Elisabeth e il segreto di Stephen Black.

Dove eravamo rimasti?

Perchè non ebbe il tempo di finirla? Jihr gli lanciò un incantesimo che lo uccise. (100%)

Never say end

Jihr lo uccise all’istante, tutti rimanemmo stupiti, tre persone corsero da lui pronti a combattere: ma non ebbero la meglio su di lui.

Rahj mi disse di correre, dovevamo raggiungere il pub, solo lì non avrebbe potuto fare nulla.

Corremmo senza fermarci e guardarci indietro, ma poco dopo un incantesimo fece cadere Rahj.

Mi fermai per aiutarlo:

<< no, corri Elisabeth. Dì chi sei e ti faranno entrare, devi parlare con O’Brian: è lui il capo. Io lo distraggo. >>

Annuii e continuai a correre, ormai riuscivo a vedere il pub: ignorai la fatica e aumentai la velocità.

Spalancai lo porta ed entrai, crollai a terra ansimando: ce l’avevo fatta!

<< guarda un po’ chi abbiamo qui…>>

Alzai lo sguardo, il mio cuore smise di battere: l’intero posto era pieno di Goblin, ci mancava pure questa!

<< un nuovo gioco! >>

Si avvicinarono a me, indietreggiai fino a toccare la porta, prima che potessi alzarmi per uscire uno di loro mi afferrò per un piede trascinandomi al centro della stanza.

<< finalmente ci divertiamo! >>

<< squartiamola dai! >>

<< aspettate! Assomiglia a Stephen Dark! >>

<< sono sua figlia! >> esclamai guardando l’ultimo che aveva parlato, notai che il loro sorriso vacillò.

<< ditemi dov’è il quartier generale! >>

Lanciai un incantesimo a uno di loro, ero completamente stufa!

Tutti corsero dall’altra parte della stanza terrorizzati, ne afferrai uno aprendo la porta, la luce li uccideva perciò l’avvicinai si ritrasse come un gatto vicino all’acqua:

<< se non vuoi morire dimmelo! >>

Disse che si trovava al University Hospital Galway, prima di uscire l’avvertii che se avesse mentito sarei tornata.

Corsi fuori non c’era nessuno, da che parte andare?

Stavo per ritornare nel pub quando sentì la voce di Jihr:

<< dammi il talismano se tieni alla sua vita! >>

Jihr teneva Rahj per la gola, aveva un sorriso malizioso:

<< d’accordo, d’accordo. Tieni. >>

Sapevo che non avrei dovuto farlo, ma non potevo permettere che uccidesse anche lui: tutto sommato era mio fratello.

Gli lanciai la collana, spinse via Rahj che mi guardò male:

<< hai la minima idea di cos’hai fatto?! >>

<< finalmente! Tutto il potere sarà mio! >> esclamò alzando le braccia in posa trionfale, ma proprio in quel momento una luce accecante uscì dal talismano.

Chiusi gli occhi per la troppa luce, sentii l’urlo di Jihr e la voce di Rahj chiamarmi: poi il buoi mi avvolse.

Categorie

Lascia un commento

18 Commenti

  1. Sono tuo fratello (becca, incarta e porta a casa).

    Il capitolo ha diversi problemi di punteggiatura (due punti mancanti o che ci sono dove non dovrebbero essere), inoltre la frase:
    —————————
    Pochi minuti dopo qualcuno mi toccò la spalla, pensando fosse di nuovo quell’uomo gridai:
    <>
    —————————-
    ha poco senso 😉

    Per il resto non mi aspettavo la morte del folletto: avrei voluto sapere qualcosa di più su di lui 🙁

    Ciao 🙂

  2. Ciao Lea,
    Il fantasy non è per tutti; non lo è per me,per esempio. non credo sarei in grado di scriverlo perché pur avendo molta fantasia non riesco a volare così in alto da inventare mondi troppo nuovi.. vorrei tanto! Quindi a volte provo a leggere chi ne sa più di me e magari ad imparare qualcosa di nuovo. Per ora seguo il tuo e vediamo che succede 🙂

    Ps-un piccolo ‘aiuto’… quando usi il passato per la prima persona singolare, non usi “ì’, ma “ii”. Quindi io annuii, riuscii, sentii ecc.. ciao, buona scrittura e alla prossima!

  3. Ciao! Complimenti per il capitolo, mi piace molto il modo che hai di scrivere, e mi piace l’idea di un fantasy ambientato in Italia! Se posso darti un consiglio cerca di stare attenta alle ripetizioni, tipo quando hai scritto “notai un tatuaggio sul suo braccio quando allungò il braccio”, anche se credo siano errori di sbadataggine più che altro (a me capita un sacco di volte 😂)! Io comunque ho votato per il tatuaggio di Stefano! Alla prossima!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi