MAGO MARDUCK

IL DIO HEKA

Marduck avrebbe voluto uccidersi: quello sbaglio era stato imperdonabile. Gli erano stati strappati i poteri, certo, ma era ancora una minaccia; una minaccia che aspettava il momento in cui gli avversari sarebbero stati più deboli. Per poter sovrastare la magia dei nemici il suo potere mortale non bastava più, doveva riceverlo direttamente da una divinità: e chi se non Heka, il possente Dio della magia? 

Si era incamminato verso il tempio, già da una settimana: fino ad ora nessuna minaccia gli aveva intralciato il cammino. 

L’asino procedeva spedito verso la destinazione; si erano fermati un paio di volte per fare una breve sosta e ristorarsi.

Finalmente dopo un’altra settimana, al paesaggio arido e sabbioso, si sostituì una città, grande e possente.
Si fermarono alla fonte, Marduck, si lavò accuratamente: non avrebbe fatto una buona impressione al Dio della Magia, sudato com’era.

Dopo una mezz’ora, sotto il sole cocente, i due ripresero il cammino, più frettolosi che mai.

Varcarono i confini della città e si mischiarono con la confusione del posto.
Procedevano a piedi ora, con un’andatura molto lenta. Tutto attorno c’erano artigiani e commercianti, bambini che si rincorrevano, persone che discutevano animatamente, e donne che, con fatica, riempivano le anfore di acqua e le portavano a casa…

Sembrava unico in mezzo a quella moltitudine di persone così felici; ma non stette a lungo ad osservarli: aveva una missione da compiere.

Il tempio si trovava ai confini della città: era di un immensità notevole.
Marduck legò l’asino e si avvicinò, poi deciso varcò la soglia.

– Chi sei? Gli chiese un uomo molto anziano avvicinandosi.

– Sono Marduck, sono venuto a chiedere consiglio al Dio Heka.

Il vecchio lo scrutò intensamente, si morse il labbro insicuro, poi alla fine acconsentì: -va!

Arrivò in corrispondenza dall’imponente statua del Dio, si inchinò e gli parlò:- Oh grande Heka, Dio della magia, confido in te ed in una tua risposta.

Tacque per un istante, poi riprese:- Sono venuto qui, per renderti omaggio, ma al contempo parlarti di un avvenimento che mi rattrista molto. Tempo fa, a causa di una lotta fra maghi, mi furono strStette zitto per un istante, poi riprese:- Sono venuto qui, per renderti omaggio, ma al contempo parlarti di un avvenimento che mi rattrista molto. Tempo fa, a causa di una lotta fra maghi, mi furono strappati i miei poteri; ora io confido nella tua bontà, affinché tu possa ritornarmeli.

Tacque.

Cosa risponderà il Dio a Marduck?

  • Il Dio, uccide Marduck, poiché non lo ritiene un uomo buono (0%)
    0
  • Il Dio tacerà. (100%)
    100
  • Il Dio acconsentirà, e riporrà in lui alcuni grandi poteri. (0%)
    0

Voti totali: 4

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

8 Commenti

  1. Be’ se il dio uccidesse Marduck forse tutto finirebbe, a meno che il mago non abbia, tra i suoi poteri, anche la capacità di tornare dal mondo dei morti.
    Sono d’accordissimo con quanto detto da muppetz. La storia c’è, la tua è una bella idea, devi però trovare il modo di raccontarla dando maggior corpo alla narrazione.
    Ci sono diversi refusi e devo ammettere che l’asino che va lento ma spedito ha colpito anche me. Salta agli occhi. Il problema, che poi problema non è , perché ti spinge a rendere il tuo testo al meglio, è che non puoi correggere una volta pubblicato. Pertanto, ti dico: fai molto attenzione a quello che scrivi, rileggi -magari ad alta voce- e poi pubblica e un consiglio su tutti: leggi più che puoi. Non sempre chi legge molto Sto arrivando! scrivere bene, ma se hai talento per la scrittura, leggere di sicuro ti rende migliore.
    Alla prossima e non mollare! 🙂

  2. Ciao e benvenuto su The Incipit.
    Mi piace l’idea di un mago che ha perso i poteri e che dovrà compiere un’avventura per ritornare potente come prima (e forse di più). Fai attenzione però a dare la giusta forma alla tua narrazione, perché anche la miglior idea rischia di trasformarsi in un pasticcio se non è supportata da una scrittura attenta. Rileggiti e fai attenzione ai refusi. Uno su tutti: “L’asino procedeva lento e spedito”. Come fa a essere sia lento che spedito?
    Detto ciò, non mollare e fai avanzare Marduck. Anche se, per ora, il dio Heka tace.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi