Appunti di un criminale professionista

Ancora ancora ancora

Sulla soglia dell’ingresso, Lara avrebbe voluto sbatterlo fuori da casa sua.

Avrebbe voluto cacciarlo, spintonarlo, perfino picchiarlo pur di non farlo entrare.

Non puoi Jim balbettò acuta.

Jim dal canto suo non disse niente. Né si fermò minimamente al divieto di entrare lentamente.

Ed invece sì! si limitò a dire.

Lara non fece niente per impedirgli di entrare in casa. Così come non impedì di baciarla. Lui aveva già chiuso gli occhi in quel gesto. Lara invece ancora non si era abituata alla passione turbinosa ed improvvisa di Jim. Ed a quel suo profumo che era da stordirgli la testa.

Era di un odore di boschi, di quelli che sentiva salendo in montagna alle Dolomiti, come ricordava da ragazzina con suo padre. Era fresco nel contatto e forte di natura; un odore che si infiltrava per le sue narici e che svegliava ogni neurone lungo la connessione dal naso fino al cervello. E da quel profumo, così forte e così persistente, avrebbe capito che quell’ultima notte l’avrebbe dominata lui. Arrivava Lara a questa conclusione ogni volta. Si rimproverava quando Jim se ne andava via di casa dopo. Si lamentava che era debole, indecisa.

Impotente!

Non era capace di ricordare ogni volta la promessa di non vederlo mai più. Perché lei sperava sempre in un amore da parte sua di una volta, e per sempre.

Ed invece l’accordo tra loro era che durasse più volte una notte soltanto. Una notte in cui tutto sarebbe stato lecito e niente proibito.

Non aveva ancora rotto questo contratto. Jim glielo aveva detto fin dal primo istante: niente storie, solo sesso! 

Credeva che poteva benissimo gestire la situazione, Che poteva fargli cambiare idea in un secondo momento, quando l’avrebbe domato (e di sicuro l’avrebbe fatto si giurava Lara in quei tempi).

Ma poi si rese conto del peso che si stava portando. Non solo perché la risposta di Jim non sarebbe mai diventata positiva. Quello sarebbe stato il danno minore (bugia, dannata bugia!)

No, in realtà, il motivo ufficiale era che avrebbe dovuto spiegarlo a Marco, il suo ragazzo. E chi è che va a abbandonare la strada vecchia per quella nuova ? Chi va a cercare qualcosa sapendo che ha perso senza sapere quel che trova ?

È vero. Jim e Lara andavano a letto sempre ogni volta che si incontravano. Ma questo non significava per lei che avrebbe potuto evolversi in qualcosa di più.

Che cosa si era detta poco prima di Jim ? Che non era tipo di relazione ? Ma quanto bello sarebbe stato averne una con lui ?  Dio, come si lagnava in testa Lara di questo dominio mentale che esercitava Jim nei suoi confronti. Però le cose si sarebbero invertite (forse!). Bastava avere tempo. Bastava dare giorni. Altri due. O forse tre, sette, un mese … non importa! Glielo avrebbe detto! E sarebbe cambiato. E poi (sempre magari) si sarebbe addolcito Jim.

Avrebbe potuto dirglielo in quell’istante, in cui le mani di lui scivolavano dai capelli mori fino ai glutei ancora coperti. Avrebbe potuto gridarlo mentre risaliva le cosce nude. Smettila! Non ti voglio! Non puoi trattarmi così! Vattene!. Sembrava così facile! 

Ma poi quei baci al collo e quelle mani sul petto per scoprire i suoi seni, diminuivano la forza interiore a Lara prima di quella fisica. Jim strofinò immediatamente le poppe mature di Lara prima di morderle. Ed allora lei lo sapeva. Sapeva che avrebbe vinto quella battaglia. Ma non la guerra che, sempre più lunga. Ed intanto che il suo petto si liberò del tutto del suo vestito lucido color verde acqua, la prossima volta glielo avrebbe detto!

Senza neanche aspettare di entrare in camera di Lara, questa volta Jim, dopo averla spogliata al petto, si occupo subito delle mutandine. Erano bianche e di pizzo, completamente fuori tema rispetto al vestito. Le tirò fino ai ginocchi. Dopodiché passò le mani nel suo punto vulnerabile a colpo sicuro. Lara lo accolse con un gemito. Era incredibilmente preciso Jim. Sapeva l’esatto punto dove toccarla per farla godere. Mentre quel bravo ragazzo di Marco, pur con tutti i suoi romanticismi ed attenzioni, non lo avrebbe trovato neppure se avesse attaccato accanto un cartello stradale.

Lo carezzò.

Lo pizzicò.

Ed infine senza pietà, lo penetrò con le sue dita.

Lara inarcò la schiena per il piacere che sapeva essere solo all’inizio. Si morse un labbro fino a sanguinarsi. A Jim piaceva come si contorceva per il piacere. Poi piegò lei sul pavimento di parquet su cui erano stesi, lungo un fianco. Si spogliò della parte bassa del suo splendido completo con il frac. Ogni volta arrivava da lei così ben vestito. Era un must a cui non rinunciava nessuno anche se Lara se lo sarebbe scopato ormai pure se fosse entrato in tuta e ciabatte. Sarebbe stato allora solo bello. Mentre così era irresistibile.

Jim scoprì il suo sesso già in erezione. E lo mise dentro al suo cominciando la sua frenetica spinta. Lara gridò per il piacere.

E che voleva ancora, ancora e ancora.

Venne prima Lara nell’amplesso.

Al turno di Jim, aprì la bocca verso il suo sesso. Ed ingoiò il seme del suo amore, facendo gemere di piacere il suo uomo.

Forse era così che Lara poteva conquistarlo. Doveva giocare al suo stesso gioco. Renderlo dipendente lui da lei sessualmente parlando.

  • C'è una sparatoria a Via dei Platani numero tre, l'abitazione di Lara. Cosa succede in zona ? (0%)
    0
  • Irrompe una amica di Jim a casa di Lara. E' bella. E' bionda. E' incazzata. Chi è ? (50%)
    50
  • Jim se ne andò come al solito lasciando Lara stesa sul pavimento nuda. Un uomo però punta la pistola dietro la nuca di Jim. Per chi lavora ? (50%)
    50

Voti totali: 6

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

2 Commenti

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi