Il guerriero e l’apprendista strega

Alicante

Era là, fermo. Il suo avversario era sul punto di crollare, doveva essere così.

Nessun altro guerriero avrebbe mai potuto resistere tutto quel tempo in quel buco rovente. In quelle ore, Alicante aveva imparato ad apprezzare lo spirito di sopportazione del rivale.

L’altro da parte sua, sapeva che Alicante era là, ne avvertiva la presenza, il respiro, persino l’odore. La domanda era solo una, quanto ancora sarebbe rimasto ad aspettare un suo passo falso.

All’improvviso un rumore destò l’attenzione di entrambi. Alicante fece un rapido balzo per vedere cosa fosse. Un nemico? Un rivale? Fece un rapido balzo, abbandonando il suo punto di vedetta. Osservò meglio, non era nulla, forse dei rami caduti o altra cosa di poco conto.

Per l’avversario invece il momento era arrivato. Quello spostamento era stato l’unica distrazione da quando, ore prima, si era ritrovato prigioniero in quel minuscolo antro senza poter uscire. Ora o mai più!Trattenne il respiro e si lanciò in una corsa senza sosta. Sapeva che se avesse ceduto prima dell’altro varco sarebbe stata la sua fine.

Alicante riprese posizione. Ma qualcosa in quel luogo era cambiato, il suo avversario doveva essersi mosso. Alzò la testa. La mimesi del nemico con il territorio avrebbe ingannato molti occhi, ma non i suoi.

Finalmente lo vide. Senza pensarci si caricò correndo con tutta la forza che aveva per prenderlo. Non sarebbe riuscito a fuggire. Non dopo tutte le ore che gli aveva dedicato. Non poteva. Ecco. Ti prendo. Sei mio!

Poi qualcosa gli stinse il collo.

No, non ora.

La morsa era irresistibile.

“Alicanteeee, Alicanteeeee, smetti di giocare, ho bisogno che mi aiuti con queste formule!”

Provò a resistere, ma in un attimo fu trasportato ai piedi di Alfronia.

“Che stavi facendo?”

Avrebbe voluto dirle che nessuna donna, strega o mortale, lo aveva importunato così tanto da fargli perdere una battaglia già vinta come quella. Provò a mostrare il suo disappunto, ma tutto quello che riuscì a proferire fu il solito: “MAAAO”

Alfronia lo prese in braccio e accostandolo alla guancia gli sussurrò: “Hai trovato qualche bel topolino?”

Alicante chiuse gli occhi riducendoli ad un’unica giallissima fessura

Erano ore che stavo aspettando che quel maledetto topo uscisse.

“Andiamo, andiamo a preparare tante belle formulette. Poi per premio ti darò tanto latte”

Latte… la colazione dei perdenti e di quelli che vengono interrotti mentre si guadagnano il pane.

“Con cosa iniziamo oggi?” Alfronia si passò una mano nei capelli ricci sperando che, grazie a quel gratta-gratta, le uscissero dalla testa delle idee, oltre ai consueti pidocchi.

“Trovato!” Prese il gatto e posto occhi negli occhi disse “E se andassimo a fare un giro sulla scopa?”

Alicante sgranò gli occhi.

Ma sei pazza? L’ultima volta siamo andati a finire sul tetto della signora Gobbit e c’è andata di lusso. Basta con queste fesserie.

Si divincolò.

“Ok, ho capito prendo il calderone e facciamo pratica con le formule”

Cosa combinerà Alfronia con la pozione?

  • Creerà una bacchetta con poteri incredibili. (0%)
    0
  • Farà apparire un vichingo. (20%)
    20
  • Darà ad Alicante la parola. (80%)
    80

Voti totali: 10

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

6 Commenti

  1. Ciao Pq12 e benvenuto/a su theincipit!
    Intanto complimenti per aver scelto di cominciare da una fiaba, ottima scelta ?
    Hai uno stile molto scorrevole e divertente; bello il fatto che si capisce solo a metà capitolo che Alicante è un gatto, colpo di scena molto apprezzato… Voto che la streghetta gli darà la parola, e seguo molto volentieri…?
    Buona giornata!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi