Quando il gruppo incontrò Paul

Dove eravamo rimasti?

Contemporaneamente dall'altra parte Roland e Paul affrontano Ekimenos, insieme Non collaborano ma combattono singolarmente come fosse una sfida (50%)

Due a zero per Ekimenos

Mentre Seko e Angel affrontavano Gus, Roland e Paul erano alle prese con Ekimenos.
-Dobbiamo fare attenzione a quei tentacoli! Proviamo ad attaccare da due lati per confond…- Roland non riuscì a terminare la spiegazione del suo piano che già Paul si era lanciato all’attacco -Dove vai?!?!-
-A distruggere quel coso!-
-Ma non abbiamo una strategia!-
-Non mi serve una strategia! Lo finisco con un colpo!- ruggì Paul lanciandosi contro la pianta mostruosa. Il suo attacco fu veloce e potente, e avrebbe senz’altro centrato il bersaglio se i tentacoli non lo avessero afferrato al volo. Paul sgranò gli occhi per la sorpresa.
Le voci intorno a lui si fecero più forti -Sì! Li ucciderò- urlò adirato, riferendosi al gruppo di avventurieri -Ma prima ucciderò te!- tirò con forza liberando lo spadone dalla presa e indietreggiò di alcuni metri.
Fu Roland quindi ad attaccare -Fatti da parte spaccone!- disse a Paul. Impugnando una spada normalmente e una al contrario si avvicinò ad Ekimenos piroettando, ruotando entrambe le spade intorno a se in un turbine di lame. La pianta tentò di ghermirlo con i suoi tentacolì ma ogni volta che uno di questi si avvicinava per afferrare lo spadaccino, veniva tranciato da una lama rotante. Ekimenos iniziò ad indietreggiare. Roland ebbe un’imminente sensazione di pericolo e solo grazie al suo istinto riuscì a proteggersi dal fendente di Paul. -Come mi hai chiamato?- ringhiò il mercenario.
-Ti ho chiamato spaccone, Spaccone!-
-Stai facendo il giocoliere con tutte queste piroette? Vuoi sconfiggere questo broccolo con trucchi da circo?-
-Non mi pare tu…- Roland fu sbalzato verso dei cespugli mentre parlava. Distratto dalla discussione con Paul aveva abbassato la guardia e il mostro ne aveva approfittatto per attaccarlo di sorpresa.
-Ciao, ciao, ballerino!- lo derise Paul.
Quindi tornò a concentrarsi su Ekimenos stringendo lo spadone con entrambe le mani.
Il mostro rivolse contro di lui le sue radici tentacolari, sottili e affilate.
Paul scartò di lato per evitare l’attacco e nel contempo elaborò un piano d’azione. Attaccare i tentacoli era inutile, erano troppi e troppo sottili, al contrario il tronco era pesante e dava l’idea che non avrebbe ceduto sotto i colpi dello spadone, non gli restava che puntare ai fiori sulla cima -Fate silenzio!- urlò alle voci allungandosi in avanti per raggiungere le fronde più alte del mostro.
Ekimenos però, come intuendo le sue intenzioni, gli scagliò contro i suoi tentacoli e Paul fu costretto a difendersi da decine di radici che tentavano di afferrarlo da ogni lato. Nessun dei tentacoli riusciva a raggiungerlo e spruzzi di linfa e pezzi di corteccia, schizzavano qua e la tutto intorno. Anche lui, d’altro canto, non riusciva ad avanzare oltre.
Si piegò per colpire alcune radici più basse e sentì un improvviso peso sulle spalle. Roland lo stava usando come trampolino -Permesso!- gli urlò lo spadaccino balzando al di sopra dei tentacoli direttamente verso i fiori di Ekimenos.
-E’ fatta!- pensò tra se Roland.
-Dove credi di andare!- Paul lo afferrò per una caviglia facendolo ricadere al suolo.
-Ma sei pazzo? Lo avrei colpito!- protestò Roland.
-Mi hai preso per un trampolino?- gli rispose Paul adirato.
Allora i due incrociarono nuovamente le loro armi.
Il fragore metallico fu così forte che per un po’ tutti smisero di udire i sussurri di Ekimenos mentre scintille rosse esplosero tra i due contendenti. Quando un tentacolo provava ad avvicinarsi veniva subito tranciato e pareva che una fitta pioggia verde di linfa circondasse Roland e Paul.
Il mostro però non desisteva e i due, mentre si scontravano, presero ad avanzare verso Ekimenos falciando le sue radici.
Ogni volta che uno dei due sembrava avanzare più velocemente verso la pianta mostruosa, l’altro lo attaccava facendolo indietreggiare.
Si fermarono per qualche secondo affannati.
-Non stiamo concludendo niente- ammise Roland.
-Continui a ostacolarmi!- lo ammonì Paul.
-Sistemiamo prima Ekimenos e poi chiariamo la situazione- propose lo spadaccino.
-Bene! Uno mira ai fiori e l’altro tiene a bada le radici!- concluse il mercenario.
Allora entrambi si lanciarono verso i fiori come se il vile compito di badare alle radici fosse stato assegnato all’altro.
-Che fai?- gridò Paul.
-Penso ai fiori!-
-No! IO penso ai fiori!-
Le loro lame si incrociarono di nuovo ma questa volta erano molto più vicini al mostro.
I tentacoli li avvinghiarono senza dargli il tempo di difendersi ed entrambi furono scagliati a diversi metri di distanza.

***

In quello stesso istante Angel e Seko lasciavano Gus dopo avergli somministrato il medicinale.
-Gus….sei tornato in te?- chiese Angel titubante.
-Sì!- dichiarò Gus a capo chino -Ora andiamo a fare a pezzi quel mostro verde!- si alzò in piedi con lo sguardo determinato come mai e in quel preciso istante Roland gli cadde addosso.
-Per fortuna non ho preso un’albero- disse lo spadaccino tirandosi su -Seko, Angel! Che ci fate qui? Dov’è Gus?-
-Ehm…è sotto di te!-
Roland si spostò -Amico mio! Bentornato!-

Roland e Paul non sono riusciti a fermare Ekimenos. Cosa accadrà ora?

  • Ekimenos canta (67%)
    67
  • Ekimenos si ritira (0%)
    0
  • Ekimenos attacca (33%)
    33
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

32 Commenti

    • Ciao Red!
      Hai ragione ma non ho avuto molto tempo e non volevo farlo giusto per chiudere l’episodio senza aver prima pensato al finale.
      Tra l’altro durante questo periodo sono stato in Giappone quindi mi sono ricaricato per bene.
      E poi, come si dice “Meglio tardi che mai”… 😉

  1. Avrei votato Ekimenos viene ucciso ma una voce mi ha detto che forse ti potrebbe essere utile in futuro. Tuttavia l’elmo lo facciamo prendere e vediamo se i nostri si alleano o si scannano 😉

    L’orso gufo lo conosco e, dalla descrizione, dicono che ha il becco in grado di rompere il ferro. In realtà non ha questa capacità 😉

    Kito in questa storia mi riserva sempre sorprese: non avevo inteso che si riferisse ad Ekimenos come “pianta” invece che come “mostro” 😉

    Ti attendo per il gran finale ^_^

    Ciao 🙂

    • Credo che dare la possibilità di scegliere se la missione avrà successo o meno (cioè recuperano l’elmo o no) sia un po’ azzardato ma almeno appare evidente che le vostre scelte influenzano grandemente gli eventi.

      Mi piace inventare roba e nel caso del guforso ho voluto metterci un tocco personale.

      Alla prossima 🙂

    • 🙂
      Se scrivi che vuoi “vederlo” significa che non è scritto così male ( e/o che tu hai una fervida immaginazione 😛 ), grazie.
      Noto anche che sei molto attento, è vero Kito dice “dimenticata” ma non è una svista (al contrario se altre volte ho usato il maschile riferendomi ad Ekimenos quando parlava Kito ho sbagliato). Mentre per gli altri Ekimenos è “un mostro” generico per Kito che ha una cultura medica è una pianta, un tipo di pianta mostruoso ok ma pur sempre una pianta, per questo si riferisce a Ekimenos al femminile.
      Anche se in queste situazioni non so se abbia senso disstinguere tra il maschile e il femminile…..ci servirebbe la terza persona come gli inglesi “it”.

      Alla prossima 🙂

  2. Ciao! Be’ non penso proprio che Ekimenos si fermi sul più bello, forte della suo vantaggio iniziale tornerà all’attacco.
    Se posso permettermi di darti un consiglio, per le scene d’azione cerca di usare più periodi brevi e non soffermarti troppo su dettagli futili. Dai gli elementi essenziali ai lettori che poi completeranno con la propria immaginazione.
    Alla prossima!

    • Grazie del consiglio.
      Entro molto nel dettaglio perché credo che non tutti abbiamo la stessa fantasia e temo che qualcosa chiaro per me (o per te che ne hai molta) potrebbe non esserlo per altri.
      Per il futuro cercherò di seguire il tuo consiglio, facendo attenzione a non essere troppo conciso però 😛

  3. Ciao! Il capitolo è stato molto entusiasmante! Vedi che ho fatto bene a votare il potenziamento? 😉
    Assolutamente fantastiche le due ragazze! 🙂

    Per il voto sono indeciso tra collaborano insieme e fanno una sfida. In realtà mi piacerebbe entrambi 😉
    Voto a caso… dispari: sfida!

    Ciao 🙂

  4. Tecnica contro Forza e Lo Spadaccino di Wa-Cicala sono quelli che mi piacciono di più. Voterò a caso 😉

    Mi dispiace di essermi perso ben due capitoli, ma il Segui la Storia era saltato. Ora sono di nuovo qui.
    I tuoi personaggi sono sempre fantastici, ma in questa stora Kito si sta facendo valere al massimo (finora). Un giorno mi dovrai pubblicare le loro schede 😛

    Ciao 🙂

    • Hai ragione Muppetz. Il fatto è che lo spazio è poco e le cose da scrivere troppe.
      Ho scelto di dedicare più spazio alla storia che alla caratterizzazione dei PG perché non si tratta di una storia indipendente ma di una storia autoconclusiva che però fa parte di una serie. Ho scritto diversi racconti sempre con gli stessi protagonisti.
      Così posso dedicare più attenzione ai dettagli narrativi e spero che il lettore possa conoscere i PG sempre più, man mano che legge le diverse avventure.

    • Ciao Muppetz 🙂
      Che enfasi! “Potenziale distruttivo” rimanda più a quella volta in cui Kito e Roland attraversarono la Foresta delle Anime Insanguinate, o quando Seko si perse nel Labirinto della Disperazione.
      Ma è anche vero che la Foresta dei Sussurri non avrà lo stesso….impatto, ma è comunque pericolosa.
      Spero comunque tu faccia il tifo per i protagonisti e non per i nemici. 😛

      Alla prossima 🙂

    • Non mi è arrivata la notifica del tuo commento, altrimenti ti avrei risposto prima.

      Attenzione alla “puzza” di magia che senti…..se è odore di uova marce significa che si tratta di zolfo, in quel caso….. -SCAPPA!- perché zolfo = Draghi o Viverne!

      Alla prossima 🙂

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi