Una cartolina dal passato

Sarasota

7 Ottobre 1970

Sarasota, Florida

La testa era reclinata da un lato e i capelli, mossi dalla brezza marina, ricadevano in ciocche scomposte sulla fronte, il resto del corpo era completamente sotterrato.

I tre ragazzi si guardarono a lungo, quindi quello che sembrava essere il capo fece un passo in avanti e si piegò sulle ginocchia.

«È morto»

«E adesso, che facciamo?» Disse un altro.

«Era solo una scommessa» Piagnucolò il terzo.

Il capo si rialzò e li afferrò entrambi per la maglietta. Molto più alto e robusto di loro, era anche l’unico sul cui volto era comparsa un’ombra di barba. Si, perché tutti, compreso il cadavere, non avevano più di quattordici anni.

«Ascoltatemi bene, mammolette. Adesso lo tiriamo fuori, poi lo gettiamo in mare e ce ne andiamo. Tra un po salirà l’alta marea, e il corpo verrà trascinato al largo in breve tempo»

Il terzo scosse la testa e tirò su col naso.

«Ma sapevano tutti che eravamo sempre insieme, ci verranno a cercare!»

«Vorranno sapere!» Aggiunse l’altro.

Il capo li attirò ancor di più a se, gli occhi ridotti a due fessure.

«Diremo che oggi non si è fatto vedere, e che dopo averlo aspettato in piazza ce ne siamo andati. Nessuno deve sapere che dovevamo venire qui, nessuno, ci siamo capiti?»

Solo quando gli altri due annuirono li lasciò andare.

«E adesso forza, aiutatemi a disotterrarlo, svelti!»

Una decina di minuti più tardi, osservarono il corpo dell’amico allontanarsi lentamente dalla riva.

«È quasi buio, non lo noterà nessuno, e ora andiamocene» Disse il capo. In breve, raggiunsero la macchia di cespugli dove avevano lasciato le biciclette.

«E con la sua, come facciamo?» Disse piagnucoloso indicandone una.

«C’è la discarica qua vicino, e adesso è chiusa. La smontiamo e, dopo aver scavalcato, gettiamo i pezzi tra i rifiuti, non troveranno mai neppure quella»

Era ormai notte quando, sudati e stremati, si allontanarono dalla discarica.

«Mio padre mi ammazzerà di botte»

«E mia madre farà lo stesso»

Il capo li guardò entrambi e sorrise.

«Cazzi vostri che avete ancora i genitori, mia nonna starà già dormendo»

Giunti al limitare del paese, alzò un braccio e frenò. Sceso dalla bicicletta, ordinò agli altri di fare altrettanto, quindi stese il braccio dinanzi a se.

«Voglio un giuramento da voi, e lo voglio adesso. Jos è morto per una disgrazia, non l’abbiamo ucciso noi» Disse in tono solenne.

«Ma se non l’avessimo sott…» Provò a dire piagnucoloso.

«Zitto!» Lo fulminò il capo.

«Aveva accettato anche lui di fare quella scommessa, e aveva perso. Per cui voglio che giuriate di mantenere il segreto e nessuno deve tradire nessuno, avanti!»

Titubanti, i due appoggiarono i palmi sopra la sua mano, grande almeno il doppio.

«Se uno di voi tradisce, giuro che gli faccio fare la fine di Jos, e sapete bene che non scherzo»

Seguì un lungo istante di silenzio, quindi ognuno prese la strada di casa.

7 Ottobre 2016

Sarasota, Florida

Jeff parcheggiò il camion nello spiazzo davanti al locale e scese. Centoventi chili distribuiti su quasi due metri d’altezza, sbuffò e si diresse velocemente verso l’entrata. Nonostante fosse ottobre, il caldo anomalo di quei giorni lo stava facendo impazzire, una birra ghiacciata era quello che ci voleva.

«Ehi, Jeff, non ti si è ancora sciolto un po di grasso?» Lo salutò Brenda, la procace barista.

«Senti chi parla, dammi una birra, svelta!»

La donna finse di mettere il broncio, quindi afferrò una caraffa.

«Sempre molto gentile, vero? Dai un’occhiata al giornale piuttosto, sembra che un ex abitante di Sarasota ci abbia lasciato le penne giù a Miami, magari lo conosci»

Jeff alzò la testa, quindi aprì il giornale e impallidì.

Si trattava poco più di un trafiletto, ma era stata la fotografia a lasciarlo sgomento.

Brian Foxbury noto avvocato di Miami,

è stato ritrovato cadavere all’interno

della propria abitazione. L’uomo giaceva nella vasca

da bagno, la testa avvolta in

una busta di cellophane e sembra che

la morte sia avvenuta per soffocamento.

La polizia non ha alcun dubbio

che si tratti di omicidio e, particolare

alquanto strano, una cartolina d’auguri con la

scritta “Buon anniversario da Jos, Sarasota”

è stato ritrovato ai piedi della vasca.

Da indagini successive, è risultato che

in effetti Foxbury fosse nato e cresciuto

nella piccola cittadina, ed è li da che

gli inquirenti intendono partire.

Nonostante la temperatura, Jeff avvertì un brivido corrergli lungo la spina dorsale.

«Allora, lo conoscevi?»

In piedi, al suo fianco, Brenda posò la caraffa sul tavolo.

«No»

«Dall’espressione che hai dipinta sul volto non si direbbe, e comunque non sono affari miei»

«Appunto, per cui sgomma e lasciami in pace»

«Stronzo» Disse Brenda allontanandosi.

Jeff rilesse almeno tre volte l’articolo, e dopo la terza birra lasciò il locale. Tornato sul camion, prese il cellulare e compose un numero. Dopo una decina di squilli, rinunciò e mise in moto. L’abitazione di Adam si trovava a Jacksonville, ed è li che l’avrebbe raggiunto.

Come prosegue la storia?

  • Appena fuori Sarasota, Jeff viene fermato dalla polizia. (0%)
    0
  • Jeff non riesce ad arrivare a casa di Adam. Lungo la strada, qualcuno simula un incidente e lo costringe a fermarsi. (80%)
    80
  • Jeff arriva a casa di Adam e lo trova morto. (20%)
    20
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

59 Commenti

  1. Ciao Anonimus.
    Caspita che capitolo entusiasmante!
    Mi è davvero piaciuto sotto tutti i punti di vista. Narrazione, dialoghi, scene … Complimenti.
    Vorrei che Jos si impossessi di un nuovo corpo per far visita al nostro Jeff. Secondo me il vecchio alla fine gli sarà anche d’aiuto. 😁
    Ciao
    Ilaria

  2. «Tu mi hai chiesto se c’era un telefono, e i due dollari erano per l’informazione. Per questa, ce ne vogliono altri cinque, bestione» Disse mostrandogli una minuscola chiave.

    Non so se è una osservazione opportuna, ma trovo ben costruito il conseguente

    «Devo pagare anche per restituirla?»

    Voto per l’opzione 2, salvando Brenda, e auguro Buona Pasqua

  3. Ciao Anonimus eccomi qui,
    Bello questo capitolo, belli i dialoghi e soprattutto bello come hai caratterizzato quel brutto vecchiaccio! In alcuni dialoghi, mi hai strappato un sorriso, quindi che dire, bravissimo!
    Ps. Joe in un altro corpo… aspetto il prossimo capitolo, a presto 😉

    • E’ veramente buffo come ognuno legga e percepisca le cose a proprio modo. Qualcuno, per altro molto garbatamente, mi ha “rimproverato” riguardo ai dialoghi, mentre tu li trovi belli e ti ho addirittura strappato un sorriso. Ma è anche questo che mi ha affascinato di The Incipit, ovvero la possibilità di sapere come la pensano le persone e di conseguenza migliorarsi sia davanti agli elogi che alle critiche.
      Sul vecchiaccio potrei dire la stessa cosa, ma ormai la storia si è delineata e andiamo avanti di questo passo.
      Grazie di cuore e a presto.

  4. Rieccomi, Anonimous60. Ho votato per un’altra possessione… e ho fatto un pasticcio, non imparerò mai, spero che qualcuno ti tolga dalla parità a tre!
    La lettura scorre benissimo e la trama è originale e ricca di colpi di scena. Ho apprezzato moltissimo l’irrompere del caso, nelle vesti del TIR impazzito, l’evento imprevedibile che scompagina i piani anche di creature extraterrene. Ti confesso però che, proprio in relazione a questo, ho trovato un po’ eccessivo il vecchio, nel senso che anche questo è un personaggio improbabile, e due cose improbabili che si verificano in rapida successione sono… troppo improbabili 😀
    Va be’, intanto è una questione di gusti personali, poi dovrei aver imparato che questo tipo di commenti spesso vengono superati dalla trama, nel senso che si scopre in seguito che tutti i pezzi hanno l’incastro giusto.
    Ciao, auguro un’ottima Pasqua anche te!

    • Cosa ci potrebbe essere di probabile in un horror? Però è anche vero che è la prima volta che mi cimento col genere, concedimi quindi una piccola quanto debole difesa.
      Per quanto riguarda trama e incastri non saprei dirti. Logico che quando ho iniziato la storia, una sorta di trama l’avevo in mente e l’ho ancora, però non sono ancora in grado di “pilotare” le scelte dei lettori, quindi mi adeguo.
      Grazie e di nuovo buona Pasqua.

  5. Buongiorno caro Anonymous,
    ti dirò che mi piace parecchio leggere la tua storia di primo mattino. Davvero ho gradito la piega che ha preso la storia, così come ho gradito l’inserimento del personaggio del vecchio.
    Come nel più classico degli horror, Brenda la salvatrice deve morire… sono curioso poi degli sviluppi.
    Passa un buon week end😉

  6. Ciao Anonimous,
    visto che il vecchio non mi sta particolarmente simpatico, diciamo che rimane ucciso, magari coi suoi stessi proiettili trancianti… 😉
    Interessante capitolo, ben scritto. Un’unica piccola osservazione sui dialoghi: in certi punti risultano un po’ stereotipati… E’ successo anche a me, e si tratta solo di una piccolezza, ma non vorrei passare per quella che fa solo complimenti. 🙂
    Alla prossima!

  7. Ciao Anonimus.
    Cavolo. Ho scelto il trasferimento del corpo…ma niente… l’opzione non piace…. E vabbè… staremo a vedere il prossimo episodio.
    Posso chiederti una delucidazione?
    Non ho capito questo passaggio:

    “si fermò, le sue gambe si arrestarono.
    «E anche del corpo degli altri, come hai potuto constatare in questo momento»”

    Me lo potresti spiegare per favore? Scusami, ma io non l’ho capito 🤔

    Grazie mille, a presto.
    Ilaria

    • Ho riletto il passaggio perché evidentemente l’ho rappresentato male, dunque vediamo.

      “Jeff annuì e, nel momento stesso che l’altro si fermò, le sue gambe si arrestarono”
      Qui Jos si ferma e le gambe di Jeff fanno altrettanto perché lo sta controllando mentalmente.

      “E anche del corpo degli altri, come hai potuto constatare in questo momento”

      Poco prima, Jos dice a Jeff di poter prendere il controllo di qualsiasi corpo. Obbligandolo a fermarsi, gliene ha dato dimostrazione.

      Grazie per l’appunto, in futuro spero di essere più chiaro, ciao.

  8. Ciao ’60. Ho acciuffato la storia al 4 capitolo: letta tutto d’un fiato, con gusto. Scrivi molto bene, anche se non è il mio genere. Leggo nei commenti molti, (credo) preziosi consigli che io non mi permetto di darti, per inesperienza, ma che in parte condivido, specialmente quelli di Erri Potte, di Befana Profana, di Jaw (ho notato anche io i “tic verbali”, che però ritengo venialissimi, vista la rigidità della piattaforma). Credo anch’io che Jeff debba rintracciare Adam.
    Un caro saluto.

  9. Ciao Anonimous,
    un bel capitolo carico, il modo di parlare di Brian, a bocca ferma, mi fa pensare – non senza un po’ di nostalgia – al primissimo personaggio che mi ha introdotta qui su TI, il mio amato EDDIE.
    Sono d’accordo con l’osservazione di Befana, che spesso dà ottimi consigli anche a me. Ti direi anche di fare attenzione agli errorini di battitura, non sono importantissimi, ma non aiutano a far scorrere il testo.
    Per il resto, mi piace il tuo stile Pulp, aspetto il nuovo episodio.
    Alla prossima!
    p.s. vanno da Adam ma succede qualcosa.

  10. Riciao, Anonimous.
    Avevo letto il tuo incipit qualche tempo fa, che mi era sembrato scritto bene ma un po’ tanto “già visto”, alla “So cos’hai fatto” e altri film del genere. Ho recuperato gli latri due capitoli che mi sembrano più creativi. Scrivi bene, se posso permettermi, ogni tanto sei troppo didascalico nelle descrizioni, potresti snellirle un po’. Ti faccio un esempio: il passaggio ” Con le gambe tremanti, aveva imboccato l’uscita, e solo in quel momento si era accorto che il cellulare gli stava squillando. Ancora scosso, aveva fatto per rispondere ma la chiamata era terminata. Vedendo di chi si trattava, aveva richiamato a sua volta avendo la conferma dell’incubo che aveva appena vissuto.” potresti renderlo più fluido, tipo: “…solo allora si era accorto che il cellulare squillava. Ancora scosso, non riuscì (o non fece in tempo) a rispondere. Si affrettò a richiamare Jeff ed ebbe la conferma che l’incubo era reale.” È solo un esempio fatto in fretta ma è per spiegare: puoi togliere certi dettagli intuitivi (tipo che vede chi è che ha chiamato e quindi lo richiama).
    Vedi tu se il consiglio può esserti utile e se ti scoccio lo dici e non do più consigli 🙂

    Io dico che andando da Adam succede qualcosa

    • Ciao e benvenuta.
      I consigli sono sempre utili per chi scrive, e il tuo non fa eccezione. Ho molto da imparare e sto cercando di carpire i vari “segreti” degli altri scrittori, oltre a leggere naturalmente.
      Grazie di cuore per aver impegnato del tuo tempo per leggere, spero che i prossimi capitoli possano ancora piacerti, ciao.

  11. Buondì Anonimus60
    Ho letto con parecchio interesse questo tuo capitolo, dove le descrizioni (secondo me) ti sono riuscite veramente bene. Sei riuscito a trasmettermi il disagio del povero Jeff, continuando a tenere un’ottima tensione fino alla fine. Bravo.
    Voto per la fuga, così, per dare un senso di illusoria libertà a Jeff e per spezzare la tensione😉
    Ti auguro buona domenica

  12. Ehi Anonimus60!
    Bel capitolo avvincente, mi è piaciuto moltissimo.
    Direi che il nostro caro “zombie”, “fantasma” ‘demone” insomma quello che è, si ritroverà a guidare l’auto del “povero” Jeff.
    E vorrei vedere tanto la sua faccia al risveglio….😨
    Ciao!
    Ilaria

  13. Be’, a questo punto sono curioso di scoprire come guida Brian 😀
    Ciao, Anonimous60, benvenuto/a.
    Ho preferito questo secondo capitolo rispetto al primo, Ti dirò, ho avuto l’impressione che l’incipit fosse stato scritto qualche tempo fa, perché mi pare che questo secondo capitolo abbia uno stile un po’ diverso, più scorrevole.
    In ogni caso, a mio parere la lettura è scorrevole e piacevole.
    Attenzione ai “tic verbali”: nel primo capitolo usi due volte l’espressione “ed è”, più una volta in questo capitolo (be’, qui scrivi solo “Ed”… occhio anche ai refusi 😀 ); mi è saltato all’occhio, anche perché in un caso c’è un’assonanza sgradevole (ed è da).
    Niente, mi sono presentato, hai capito che sono noioso e direi che basta così 🙂
    Ciao, a presto

    • Ciao JAW.
      Per quanto riguarda l’incipit ci hai azzeccato, o quasi. In effetti, era l’inizio di un racconto che scrissi qualche anno fa, poi abbandonato. Ritrovato quasi per caso, ho deciso di proporre questa storia modificandola di pari passo con le idee che mi sono venute in mente.
      Refusi e tic verbali possono starci, anche se naturalmente faccio tesoro delle tue osservazioni e cercherò di porvi rimedio.
      Benvenuto e a presto, ciao!

  14. Brian guida il camion 🙂
    Cioè, quello che penso sia Brian, immagino a questo punto che sia una proiezione del fantomatico Jos 😛
    Confermo il commento che ti avevo fatto: hai tutte le potenzialità per tirare fuori un buon horror, d’effetto anche la scena in cui il cadavere con la busta di plastica parla senza muovere le labbra.
    Molto bravo anche nel comporre frasi brevi e intervallate da punti, aumenti il ritmo di lettura (adatto per la situazione di pericolo)!

  15. Ciao Anonimous,
    essendo a mia volta autrice di horror, non potevo non dare un’occhiata. Un bel racconto si prospetta all’orizzonte, mi piace il tuo stile.
    L’unica cosa che avrei fatto pervenire in maniera diversa al lettore, è il particolare della cartolina accanto al corpo. Potrebbe essere la firma dell’assassino, se di assassino si tratta (probabilmente la polizia la vedrebbe così ) quindi dubito che alla stampa sarebbe concesso di pubblicare un particolare tanto importante, ma la storia è tua e la conduci come credi 🙂
    Io voto per Brian alla guida, perché Adam è l’unico altro in vita, giusto? O no?
    Alla prossima!

    • Ciao Keziarica.
      Anch’io sono venuto a dare un’occhiata al tuo, e devo dire che ho molto da imparare. Tuttavia non ho ancora avuto il tempo di leggerlo tutto, e commentare un racconto quasi alla fine non mi sembra facile, comunque in questo fine settimana vedrò se posso farcela.
      Per quanto riguarda la tua annotazione sulla cartolina, devo dire che forse hai ragione, ma si tratta pur sempre di un horror, e a volte la logica lascia spazio alla mano sin troppo allegra di noi autori.
      Grazie comunque e a presto.

  16. Ciao! Voto per l’incidente simulato!
    Bellissimo incipit, l’atmosfera mi ha subito richiamato alla mente i romanzi di Stephen King (che adoro!), pertanto ho letto il racconto con molto piacere!
    Il mistero c’è, sai scrivere molto bene, aspetto di vedere dove ci condurrai!
    Seguo!

  17. Benvenuto Anonimus60,
    hai creato una buona tensione con questo incipit e il testo risulta piacevole e di facile lettura.
    Mi è cascato l’occhio solo su due “un po’ ” scritti senza apostrofo: una baggianata.
    Voto per l’incidente, magari potrebbe succedere qualcosa di inaspettato.
    Alla prossima

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi