La fine di tutto

Dove eravamo rimasti?

Il prossimo capitolo sarà lo scontro tra Evol e Etah , ma chi sono davvero questi due e da quale punto di vista verrà raccontato? Evol e Etah sono la Regina e il Cavaliere dopo il combattimento, lo scontro sarà raccontato da Evol (100%)

Passaggio di testimone

Evo schivò i proiettili d’acqua compressa lanciati da Etah e aumentando la sua velocità al suo massimo riuscì ad arrivargli a distanza ravvicinata per poi infilzarlo con la lunga spada in suo possesso. Nel momento esatto in cui infilzò l’avversario si rese conto che la battaglia non era ancora finita. Aveva usato una sua tecnica. «Etah, sei o no un cavaliere ? Esci e combatti!! Ti prometto che questa sarà la nostra ultima volta… Divertiamoci…» Urlò quella che un tempo era la leggendaria Regina.e ora ne era solo una serva… Dopo quel combattimento avvenuto migliaia di secoli prima, per colpo dell’ultimo colpo del Cavaliere la regina aveva perso tutto il suo potere di ghiaccio. Dalla prima all’ultima goccia il suo potere le era stato strappato via lasciandola nuda di fronte al cavaliere il quale vedendola lì inerme se ne stava zitto. Evol ricordava ancora l’umiliazione di quel momento, ma il fatto che era successo dopo era quello che l’aveva tormentata di più. Infatti quella volta il cavaliere si era avvicinato a lei e le aveva dato la sua dicendole: «Mi prenderò il tuo peso, non dovrai preoccuparti mai più del ghiaccio. Tieni la mia spada, forse ti verrà in aiuto prima o poi. » Lanciandole poi la spada se ne era poi andato, mentre il ghiaccio iniziava a corrompere tutta la sua armatura. 

Ora invece la situazione era ribaltata. Vittima del ghiaccio era Etah e graziata dall’Oscurità era Evol. 

  • Dove sei maledetto Cavaliere?»  urlava Evol non vedendo più il suo avversario , ma solo una scultura di ghiaccio lì vicino. 

«Addio» Evol sentì una voce alle sue spalle e abbassando lo sguardo vide una lama ghiacciata uscirle dal petto. Lei non urlò di dolore, anzi sorrise. Aveva vinto… Prese tra le mani l’arma nemica e la spezzò per poi liberarsi. Mentre l’Oscurità faceva rigenerare la ferita lei si voltò e vide per la prima volta per davvero il suo avversario. Aveva molteplici lame nere in ogni punto del corpo e lo sotto l’elmo non c’era nessuna luce. 

Quel giorno il cavaliere era morto. 

Evol, assicuratosi il decesso del suo avversario, riassorbì la sua oscurità e mentre il corpo senza vita del nemico si accasciava al suolo, la Servitrice spariva per tornare dalla sua Regina, ora c’era un nuovo Cavaliere da affrontare…

***

«Oge, il Cavaliere è appena morto… Sei tu che devi prendere il suo ruolo e spezzare la catena degli eventi.» Il ladro osservò Eerf, la sua nuova aiutante e disse: « Se il Etah è stato sopraffatto dalle due regine che ti farà pensare che io possa fare qualcosa? La mia Oscurità è costantemente impedita da queste dannata lame di luce. Non sono neanche al dieci per cento del mio potere! »

Eerf osservò quello che doveva raccogliere il testimone del suo amato… Non aveva tutti i torti. Su carta era molto più potente di Etah, la sua oscurità era più pura in fondo, ma quelle lame di luce lo impedivano. Evol aveva fatto davvero un bel lavoro. «Oge è tempo di portarti dal Pittore.»

Cos' è il pittore?

  • -- --- (0%)
    0
  • un'entità del mondo di Oge (0%)
    0
  • un'entità del nostro mondo (100%)
    100

Voti totali: 2

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

9 Commenti

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi