Bisex story

Dove eravamo rimasti?

La verità... non verrà mai a galla tra i due coniugi. (70%)

Finale

Ebbene no, cari lettori, noi lo sappiamo: Mario sapeva tutto e spiava, in vari modi, i rapporti segreti di sua moglie. A volte, anche lo stesso non sapere cosa stesse accadendo lo eccitava da matti, soffriva e godeva immaginando il loro piacere nascosto e la goduria che Abdel sfogava sulla sua donna.

Il giovane algerino era suo complice. Era il prezzo del piacere, il prezzo da pagare per scoparsi la bella signora di cui s’era innamorato. Per tutto quell’anno, Mario non ebbe il coraggio di spezzare l’incantesimo. Ci provò più volte senza riuscirci. Non partecipò mai, fisicamente, ai loro incontri e non disse mai alla moglie che conosceva la verità.

Poi il tempo passò e la storia finì.

Abdel ritornò al suo paese, Tiziana ridiventò la moglie fedele e controllata di sempre.

Mario, dopo trent’anni, ancora la stuzzica con le sue battutine, cercandole negli occhi quella verità che lui ben conosceva e godendosi i rossori segreti della sua mogliettina che ancora nega di averlo mai tradito.

Misteriosamente, quell’unico neo, quel peccato pendente dell’ennesima moglie fedele, grazie all’animo perverso e assetato di un marito insaziabile ha creato quell’equilibrio instabile, quell’incertezza costante che, forse, è l’unica architettura capace di sostenere e ravvivare il desiderio in un matrimonio in bilico da quarant’anni.

***

Grazie a tutti coloro che mi hanno seguito nel racconto. 

Categorie

Lascia un commento

50 Commenti

  1. bel finale ma c’è qualcosa di incompiuto o incompleto

    non ci hai raccontato nulla del come si è svolto (se è proseguito) il rapporto “bisex” tra Mario e Abdel prima durante e dopo la relazione tra Abdel e Tiziana

    praticamente hai dedicato alla storia bisex (che dovrebbe essere fondamentale in quanto riferita al titolo stesso del racconto) un rapporto orale che aleggia e poi scompare del tutto

    E questo mi delude ugualmente anche se Mario avesse preferito non raccontarlo… perché un autore non è un semplice cronista o un testimone… ma uno scrittore, sei d’accordo?

    complimenti in ogni caso
    gieffe

    • Grazie del commento e dei complimenti… però credo di poterti smentire, ance se parzialmente, non sono poche le coppie dove uno (o entrambi) i coniugi, sanno qualcosa e tacciono.
      Queste cose possono anche resistere a lungo, finché non interviene la maldicenza e il pettegolezzo.
      Vedi: Il berretto a sonagli… eppure siamo nel lontano ‘800.

  2. Scrivere un racconto erotico senza scadere nel banale o, peggio, nel volgare, non è facile; eppure, devo dire che ci sei riuscita. Mi piace come scrivi; ho trovato l’erotismo di cui parli spinto, ma tutto sommato “quotidiano” (per intenderci, nessun Christian Grey, ma una moglie, un marito e un amico di famiglia – questa è una storia vera, no?) e, soprattutto, ho apprezzato l’ironia che traspare dalle tue righe (il personaggio di Tiziana mi fa morire! :). La tua storia è credibile, si legge d’un fiato .
    Un consiglio: cerca di pubblicare gli episodi meno di frequente, così lasci il tempo ai tuoi lettori di votare la tua storia!

    • Grazie, gentilissima Elena, per il tuo prezioso contributo. Purtroppo non pubblico molto spesso su questo sito e non conosco bene le caratteristiche del funzionamento.
      Essendo nella vita impiegata e pendolare, ho trovato il tempo di dedicarmi di più a questo racconto, approfittando delle ferie e ritagliandomi qualche spazio nelle incombenze di casa.
      La storia è decisamente vera, molto carina e con un finale che, prometto, non deluderà i lettori… visto che ha sorpreso, e addirittura intenerito, un po’ anche me.
      Complimenti e grazie a te e allo staff, credo che, richiedendo un po’ di attenzione a ciò che si mette su “carta”, questo sia il sistema migliore per imparare i tempi tecnici e i piccoli escamotage per scrivere qualcosa di avvincente.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi