà ad un seguito a Settembre. Intanto vi chiedo: cosa sta pensando Federico? Ma figurati se darò retta a quelle lucertole rachitiche: sai dove possono infilarsi le loro raccomandazioni? (50%)

Fine? No...

Martina, Giovanni e Federico si sono appartati per discutere le prossime mosse da fare.

«Io proporrei di accedere alla Antica Biblioteca – dice Federico – abbiamo bisogno di maggiori informazioni, cose che non possiamo trovare su Internet, libri “pubblici” od altro. Sono conoscenze che possiede solo la Lucertola Troppo Cresciuta»

«Non credo ci farà avvicinare più di tanto» fa notare Martina.

«Secondo me, sì – ribatte Federico – specie se lo chiedi ad Isabella»

«La “madre” dei bambini adottati dal drago? – risponde Martina – È vero: è da un po’ che non li vedo. Vedrò cosa posso fare»

«Giovanni, tu dovresti trovare il modo di comunicare con Gætor. L’Ombra non si farà aspettare molto e non vorrei che ci assaltasse di nuovo. Una scorta ci farebbe comodo. Inoltre dovresti…»

***

Più tardi Federico ha avuto accesso alla Biblioteca, seguito e guardato a vista da Trick.

«Non ho ancora capito perché tu devi prendere il libro per Martina» dice Trick

«Perché me lo ha chiesto lei o hai il cervello troppo piccolo per capirlo?»

Gli occhi di Trick diventano una fessura.

«Mi stai sulle scatole ragazzo, decisamente» dice.

«Lascia perdere le scatole e vammi a prendere una scala: lo scaffale è quello più in alto di tutti»

Bonofonchiando qualcosa di intellegibile, Trick si allontana. Non appena sparisce dalla vista, Federico corre ad un altro scaffale, prende una pergamena e la nasconde sotto i vestiti; subito dopo torna al suo posto. Un attimo dopo torna Trick con la scala. Prendono il libro e Federico lo porta a Martina. Nel corridoio incontra Francisco.

«Tra un’ora nei pressi di casa tua» gli sussurra all’orecchio passando.

***

Un’ora dopo Federico si trova a breve distanza da ciò che resta della casa di Francisco. Se ne sta accuattato dietro un albero coi nervi tesi. Quando arriva Francisco, quasi fa un salto.

«Annunciati la prossima volta, accidenti a te! – dice Federico – Pensavo che era l’Ombra»

«Scusami ma ho pensato che annunciarmi era peggio: se l’Ombra ci scopre prima che siamo pronti, allora sì che siamo fritti. Ce l’hai la pergamena?»

«Eccola» tira fuori la pergamena e la consegna a Francisco.

Coi sensi all’erta i due si dirigono in casa. Dell’Ombra nessuna traccia. Arrivati all’ipotetico centro, Francisco srotola la pergamena, prende la bacchetta ed inizia a recitare ciò che vi è scritto. Del vapore si alza nella stanza, poi si forma dei ghirigori di luce, si inizia ad intravedere qualcosa e poi si mostra in tutto il suo splendore il Sigillo dei Noctus: un cerchio oscuro inciso in un pentacolo con all’interno alcune figure che si stanno formando. Nello stesso istante un forte ringhio compare dalle profondità e Francisco si affretta a pronunciare l’incantesimo. Ma prima che lo finisca, Federico balza in avanti sguainando la Lama di Luce e spacca il sigillo! L’Ombra ruggisce come se lo avesse colpita e si squaglia! Il sigillo emette diversi lampi di luce e poi esplode. Francisco e Federico vengono sbalazati a terra! Il vapore scompare e la luce pure. Del sigillo non è rimasto che alcuni frammenti.

«Che hai fatto?» dice Francisco

«Ho spezzato il Sigillo: l’unico modo per farlo era che fosse indebolito per assorbire la magia dei Noctus. Non mi importa di quello che dicevano le due lucertole rachitiche, ma era anche ovvio che era la Magia dei Noctus che quella bestia cercava e l’ho usata per attirarla in trappola»

«Pensi forse che sia così facile? – ringhia Francisco – La magia non è un gioco: la tua azione avrà pesanti ripercussioni! Hai liberato ciò che il Sigillo bloccava, hai dato potere…»

«Piantala Francisco! – urla Federico – Qualsiai cosa possa essere successo, non sarà mai come fornire energia all’Ombra»

«Non sai di cosa stai parlando!»

«Nemmeno tu!»

***

Un’ora prima Martina era a colloquio con Kira.

«Quindi il drago ha allontanato Isabella ed i bambini perché temeva un attacco al castello? È davvero così preoccupato?»

«Molto. La Magia dei Noctus è una delle poche che lo preoccupano. Già deve faticare a contenere voi, non voleva che altri si mettessero nei guai»

«Non so se essere lusingata o arrabbiata con lui»

«Io sarei lusingata»

In quel momento arriva Federico consegnandole il libro richiesto.

«Tutto a posto» dice semplicemente e se ne va.

Martina legge il libro. Quando anche Francisco se ne andato, Martina interrompe la lettura e va da Trick.

«Grazie per essere stato al gioco» gli dice

«Figurati. Io e Federico non ci sopportiamo, quindi è stato molto facile. Piuttosto, sei sicura che così fermeremo l’Ombra?»

«No per niente, ma ci darà tempo. La mia unica domanda è: quale segreto nascondono i genitori di Francisco?»

«Hanno usato la magia dei Noctus per essere umani» dice Kira.

«Cioè?»

«Quello che ho detto: la madre ed il padre di Frauden non sono umani ma lo erano a causa della Magia dei Noctus. Ma di questo parleremo dopo che avrai letto il libro: ci sono alcune cose che è meglio che tu sappia prima che scoppi il finimondo»

***

Giovanni si trova davanti al museo. Cammina silenziosamente cercando.

«Avevo ragione» esclama quando nota un Sigillo!

Categorie

Lascia un commento

47 Commenti

  1. Ciao Red,
    ti capisco, questo caldo mi sta soffocando la fantasia. Di notte non si dorme, in casa fa caldo e più c’è il lavoro… Il tempo e la voglia di scrivere si dissolvono in fretta.
    Hai gestito bene l’arrivederci al prossimo racconto, che sarà il seguito di questo, meglio rimandare che finire a tutti i costi rovinando la storia.
    Ho notato qualche ripetizione e forse un paio di refusi, ma credo che tutto sia dovuto alla volontà di far presto e di non lasciare i lettori in attesa fino a settembre.
    Ti auguro buone vacanze, allora e alla prossima!

  2. Ciao Red,
    ma quindi il capitolo finale non sarà un vero finale… A settembre comincerai una nuova storia con il seguito?
    Un capitolo dei tuoi, con molta azione e buone descrizioni. Molto suggestivi i cavalli di vapore, non mi sarei soffermata sulla vestizione di Giovanni, m a quelle sono scelte dell’autore.
    Scriverai il seguito a breve, o ci si rivede a settembre?
    Intanto ti auguro un buon proseguimento d’estate, qui sta diventando torrida, comincio a stancarmi 🙂
    Alla prossima!

  3. Ciao Red. Voto per il caos incredibile perché, come ho apprezzato nella tua ultima storia, sai descrivere molto bene i momenti concitati. TI ho tolto anche dal pareggio 😛
    Bel capitolo comunque: soprattutto ho apprezzato i dialoghi e le spiegazioni che hai saputo saggiamente fornire. Alla prossima

  4. Ciao Red,
    io proseguirei con un sogno premonitore, magari anche rivelatore. Siamo agli ultimi capitoli e in qualche modo la storia deve volgere al termine.
    Mi è piaciuto questo episodio, ho apprezzato molto lo spunto sull’uso della magia, che porta con sé un’ombra capace di intendere e fare del male.
    Bella l’idea dello scettro falso e tutta la storia dei Noctus, come ho detto altre volte, in riferimento a chi scrive questo genere e la fantascienza, trovo impagabile lo spiegamento di elementi fantastici introdotti in ogni storia.
    Ti auguro una buona giornata.
    Alla prossima!

  5. Tra le tante tempeste che vivranno i nostri protagonisti era pure giusto che Martina e Federico vivessero quelle ormonali, un bel corpo catalizza sempre l’attenzione!
    Dialoghi vivaci che fanno scorrere la lettura, bene così!
    Ho letto sia il 5° che il 6° capitolo e mi scuso per la mancata votazione precedente a quella di adesso, ma credo di avere qualche problema con le notifiche, spesso scopro i capitoli successivi
    andando solo sul sito e non dalle mail.
    Ho la sensazione che il Drago possa essere dispettoso e quindi possa distruggere uno degli oggetti, rendendo complicato il cammino della Compagnia.
    Buon lavoro, Red, e alla prossima!
    Ciao

  6. Ciao Red,
    perdonami, mi sono resa conto di aver saltato un capitolo… Ho letto oggi, ma non ho potuto partecipare al voto, peccato.
    Il fantasy, come la fantascienza, richiede grande fantasia e anche una certa dose di ordine mentale, nel senso che per tenere a mente, catalogare, raccontare cose fantastiche c’è bisogno di un talento particolare. Fare propri concetti fantastici, far sì che il lettore non dubiti mai di quello che legge, creare un patto narrativo credibile che lasci libera la fantasia senza farle mai perdere la strada. Tu ci riesci, Red, come molti altri bravi autori qui, hai trovato la maniera giusta per raccontare una bella storia.
    Ti aspetto col nuovo capitolo e voto che Francisco chiederà loro aiuto.
    Alla prossima!

  7. Con un po’ di ritardo ma eccomi qua 🙂 Ho votato per Francisco che chiederà aiuto. Una bella storia Red, la tua fantasia galoppa alla grande. Ti seguo anche questa volta con piacere. Fai attenzione ai refusi perché ce ne stanno eheh XD
    Alla prossima 😉

  8. Bel capitolo!
    La fantasia prende sempre più corpo e non vedo l’ora di viaggiare nel tempo con la Compagnia.
    Francisco Landen Frauden, personaggio interessante!!!
    Credo che sentiremo parlare di lui molto presto, anche perché l’arcimago sa già che incontrerà i nostri ( …i tuoi, scusa! ) personaggi.
    Continua così, Red, ormai siamo saliti a bordo e non vogliamo più scendere!
    Alla prossima!
    Ciao

  9. Ciao Red,
    ho appena risposto al tuo commento al mio finale dicendoti che aspettavo il tuo nuovo racconto, senza sapere che era già qui!
    Dimmi, questo racconto fa seguito a un altro? Ci sono cose di cui parli che pare abbiano radici in qualcosa di già scritto. Si tratta solo di fantasia e giochi di bambini oppure qual che racconti accade sul serio?
    Comunque mi piace, mi fa venire in mente “Ahi Maria” di Rino gaetano, per il caimano penso…
    Aspetto il nuovo episodio e voto l’anello, piccolo da trasportare ma potenzialmente magico.
    Alla prossima!