Lacrime d’argilla

Dove eravamo rimasti?

Come vogliamo far finire questa storia? Diego raggiungerà Milena in camera (57%)

Matassa emotiva

Ammettendo con presunzione di aver compreso in qualche modo la pletora di sentimenti contrastanti che annebbiano le mie emozioni, adesso non rimane altro che trovare una via d’uscita da questa storia.

Certo, il fatto di aver isolato i diversi pensieri non significa che io sia effettivamente in grado di sapere con certezza dove mi porterà la strada che intendo percorrere.

Ma è anche l’unica cosa da fare.

Con questo pensiero in testa, mi alzo in piedi e mi dirigo verso la porta.

La paura delle conseguenze adesso, è l’unica sensazione tangibile che potrebbe bloccare le mie azioni.

Ma quali azioni poi?

Il problema non è insito nel comportamento che posso in qualche modo esternare, tanto nel modo in cui decido di vivere quello che voglio affrontare veramente.

Mentre ruoto la maniglia della porta sono stranamente contento.

Seduta sul letto, Milena mi guarda interdetta.

Evidentemente, non si aspettava di vedermi entrare.

Mi siedo accanto a lei.

“Diego io…”

Blocco il suo discorso sul nascere posandole un dito sulla bocca, poi lascio scivolare la mia mano dietro la sua nuca e porto le sue labbra verso le mie.

Dopo un impercettibile tentativo di resistenza, la sento cedere contro le mie labbra.

La spingo più forte verso di me, continuando a baciarla.

Milena inizia a ricambiare le mie effusioni afferrandomi il viso con le mani.

Dopo qualche minuto però si ferma.

“Diego, cosa stai facendo?” dice allontanandosi.

Cosa vuoi che stia facendo? Quello che avrei dovuto fare tutti questi anni, ogni giorno della mia vita.

Ovviamente non riesco ad esternare i miei pensieri. Dopotutto certe cose non si sbloccano in un secondo.

Mi limito a sorriderle.

“Perché mi stai baciando?” domanda con uno strano tono di voce.

Abbasso per un attimo gli occhi e prendo fiato.

L’aria mi brucia i polmoni e quando arriva al cervello mi inebria al punto da farmi girare la testa.

Quando rialzo lo sguardo, sento di avere gli occhi lucidi.

Lei mi guarda spaventata.

Osservo il suo viso, cerco di decifrare il suo sguardo.

Dietro i suoi occhi languidi leggo chiaramente emozioni contrastanti. Paura e passione, ma anche una specie di rabbia malinconica.

Rimanere in silenzio a questo punto non ha più senso.

“Milena io…”

“Non dirlo, per favore.”

In ogni caso ormai non posso più fermarmi.

“…ti amo.”

Lei si copre la faccia con le mani e scuote la testa.

Cerca di scacciare le parole che ha appena sentito.

Rimango in silenzio, non c’è bisogno di aggiungere nulla.

“Diego, io tra qualche giorno parto.”

“Lo so, me lo hai già detto” le rispondo perplesso.

“Quello che intendo dire, è che ho intenzione di trasferirmi a Berlino, con Bruno.”

La testa inizia a girarmi.

“Che cosa?”

“Ha trovato lavoro lì e mi ha chiesto di andare con lui.”

Involontariamente trattengo il respiro.

“E quando avevi intenzione di dirmelo?”

“Volevo prima parlarne con lui di persona.”

“Ma adesso sembri piuttosto convinta.”

“Forse, non lo so.”

Non puoi andare, rimani qui con me.

Sospiro.

“Capisco.”

È vero, comprendo perfettamente le sue motivazioni, le sue paure.

Forse se mi fossi comportato diversamente le cose sarebbero andate in un altro modo.

La verità però, è che qualsiasi cosa accada, non ha più assolutamente importanza.

In un modo o nell’altro ho capito quello che dovevo capire.

Sorrido.

“Diego, tutto ok?”

Mi alzo dal letto annuendo.

“Sto bene, ho soltanto bisogno di stare un po’ da solo” le rispondo uscendo dalla stanza.

Indosso la giacca ed esco per strada.

Inizio a camminare lentamente.

Sotto il malinconico velo di solitudine che mi protegge, riesco finalmente a vedere la matassa di emozioni che non sono mai riuscito a districare. Mi rendo conto con sollievo che si tratta di tessuti dai colori definiti. Mi soffermo ad osservarne uno, meravigliandomi della sua omogeneità. Ne afferro dolcemente un capo e ne percorro con le dita la superficie, arrivando fino all’origine. Lo separo dagli altri e ne distendo le estremità.

Mi sento stranamente leggero. Piuttosto triste, ma leggero.

Milena probabilmente andrà via e io rimarrò a pensare a cosa sarebbe successo se avessi risolto prima le mie complicazioni emotive.

Inutile recriminare il passato.

Nel bene o nel male sono arrivato a una conclusione, il resto non conta.

Le lacrime di malinconia si mescolano alla leggerezza di un sentimento finalmente decifrato.

Ripercorro mentalmente gli eventi degli ultimi giorni e le assurde emozioni innescate in seguito all’incontro con Carlotta.

Adesso non percepisco più quel fastidio irritante quando penso a lei, tuttavia l’incontrollabile desiderio sessuale non è più così intenso.

Emotivamente provato, mi siedo su una panchina.

Il cellulare mi vibra nella tasca.

Deve essere Carlotta, non ho più risposto al suo invito.

Apro la chat, il telefono sta scaricando una foto.

Sulla didascalia c’è scritto:

«Vediamo se riesco a convincerti»

Dopo pochi secondi l’immagine diventa nitida.

Carlotta mi ha inviato la foto della sua vagina.

Categorie

Lascia un commento

112 Commenti

  1. Ciao Laney,
    alla fine una decisione l’hai presa!!
    Quella di non aver mandato in porto neanche la storia con Milena…all’inizio c’è stata la delusione, mi sono detta “ma come”?!??!
    Ma poi, riflettendoci bene, a volte nella vita va proprio così…lasci sfuggire l’occasione nel momento in cui andrebbe colta, e poi il momento passa….Carpe diem!!!
    Detto da una che nella vita si è lasciata sfuggire un milione di occasioni… 😉
    Diciamo che una puntina di delusione mi è rimasta, ma il tuo racconto mi è piaciuto davvero molto, soprattutto le descrizioni delle incertezze/debolezze amorose: le ho trovate molto “vere”…detto questo spero di rileggerti presto!!

    Buona serata,
    Cinzia
    ps: la vagina a chiusura è stata una trovata ah ah ah!!!!

    • Ciao Cinzia, la decisione l’avete presa voi votando quella scelta 🙂
      Io ho semplicemente mandato all’aria tutto quanto 😀
      L’attimo passa e il dubbio resta sempre 🙂 Che possiamo farci? Mi dispiace per il pizzico di delusione, ma Lacrime d’argilla non poteva finire con un lieto fine 😉
      Grazie per avermi seguito nella storia 🙂 🙂

  2. Ciao Laney,
    questo finale è perfetto per la tua storia e per il tuo modo di raccontarla, mi piace che sia partita con il cercare qualcosa e sia finita per trovarne un’altra.Diego è stata una scoperta e si rivela in realtà un personaggio interessante… il suo piglio più intrigante viene fuori proprio in quest’ultimo capitolo dove non è più cinico o indolente ma comincia ad avere dei tratti più decisi, c’è una sorta di maturazione sentimentale e comunicativa direi. Milena, invece, si spoglia di ogni veste emancipata e moderna e diventa un personaggio più etereo, che si concede e poi si nega come in un seducente gioco sentimentale. Mi resta un dubbio: Diego, evolutosi sentimentalmente :D, rivedrà Carlotta?

    • Violatis 😀
      Le varie diramazioni che hanno portato a questo finale sono state scelte da voi, per questo la strada alla fine ha raggiunto una metà anziché un’altra. Sono molto contento dell’evoluzione del personaggio, anzi dei personaggi.
      Diego rivedrà Carlotta?
      Bella domanda 😀 😀 😀
      Grazie di avermi seguito per tutta la storia, ci vediamo da te al prossimo episodio 🙂
      Ciao

  3. È molto difficile creare dei personaggi come Diego e Milena. Dopo tutti quei messaggi di Carlotta e per come erano andate le cose a letto tra Diego e Milena io non avrei mai scommesso su Milena, da lettrice, meno ancora da autrice.

    Ti devo fare i complimenti invece per come ti sei districato. Il capitolo, al solito, scorre e si chiude aprendo ancora tante domande. 🙂 Ci sarà un seguito alla fine? 😉 E se sì per cortesia, ora che Milena si è tolta di mezzo, potremmo avere un incipit di fuoco Diego/Carlotta ? 🙂

    • Ciao Basilissa, tu dici che non avresti scommesso su Milena perché avevi votato Carlotta.
      Volevi vedere quei due insieme. Anzi, lo vuoi ancora dato che suggerisci un seguito con un incipit di fuoco 😉
      Non so se farò un seguito, spero di tornare presto. Per il momento rimango come lettore.
      Grazie per avermi seguito 😀
      Ciao

  4. Ciao Laney
    Finale coerente con i personaggi che hai ben caratterizzato.
    Milena parte e Diego si sente leggero. Infatti, la sua partenza lo libera dalla responsabilità di una scelta. Carlotta rimane e il gioco della seduzione continua.
    Più che in una matassa, il protagonista è dentro la sua giostra di emozioni. C’è chi scende (Milena) e chi sale (Carlotta). Lui, invece, rimugina il passato, vedendo passare il “qui ed ora”, da lontano. Resta su, gira a vuoto su se stesso, per poi ritornare al punto di partenza.

    • Grazie Maria. In realtà lui non si sente leggero perché libero dalla responsabilità diuna scelta. Lui ha finalmente capito cosa gli passa per la testa riuscendo ad isolare le varie emozioni che lo controllano. Forse il gioco della seduzione neanche gli interessa più di tanto ora che ha capito cosa vuole, a prescindere dl fatto di poterlo avere o meno.
      Almeno questo lo penso io, poi l’interpretazione è diversa a seconda di chi legge.
      È questo il bello:)

  5. Si, adesso si.
    Chiude con l’amaro. Ciò che vuoi lo perdi, ciò che hai vorresti averlo perso. Mantieni l’equilibrio e la storia ricomincia con un nuovo tassello.
    Andrà, si, andrà in qualche modo a espiare, comunque a farsi del male: Anima persa.

  6. Ciao Laney,
    lasci a noi la scelta del finale?!? Accidenti!
    Adesso mi sento nervosa, ho l’ansia da scelta …da una parte sarei curiosa di vedere cosa farebbe Diego ritrovandosi finalmente davanti Carlotta, dall’altra vorrei anche esplorare la novità del sentimento che sembra nascere per Milena….
    Alla fine voto per l’incontro con Carlotta…ma solo perchè quella storia deve concludersi alla fine, in un modo o nell’altro…spero però ci sia un pari merito 🙂
    Buona serata!!

    • Ciao Cinzia, in effetti ho lasciato a voi la scelta perché io proprio non me la sono sentita di prendere questa decisione 😀 😀
      Un pari merito lascerebbe comunque a me la scelta finale, quindi speriamo che non avvenga! 🙂 Il sentimento per Milena però credo sia più una scoperta che una nascita…
      In ogni caso, ti aspetto per il finale 🙂

  7. Accidenti 🙂 Allora…sto pensando alla repressione emotiva comune a molti uomini, sono contenta di sapere che esiste davvero e che non è solo una storiella molto “utilizzata” da noi femminucce per spiegarci o non spiegarci “cose” 😉 Io voto per Milena e Diego e sarai sorpreso immagino 🙂 A presto

    • Ciao Violatis, qui entriamo in un campo minato 😀
      Repressione, paura di scoprirsi, paura del cambiamento, mancanza di coraggio… sarebbe impossibile decifrare in maniera semplice quello che passa per la testa a chiunque. Però sono contento di aver contribuito a qualche tale spunto di riflessione 😀
      Non sono molto sorpreso del tuo voto in realtà, però non chiedermi il perché 😀

  8. Anche questo capitolo bellissimo, quando scrivi riesco ad immaginare perfettamente la situazione.

    Per me è il momento di vedere Carlotta in azione con Diego.:) Mi piacerebbe conoscere meglio questo personaggio. In generale mi piacerebbe comunque un seguito di altri 10 episodi. Questa storia li merita tutti!

    • Ciao Basilissa e grazie per questo commento carico di complimenti, sono lusingato 🙂
      Un sequel? Non credo che lo farò, non mi piacciono tanto le storie che si dilungano troppo. Però…chi può dirlo? Ci penserò 😀

  9. Ciao Laney
    incuriosita dal titolo e dalla copertina (che non passa inosservata) ho letto i tuoi capitoli.
    I personaggi sono caratterizzati bene, i dialoghi scorrono bene, funzionano.
    Le due donne sanno quello che vogliono e non temono di dimostrarlo. Diego, invece, sembra lusingato di essere al centro dell’attenzione e dimostra un interesse marginale per entrambe. Ha lasciato delle situazioni sospese e irrisolte, ha paura di esporsi.
    Sarei tentata di votare controcorrente … rimarrà da solo ma dico che andrà da Carlotta e… non mi meraviglierei se ci fosse un imprevisto.

    • Ciao Maria, è vero, le due donne hanno carattere. Almeno rispetto a Diego che invece forse per paura o forse perché è semplicemente fatto non sembra quasi avere voce in capitolo. Sono contento che tu sia arrivata in tempo per suggerire un finale che è ancora tutto aperto 😀
      Grazie 🙂

    • Ciao Cinzia, è vero sembra buffo. Credo che queste cosa possano accadere solo in seguito a determinate dinamiche. In particolare quando si lasciano le cose a metà.
      Comunque ho appena caricato il penultimo episodio.

  10. Ciao Laney,
    io adoro Milena, in questo capitolo ho rivalutato molto il suo personaggio, mi piace, è tagliente, acuta, sveglia, un po’ cinica ma sensibile allo stesso tempo (in generale comunque le cose non si escludono a vicenda). Scelgo la terza, non sono una fan della vendetta, è noiosa 🙂 Al prossimo

    • Ciao Violatis,
      ho appena letto il tuo nuovo capitolo. Ho l’impressione che la “mia” Milena abbia molte cose in comune con la “tua” Viola, forse è per questo che ti piace così tanto 😀
      La vendetta è sempre noiosa, ma è un’opzione che ho voluto inserire lo stesso.

    • Ciao Asami 🙂
      Dieci anni potrebbero non essere poi così troppi per una vendetta, come accennavo sotto a blubear. Però insomma, ora vedremo cosa esce fuori. Anche perché le tre opzioni si equivalgono e fare un mix delle tre cose è impossibile 😀

  11. Eheheh. Come la mettiamo adesso? Ti ho dato il voto sullo sviluppo più banale ma, se giochi bene le carte, mica tanto.
    Vista l’insistenza di Carlotta che non se lo sia levato dalla testa è palese, ma una vendetta dopo dieci anni… poco probabile.
    Normalmente, verso questo punto, potrebbe subentrare l’elemento perturbatore.

    • Ciao Blubear, i tuoi spunti creativi sono sempre importanti. Una vendetta dopo dieci è improbabile ma non impossibile, almeno secondo la mia esperienza personale.
      L’elemento perturbatore… posso immaginare cosa intendi, ma non ne sono del tutto sicuro. Ora ci penso un po’.

    • Grazie Gianluca, esistono molte cose potenzialmente assurde di cui probabilmente ignoriamo tutti l’esistenza. Quanto ci ho messo in che senso? Diciamo che ho scritto sette episodi in un paio di mesi abbondanti. Circa uno ogni dieci giorni, se era questa la domanda. La trama la sviluppo andando avanti, lasciandomi fortemente influenzare dalle opinioni di chi legge.

  12. Ciao Laney,
    proviamo a dire la verità stavolta? In fondo l’ha fatto anche Carlotta.
    Piacevole come sempre, quando arrivo in fondo ad un capitolo vorrei sempre che ci fosse il successivo già pronto 🙂
    Sono stata contenta anche di leggere la “spiegazione” del titolo del racconto.
    buona notte, alla prossima!

  13. Ottimo colpo di scena che fa propendere per un primo incontro non casuale.
    Un commento neutro non sarebbe veritiero, opzione verità invece corrisponderebbe a una resa.
    Milena può fare da guida. Hai pensato al grado di conoscenza tra le due e a quanto sa Milena della loro passata relazione?

    • Ciao Blubear, l’opzione incontro non casuale ti piace molto 🙂
      Sinceramente le ho sempre tenute separate e ignare l’una dell’altra. Nei primi episodi Milena non sa chi sia Carlotta, e se si conoscessero davvero allora vuol dire che entrambe stanno mentendo a Diego. Opzione interessante ora che ci penso 🙂
      Potrei considerare uno sviluppo del genere.

  14. Wow… questo racconto è davvero coinvolgente!
    Ho votato per rimandare il tutto a lunedì, anche perché sembra un bel fine settimana (almeno qui in Sardegna) da godere assolutamente in spiaggia, lasciando quella povera creatura alle sue seghe mentali. Lunedì avrà il testosterone a 1000!

  15. Secondo me ha ragione Milena…Diego non capisce niente di donne! Si capisce che Carlotta vuole rivedere Diego…e lui le ha fatto sapere che la desidera ancora…e allora lei, come una femme fatale, lo farà rosolare perbenino tutto il weekend!
    Alla prossima

  16. Ciao Laney,
    la tua storia mi piace e mi incuriosisce sempre di più 😉
    Meraviglioso il “Tu non le capisci proprio le donne.” di Milena!!! Ah ah ah!!!
    Della serie “prendi una donna, trattala male…ecc…”
    Direi una risposta di lunedì? Anche lei dovrà meditare cosa dire e farà le sue bozze da rivedere…anche perchè è una risposta importante 🙂
    Alla prossima!

  17. Ciao Laney,
    ero impaziente di leggere questo nuovo capitolo 🙂 la diagnosi mi fa pensare: è veramente tutto qui? Davvero esistono delle attrazioni così forti da non farti dormire, senza essere accompagnate da qualcos’altro di più intimo? Davvero esistono passioni così “violente” e resistenti al tempo? Qualcosa mi fa pensare che Diego dovrà ancora guardarsi bene dentro per dipanare la matassa. Hai un compito difficile: non cadere nell’ovvietà del solo sesso e non cadere nell’ovvietà del sesso legato necessariamente all’amore 😀 Voto per la risposta il lunedì mattina, meglio che stia un po’ sulle spine. Non vedo l’ora di rileggerti 🙂

  18. Rispondere immediatamente a un messaggio così fa troppo ‘assatanata’ in un senso e ‘incazzata’nell’altro.
    Un re-incontro in metro per caso molto improbabile e perché non avrebbe risposto dopo che lo ha tamponato a lungo.
    Quindi… ci sta una pausa di riflessione. Magari un appuntamento.

  19. Ciao Laney
    Dopo l’ennesimo no, questo messaggio di Carlotta dovrà essere più articolato di un semplice caffè…magari fare riferimento a qualcosa di intenso (oltre il sesso) accaduto fra i due che lascia Carlotta ancora legata a lui e con fortissimo desiderio di rivederlo e che spieghi anche perché lui non l’abbia dimenticata.
    Strana la storia con Milena (chi consola/sfoga l’altro?)
    A presto

  20. Questa parte mi lascia interdetta, ha un sapore particolare.
    Il loro incontro sembra un evento sporadico e senza nessuna ripercussione futura, o almeno così sembra da parte di entrambi, Diego, però, ha tenuto a bada per anni il desiderio per Carlotta riuscendo, almeno in parte, a contenere le sue emozioni, Milena invece potrebbe essere una brava dissimulatrice…voto per il messaggio di Carlotta nella speranza che lui capisca da dove viene questa forte attrazione e che portata abbia 🙂

    • Ciao Violatis, è vero. Il loro incontro sembra un evento sporadico, voluto esclusivamente da Milena tra l’altro. Sembrerebbe ovvio che il desiderio verso Carlotta sia tutta un’altra cosa 🙂
      Grazie e a presto 🙂

  21. Ciao Laney,
    La tua storia continua a piacermi molto 😉
    Questa intrusione di Milena è stata una vera e propria incursione! Partita con pancakes alle 4 di notte…ah ah ah!!!
    Sulle opzioni per il seguito ti dirò, per quanto mi intrigasse molto il discorso doccia, leggendo il capitolo ho avuto la sensazione che lui non fosse affatto interessato a Milena “in quel senso”, e che fossero proprio fuori sincrono: insomma, non c’era empatia, nessun affiatamento….a me le tue descrizioni hanno fatto questo effetto, non so se era quello che volevi trasmettere.
    Perciò trovo proprio poco coerente che lui la raggiunga in doccia ;-(
    Penso che cercherà un nuovo contatto con Carlotta, che a quanto pare al momento è l’unica che lo intriga veramente.
    A presto!

  22. I tre possibili sviluppi mi spiazzano un po’.
    Diciamo che un messaggio da Carlotta, arrivato magari mentre dormiva, è quello che trovo più consono.
    Addormentarsi: chiude troppo bruscamente; andare in doccia: non vedo ben definito il rapporto tra i due per farlo.

    • Ciao Blubear e grazie per i tuoi sempre preziosi commenti. In questo capitolo volevo finire di definire il personaggio di Milena. Magari in questo modo più avanti potrebbe eventualmente trovare uno spazio diverso nella storia, nel caso ce ne sia bisogno.

  23. Ciao Laney,
    approdo ora alla tua storia e la trovo davvero intrigante. La scena delle rivelazioni di questo quarto episodio è stata troppo meravigliosa…ad un certo punto sono scappata a ridere!!!
    Mi piace il tuo modo di scrivere, è davvero molto scorrevole, e poi mi piace il fatto che non tratti solo di sesso ma da quello strano ed indecifrabile mix di sesso e sentimenti in cui è difficile raccapezzarsi!!!
    Ora, escludendo una confessione a Carlotta che renderebbe il nostro protagonista del tutto vulnerabile, direi però che cerca di incontrarla…dopo 10 anni questa storia deve pur definirsi in un modo o nell’altro, no?
    Saluti,
    CInzia

    • Ciao Cinzia, grazie mille per il tuo bel commento! 🙂
      Il mix di cui parli è essenziale per differenziare una storia erotica da un romanzo rosa o da un racconto semplicemente pornografico. Forse per questo è così difficile scrivere di queste cose 🙂

  24. Ero indeciso tra nostalgia e rabbia. Rabbia però mi pare la più appropriata, verso se stesso e verso di lei. È la reazione più normale alla frustrazione, al pensiero del passato e l’incognita del futuro che gli provoca quell’incontro.
    L’incontro: un caso?
    Buon scorrimento narrativo.

    • Ciao Blubear e grazie per il commento. Hai ragione a dire che la rabbia possa essere la reazione più normale dopo quell’incontro apparentemente casuale. Dico apparentemente perché l’idea originale è quella dell’incontro fortuito, però chissà, potrei inserire in futuro un’opzione di voto sulla casualità o meno (mi hai dato un’eventuale spunto creativo 😀 )

  25. Ciao, premetto che non ho mai letto un erotico prima d’ora ma la curiosità è donna. Cio che vorrò scoprire leggendoti è se il tuo protagonista sarà in grado di sviluppare, in futuro, qualcosa che vada oltre il semplice sesso ma hai descritto la protagonista come la solita “gallina” da una botta e via… Chissà? Ti seguirò per scoprirlo.
    Se vorrai passare anche da me mi farà veramente piacere. Ho bisogno di pareri sinceri e tu, dal tuo modo di scrivere, sembri una persona molto schietta.
    A presto!

    • Ciao Blondegirl, vedremo gli sviluppi della storia per capire che tipi siano tutti i protagonisti della storia e il tuo contributo sarà sicuramente prezioso 🙂 Appena posso verrò a leggerti molto volentieri 🙂 Grazie del commento!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi