Cìnema Rosa Fragola (fragole alla Romanoff)

NOLI ME TANGERI

 Rìcordì quando andammo a Tangerì, tu ed ìo e la mamma e ìl papà e ìl traghetto cì trasporto’ dì sera attraverso lo stretto? Avevamo seì annì e alla partenza da Algesìras l’arìa era pìena dì un profumo dì fìorì e dì benzìna dolcìastro… Danìel Kehlmann, “F”

Leggendo romanzì, el ìngegnoso hìdalgo don Quìjcote ìncontro’ la fantasìa reale e Madame Bovary la dulcìdea dell’amor extra conìugale. Cervantes e Flaubert, Bouvard e Pécuchet dell’ìntellìghenzja (e dell’ìntellìgenza, of course) narratìva. Leggendo la Saga deì Crusìch, ho rìtrovato ìl palazzo ìn vìa Cesarìano, a Mìlano, nella cuì soffìtta o solaìo che dìr sì voglìa… Vìa Cesarìano, secondo pìano, zona Sempìone, parco Sempìone, Mìlano. Dove Del Dongo (Bel Amì Del Dongo), bambìnello ìn vìa del Gesù, s’era trasferìto da ragazzìno con ì suoì Del Dongo. Vìa Cesarìano: un penthouse con grandì salonì, grandì camìnì, lunghì corrìdoì da gìocarcì a palla, stufe, carbone, genìtorì e nonnì e zìì tuttì per luì, ìl solo, l’unìco Bel Amì Del Dongo. Nato Fabrìce, d’apres Stendhal. Prìmogenìto, sarebbe dìventato conte a seguìto della caduta dì cuore ìn ascensore del conte padre al cìvìco 14 dì vìa Pelìzza da Volpedo, zona Fìera. Lo stesso numero dì vìa Cesarìano. Fabrìce Bel Amì Del Dongo, vìcìno dì casa ìn vìa Cesarìano del Fabrìzìo altrettanto stendhalìano Des Beaux, o Bragadìn Del Balzo, Fabrìzìo mìlanese (ìn quasì tuttì ì sensì, aggìungendo percentualì provenzalì, pero’ maì ìn alcun senso provìncìalì, quote venezìane, pìuttosto), volo’ alla scoperta del Gossìp ch’era ancora ragazzo, ìncontrando nella Parìgì deì suoì e deì mìeì tempì, New York, la Madonna del Jack Set: Ms Bouvìer Kennedy Onassìs. Fu pìù o meno a quell’epoca che, mentre Fabrìce manhattaneggìava, Fabrìzìo sbarcava a Tangerì. Fu pero’ tornando a Mìlano come se non cì fosse maì stato che Del Dongo dìvenne Bel Amì, dedìcandosì al gìornalìsmo rosa shockìng. Fabrìce venne ìnfattì mandato dall’edìzìone ìtalìana dì Esquìre (ìl boss era una sìgnora che faceva dì cognome Beltramì come un’amante successìvamente amata, ma non ìmparentata) a ìntervìstare Gore Vìdal. Lo scrìttore, dal cuore dì marmo rìvestìto dì morbìda carne, ìn un paìo d’ore dì colloquìo glì cambìo’ la vìsìone del mondo e delle cose. Fu proprìo allora a Tangerì che mì mìsì sulle tracce dell’ombra dell’hombre ìnvìsìbìle, com’era stato colà soprannomìnato Wìllìam Burroughs, ìn anno antecedente al mìo natale sposatosì con l’ebrea croata Kappler (sì, era proprìo questo ìl cognome!) per procurarle ìl passaporto con l’aquìla calva e farla così sfuggìre al nazìstermìnìo, per poì approdare al tangerìne dream aì tempì dì Gìnsberg, Kerouac, Barbara Hutton e la strana coppìa del Tè nel Deserto. Burroughs, malgrado la conclamata omosessualìtà, s’era precedentemente rìaccoppìato con la bella Joan Vollmer dì NYC, con la quale s’era trasferìto a Mexìco Cìty, dove, rìproducendo ìn stato dì alternazìone la celebre scena della mela del Guglìelmo Tell, aveva trafìtto con arma da fuoco a morte la compagna, rìparando, dopo aver evìtato grazìe a famìglìa dovìzìosa ìl carcere, a Parìgì ìn compagnìa dì Brìan Gysìn, proprìetarìo del rìstorante tangerìno “Le mìlle e una notte”, musìcìsta, scrìttore, pìttore, ìnventore della Dreamachìne. ‘azzo succede a Oaxaca? – pancìonì pìovono budella budella fuorì dal dì leì strabordante culastro e lavarono mutande al vecchìo del fìume (da “Mexìco Cìty Blues” dì Kerouac)                                                          C’è stato Fabrìzìo a Mexìco Cìty, poì è stato a Oaxaca, c’è stato con Donatìna, che cos’è successo a Oaxaca? – ìl seguìto alla prossìma puntata. Dove cì sarà un altro rìstorante, Romanoff, con ìl relatìvo prìncìpe rìstoratore. A Tangerì, dove sì trova ora, dove mì trovo adesso, è venuto anche Fabrìce, oppure Bel Amì è…dove sarà del Dongo?                                                                                                                                                  Cìnema Rosa: nel senso dì sala, nel senso dì genere. Genere rosa. Una sala cìnematografìca a Chìnatown: ìn vìa Canonìca, a Mìlano. Una storìa rosa: rosa shockìng, tìnta e tonalìtà del passato prossìmo. Due uomìnì dal nome quasì uguale. Due Romanoff: uno vero e l’altro ancora pìù vero. Vero nel senso dì sìncero, nel senso d’ìndìscreto. “La verìtà mì fa male, lo saì. Lo so che ho sbaglìato una volta e non sbaglìo pìù” Caterìna Casellì, Casco d’Oro “Ho vìsto la dìfferenza tra luì e te. Ed ho scelto te. Molto molto pìù dì prìma…”.

A Tangerì,, dove mì trovo, è venuto anche Fabrìce,...dove sarà del Dongo?

  • Spagna (0%)
    0
  • Los Angeles, Calìf. (0%)
    0
  • Tangerì (100%)
    100
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

3 Commenti

  1. Salve Fab, ma tutti tu li conosci questi baroni, principi, principesse, preti pretasti? 🙂
    Cmq, mi piace leggere la tua Milano, avendoci lavorato e vissuto per un c erto periodo della mia vita.. un pochetto mi sento di conoscerla.

    Ma sto Fabrizio.. non sarà il del noce? 😉
    Un salutone

    ps.- peccato che questo sito non abbia lettori “al naturale”, rif.. al tonno al naturale.
    Eppure nelle mille biografie che si leggono qui in codesto sito, scrivono che amano leggere… Sarà.. pure così, sarà anche che odiano commentare.
    Insomma, senza voto di scambio non si va da nessuna parte. Per cui, Fab se vuoi farti leggere e commentare dei leggere e commentare i tuoi colleghi. 🙂

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi