Street Art

Dove eravamo rimasti?

Prossimamente? Chiesa (67%)

Old Castle Road

Il display del telefono si illuminò improvviso, vibrando tra le dita di Tom ancora impegnate nella stesura del messaggio di risposta.

“Hey signorina, non tornerò a cena stasera” sussurrò all’apparecchio. Dall’altro capo del telefono risuonò la voce di sua figlia, colorita di una nota di disappunto.

Parlarono ancora per qualche minuto, accompagnati dai passi di Tom lungo il silenzio illuminato dai neon di Old Castle Road.

Tom chiuse la chiamata, rimettendo il telefono in tasca ed estraendo un pacchetto di sigarette semivuoto, quasi con lo stesso movimento. Ne portò una alle labbra, mordicchiando appena il filtro prima di accenderla e aspirare.

Un angolo di città dimenticato, perso nella folle frenesia della vita metropolitana e lasciato al degrado di uomini ed edifici. Incastonata tra le case ormai fatiscenti spiccava una delle costruzioni più brutte che Tom avesse mai visto in vita sua. Mura bianche d’intonaco creziato dal tempo, il tetto colorato di rosso e due ampie finestre, come occhi, ciascuna percorsa da una croce impressa nel vetro a mosaico. “The mushrooom”, come era stata soprannominata, la vecchia chiesa abbandonata e sconsacrata.

“Stavolta non vi siete sforzati tanto con gli enigmi” disse Tom .

L’interno della chiesa era ormai spoglio, le mura ricoperte di graffiti e firme stratificate l’una sull’altra. Sul pavimento ancora si distinguevano le macchie rimaste dopo la rimozione dell’ultima opera dell’artista.

Poteva quasi immaginarlo, il sorriso stampato sul suo volto, compiacersi dell’ironia nella sua scelta. Harold Davey, ex pastore convertitosi al proselitismo del dio denaro via teleprediche esposto come un trittico nella sua stessa chiesa.

Oltrepassò il punto in cui era stato ritrovato il cadavere, lasciando che l’istantanea di quel ricordo restasse nel fondo dei suoi pensieri. Aveva altro cui pensare. Raggiunse il muro dietro l’altare coperto di scritte oscene, concentrando la sua attenzione sui disegni mangiati dal tempo. Scattò alcune fotografie, per poi tornare ad osservare i segni sbavati di vernice. La somiglianza dei tratti, la scelta dei colori, era innegabile. Tornò alla centrale, nel suo ufficio, ripensando per tutto il tragitto al sospetto che ormai era certezza.

I rapporti lasciati sulla sua scrivania lo confermarono. Vi erano subdole differenze tra i graffitti ritrovati nelle prime scene del delitto, le prime opere del writer, e quelle rinvenute negli ultimi mesi. Due persone diverse. Due colpevoli. Forse un emulo, influenzato, impressionato dalle gesta del primo assassino e devoto nella sua imitazione.

Tuttavia un’altra ipotesi prendeva forma nei pensieri del detective. Vi era troppa somiglianza tra i due stili di disegno, al punto che solo una acuta osservazione poteva svelare le minuscole differenze. E troppi dettagli, mai divulgati al pubblico, si ripresentavano in entrambe le serie di omicidi. Non era un imitatore, di questo Tom era sempre più sicuro. Il tutto lo faceva pensare agli artisti medievali, che nelle loro vecchie botteghe istruivano ed insegnavano i segreti dell’arte alle nuove generazioni.

Non era un imitatore, era un allievo.

Accese il computer, ripescando i file relativi agli ultimi delitti e mettendoli a confronto con i primi omicidi del writer. Donne, nella quasi totalità dei casi. Harold Davey l’unica eccezione al paradigma. I ritrovamenti dei corpi erano sempre guidati da qualche indizio, una telefonata, un disegno insolito nei casi più recenti. In tutte le circostanze chi ritrovava il corpo veniva guidato verso zone dimesse della città. Vecchi cantieri, sottopassi dimenticati e logorati dal tempo. Una chiesa decrepita. Come se, pensò Hammond, l’intenzione fosse quella di abbellire, valorizzare tali luoghi. O era la vittima  a dover essere valorizzata, resa “opera d’arte” in un ragionamento contorto?

L’ultimo omicidio risaltava come una macchia su un foglio bianco. Le modalità, la scelta della vittima e persino l’esecuzione, mai così macabra e crudele come verso l’uomo, reo di aver insultato le “opere”. Eppure c’era qualcosa che ancora sfuggiva al detective, lo sentiva, come una sensazione fisica, un fastidioso ronzio sotto pelle.

Stava tralasciando qualcosa che era in piena vista.  La chiesa, l’omicidio di Davey, era tutto collegato, in modo impetuoso, quasi personale.

Possibile, si domandò Hammond, che l’assassino conoscesse personalmente Harold Davey?

Tale considerazione era resa più forte dai disegni che Hammond aveva rinvenuto nella vecchia chiesa, innegabilmente riconducibili ad almeno uno dei due assassini.

Sbuffò, stiracchiandosi sulla cigolante sedia del suo ufficio. Spense il monitor, sperando che i pensieri sul caso svanissero come la luce elettrica del computer. Prese il telefono, scorrendo con le dita sullo schermo e richiamando i promemoria racchiusi nel piccolo apparecchio.

“Ore dieci e trenta, mattino, colloquio con J. Wender”.

Fece scorrere nuovamente il dito sullo schermo, notando con un pizzico di disappunto l’assenza di messaggi da parte di sua figlia.

Riuscirò a pubblicare il prossimo episodio entro tre mesi?(la vera domanda: chi vediamo ora?)

  • Forse (Hammond e la figlia) (50%)
    50
  • No (Hammond e J.Wender) (0%)
    0
  • SI (Writer) (50%)
    50

Voti totali: 4

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

98 Commenti

  1. Ciao, ho appena finito di leggere tutti e sei i capitoli. Devo dire che la storia è molto bella e di certo ti cattura, ti spinge a leggere fino a sapere cosa accadrà nel capitolo successivo. Scrivi molto bene e mi piace il tuo modo di collegare gli avvenimenti. Bravissimo e buon proseguimento, mi unisco nella lettura! 🙂

  2. Bella storia e interessante le caratterizzazioni del detective e del killer, sembra davvero una battaglia psicologica tra due geni se era questa la tua intenzione, sembra una sfida in stile Will Graham vs Hannibal Lecter. Ho votato chiesa e continuo a seguire!

  3. Mi piace il modo in cui, alla fine degli episodi, ci lasci una singola parola da scegliere. Così, nessuno di noi realmente sa che cosa sta votando e l’intera trama resta una sorpresa (di certo molto più di quanto lo sarebbe se fossi più specifico).
    Scrivi sempre benissimo e continui ad interessarmi molto. La figura del detective è stata ben delineata e mi incuriosisce.
    A presto!

    Ah! Stavo per schiacciare “scrivi il tuo commento”, ma mi sono accorta di non aver detto che cosa ho votato. Beh, proprio perché ci lasci poco con cui ragionare, ho votato, a “cuore”, fotografie.

  4. Voto Chiesa, in realtà senza un motivo.
    Ciao,
    Sei sempre molto bravo, la psicologia del tuo detective si sta delineando molto bene grazie alle sue riflessioni nel momento dell’azione.
    A proposito: mi ha fatto pensare quel ‘fanno cose giuste per il motivo sbagliato’. Non mi hai convinto, ma è un punto di vista molto interessante e sicuramente vero almeno nel 99% dei casi.
    Vabbé, ma io sono kantiano, me la cavo con un ‘devo perché devo’ e ho risolto il problema.
    Ciao a presto!

    • Ti confesso di non aver mai letto/visto film collegati allo Zodiac killer (ne ho solo sentito parlare, sai, quando qualcuno ti consiglia un film giallo o una lettura su fatti reali è uno dei suggerimenti che spuntano più spesso) tuttavia mi fa piacere questa similitudine che trovi 🙂
      Grazie per il voto e il commento!

  5. Qualche giorno fa ho letto senza commentare ma ho votato, depistaggio… forse sono io che ho lasciato le opzioni così in bilico, spero di non averti bloccato per paura che intanto il voto cambi (nel caso faccia comodo, te lo accetta il tuo voto nella tua stessa storia? Non ci ho mai provato).

    La figura dell’artistoide pazzo narciso e privo di empatia è perfetta ma forse aderisce troppo perfettamente a uno stereotipo, soprattutto nel concepire frasi altisonanti come “Ho portato la bellezza in questa città”, “Lei è un piccolo, patetico uomo”, e altre del genere. Sembra che legga un copione 🙂 ma non sono uno psichiatra e forse queste persone si esprimono davvero così, non so.
    Per il resto delizioso, ma se continua questo climax passa al genere horror, anzi è già vicino allo splatter 🙂

    • Se non ricordo male il sito permette di votare nelle proprie storie…in ogni caso le due opzioni che sono alla pari possono tranquillamente essere compatibili, quindi nessun impiccio, non preoccuparti!
      “Sembra che legga un copione”…ehehe, vedrai in seguito 😉
      “Già vicino allo splatter” è mia intenzione evitare (o almeno tentare) descrizioni molto grafiche delle scene dei delitti. Purtroppo ogni tanto si sente la mia “vocazione horror” quando scrivo.
      Lieto che tu continui a seguire il racconto!
      Alla prossima.

  6. Questo writer mi sembra troppo accorto per fare errori. Depistaggio.
    Ci hai dato l’ispettore come da voti, ma più che altro ci hai dato l’artista, che sembra interessarti molto molto di più. È lui, d’altra parte, il protagonista. Non è un giallo (che avrebbe posto l’attenzione sull’ispettore), ma quasi un thriller psicologico, un noir o un nonsoche.

    P.S. Tutto bene, ma avrei evidenziato di più lo stacco tra artista e ispettore.

    • Onestamente per me è molto, molto più divertente scrivere i pensieri dell’artista che quelli dell’ispettore. Ho sempre avuto un debole per i cattivi nelle storie, e ciò si riflette,parecchio, nel mio modo di scrivere. E hai ragione, non è un giallo (o almeno io non lo considero tale). Grazie per il voto e il commento ( e grazie anche per quelli dello scorso episodio).

  7. Geniale davvero! Sapevo che non avresti deluso con nessuna delle opzioni, anche se sembravano semplici e quotidiane. Sono certa che nessuno di noi avesse pensato a qualcosa di simile, ci hai sopresi tutti. Complimenti ancora 🙂
    Voto “Ispettore”. Mi sembra presto per l’artista, ancora.

  8. Ispettore.
    Eccomi, Giger, avevo seguito e votato e, poi, mi ero dimenticata di commentare. La tua scrittura non delude mai, pulita, lineare, sempre alla ricerca dei dettagli giusti. Molto bravo. Al prossimo capitolo!

  9. Ciao, arrivo solo adesso… ma rimango 🙂
    Le immagini che trasmetti sono vivide e il racconto sembra un bel thriller con tutti i crismi.
    Mi è piaciuto questo capitolo con il “telepredicatore e fornitore industriale di cazzate e pregiudizi.” un classico americano!
    Voto Conduttore.

  10. Ciao,
    Voto caffè.
    Complimenti, hai una scrittura veramente affascinante: precisissima, ricca, dotata del raro potere di proiettare immagini. Ho perso il primo capitolo e ora ti ho trovato per caso, frugando in fondo allo scatolone dei racconti in corso. Non ho certo i titoli per farlo, ma non ho nulla da eccepire sul tuo stile invidiabile. Solo un dubbio di impaginazione: i minori e maggiori per introdurre il dialogo sono un po’ pesanti (e ti fanno sprecare caratteri!). Non sto a scriverti come trovare i vari tipi di ‘caporali’ nella tua tastiera, nel mio caso per le doppie virgolette, che è ciò che più si avvicina alla tua scelta, è alt destro +1, alt destro +shift +1, o anche alt destro + z e alt destro + x.
    Ciao, spero, scusa la pedanteria, a presto!

    • Ti ringrazio JAW, per i complimenti e per l’ottimo consiglio. Nell’ultimo capitolo ho usato le doppie virgolette ( il risparmio di caratteri è molto, molto utile), mi sembra diano una impressione più “pulita” al racconto. Vedrò se tenere questo stile nei prossimi capitoli (e vorrei averci pensato prima). Quindi, grazie 🙂

  11. Datti da fare, partecipa al gioco, ti vedo latitante.
    Sei uno scrittore di grande talento. Mostri ogni immagine con la precisione chirurgica del maestro e la vivi con l’ingenuità amabile dell’allievo. La tua bravura merita di essere letta sempre, in ogni tuo scritto. Ma interagire con altri autori è un dovere per ogni buono scrittore 😉
    Ti seguo, come sempre.

  12. Telefonata. Ma quando si è al telefono si può anche bere un caffè e guardare il telegiornale 😉
    Davvero molto interessante, sono sicura che sarà sviluppato altrettanto bene. Ti scopro con questo racconto, noir più che giallo e molto moderno nell’insieme.
    Quando avrò tempo, andrò a leggere anche “La ballata del Corvo” (che mi ispirava molto quando era in corso, ma che non sono riuscita a cominciare prima che tu la finissi).

  13. Telegiornale…
    Il tuo stile riesco ad apprezzarlo molto di più in un racconto come questo (anche se la tua bravura viene fuori anche in un fantasy), ma è come se il noir ti si addicesse maggiormente, riesci a calare completamente il lettore nella scena e a guardarla con gli occhi dei tuoi personaggi.
    Complimenti Giger.

    • Ciao Sandro, grazie per essere passato. Diciamo che il “noir un pò sfumato” è proprio quello a ciò che miro, spostandolo però in una ambientazione più moderna rispetto alla classica “storia noir dove un ispettore alcolizzato lotta con la criminalità degli anni ’30 in una New York decadente”. Spero di riuscire nell’impresa.

  14. Serie, come ‘di omicidi’
    Molto molto bello, complimenti per l’idea e la realizzazione. Estremamente curato ed effficace. Sai qual’è il problema con un incipit così? Mantenere lo stesso livello negli altri 9, che stress! 😀

    Ciao ciao

  15. Nel prossimo episodio Identità.
    Sono felice che tu sia tornato a scrivere, Giger, non tanto perchè sei un mostro di bravura, quanto perchè leggerti mi piace quanto leggere Lurelli.
    Ma perché hai voluto che questi due colleghi nutrissero l’uno per l’altro pari astio? Si parlano con lo stesso tono stizzito a turno… che gli rode?
    Immagini bellissime e grande idea quella del murales che indica il cadavere sotto il cumulo… una mano spuntava pallida … wow

    • Ciao Marta, grazie per essere passata. Per i due poliziotti avevo volevo rendere l’idea di un battibecco “amichevole”, tra colleghi molto spesso ci si prende in giro e si risponde in modo un pò brusco…non ho reso bene l’idea nel racconto 🙂

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi