RIMBOMBO

Dove eravamo rimasti?

Nell'episodio finale cosa volete scoprire? chi è in realtà Angelica e perché è stata dichiarata scomparsa (59%)

RIMBOMBO

Ora.

Ora mi era tutto chiaro.

Sapevo chi ero.

Sapevo cosa avevo fatto.

Ora li rivedevo.

Rivedevo quelle sfumature di colori che una volta i miei occhi non riuscivano a catturare, perché troppo veloci.

Ora li rivedevo.

Nitidi, semplici.

Guardavo fuori dal finestrino le distese di verde, finalmente senza pensieri,senza timori,senza paure. 

Sentii chiamare la mia fermata, lentamente mi alzai.

Adesso, a testa alta, aspettavo che le porte di quel nuovo mondo si aprissero. Ancora una volta.

Un’ultima volta in quella città fatta di gondole.

Leggera come un candido fiocco di nuvola mi lasciavo guidare dal vento, finché, ad un certo punto, non arrivai al portone di quell’antico palazzo abbandonato.

C’ero già stata. Finalmente, ricordavo.

Percorsi il corridoio stretto e polveroso, poi la scala.

Gradino dopo gradino arrivai al primo piano.

Aprii la porta di casa, superai la cucina, il soggiorno, ed arrivai nello studio.

L’interno vuoto, eccetto una scrivania.

Mi fermai a contemplarla.

La chiave di lettura della mia vita era lì dentro.

Mi avvicinai con coraggio, girai attorno allo scrittoio, e poi con un colpo secco aprii il cassettino.

Dentro vi trovai un foglio.

Mi sedetti a terra e cominciai a leggere:

Se stai leggendo questa lettera, vuol dire che c’è l’hai fatta.

Vuol dire che il mio piano ha funzionato.

Finalmente sei salva.

Ammetto, è stata dura.

Ora se ricordi, sai che ho lavorato a lungo per questo progetto: ho dovuto calcolare tutto fin nei minimi dettagli, ogni più piccola implicazione, ogni più improbabile conseguenza.

Ma dovevo farlo. Dovevo assicurarti un futuro migliore, per me, per te.

Non potevamo continuare a vivere in quel modo.

So che hai sofferto, ma la sofferenza istantanea non è niente in confronto a quella eterna.

E quella eterna.. non voleva abbandonarti più, non voleva più lasciarti andare.

Per questo ho dovuto pensare ad un piano alternativo.

Per porre fine a tutto il dolore che i tuoi genitori ti hanno fatto provare.

Ti spiegherò tutto fin da principio, perché sappiamo entrambe che adesso sei abbastanza forte da poter sopportare. Abbastanza forte da poter dimenticare. Abbastanza forte da poter ricominciare.”

Erano anni, dico anni che pensavo ad una via d’uscita. Continuavo a chiedere, a quei neuroni che mi componevano, cosa dovessi fare, come dovessi farlo e quando.

Poi un giorno, all’improvviso vidi da cima a fondo, in lungo e in largo, in una sola volta, tutto il tuo futuro e il mio piano per realizzarlo.

Così iniziai poco alla volta, giorno per giorno a studiare.

Studiavo i tuoi genitori.Anzi, li analizzavo.

Analizzavo i loro comportamenti, le loro smorfie, capivo i loro stati d’animo.

Ma questa, fu la parte più facile.

Poi toccò a te.

Passai mesi a leggere libri di psicologia e psichiatria, temevo che questa avventura, troppo rischiosa, avrebbe potuto provocarmi danni permanenti.Certamente ero allarmato per la tua incolumità fisica, ma sopratutto, mi dicevo, se si fossero presentate gravi lesioni neurologiche, essendo il rischio molto alto, non sarei più potuto venire in tuo soccorso, non ti avrei più potuto salvare, non avrei più potuto guidarti come ho fatto per tutti questi anni.

Ma valeva la pena tentare.

Valeva la pena vincere la guerra, piuttosto che perderla senza neanche aver incominciato a combattere.

Così aspettai il momento più propizio per indurti a fare ciò che hai fatto.

Per indurti ad uccidere i tuoi genitori.

Quella sera, come da programma, come da me stabilito e da te accettato, ti feci bere un composto. Una miscela studiata ad’hoc per compiere il delitto rimanendo incapace d’intendere e volere.

Ti ho drogato.Ti sei drogata.

Fu tutto veloce, così veloce che rimossi all’istante ogni singola grida, ogni singola lacrima, ogni singola goccia di sangue.

Poi ogni cosa cadde nel limbo dell’inconsapevolezza, tu dimenticasti.

Ma io sapevo, sapevo ciò che era successo, ciò che avevi compiuto. E sapevo che quando saresti stata pronta, l’avresti scoperto, ad ogni costo.

Per questo pensai alla lettera. Il modo più semplice per svelare la verità.

Così la mattina dopo, finita la colazione, firmata la lettera, uscisti di casa e ti recasti qui, a Venezia. Dove tutto ebbe inizio. Dove tua madre ti mise alla luce, dove convivesti con lei gli anni più belli della tua vita, finché lei non trovò lui, e non abbandonò con te, anche questa casa.

Intanto i guai si avvicinavano e i rischi cercavano di mandare all’aria ogni cosa.

Dopo aver scritto la lettera bevesti altro composto, finché non diventasti ancora una volta incapace.

Sapevo che aumentando le dosi, sarebbero aumentati anche gli effetti collaterali.

Quelle, le allucinazioni, le avevo previste.

Gli alterego, anche quelli.

I signori sul treno, il presunto assassino dei tuoi genitori, Madaleine, il saggio, l’ispettore Tomas, l’ospedale, il volantino, la polizia.

Pura immaginazione.Sogni.Pura incoscienza che diventava coscienza. Pura finzione mescolata a realtà.Puri effetti collaterali. Sarebbero diventati rimbombo eterno. Ma ora sai la verità.

Ora ti ho resa libera. Ora è punto e a capo.”

Categorie

Lascia un commento

363 Commenti

  1. Un finale criptico che mi lascia un po’ spaesato. Premetto: mi è piaciuto, così come l’intera storia! La mia domanda è: è davvero punto e a capo? Scoprire questa verità (o dovrei dire “ri”scoprire) non la riporta proprio indietro, come all’inizio? E questo non potrebbe provocare nuovi “rimbombi”, nuove amnesie?
    Brava! 🙂

    • Ciao Francesco! Innanzitutto grazie mille per esser passato a commentare, sono molto contenta che tu mi abbia seguito fino alla fine in questa stranissima storia, dal finale, come giustamente suggerisci, criptico. La tua osservazione è molto pertinente, e sono ben felice di darti una risposta secondo quelle che sono le mie idee, ovviamente. Sostanzialmente la protagonista ha vissuto “rimbombi” ed esperienze solo inconsciamente, queste mano a mano sono venute a galla, rendendosi visibili alla coscenza , come se la protagonista avesse affrontato una sorta di pseduo percorso terapeutico interiore, da sola appunto, senza l’aiuto di nessun medico tranne che di se stessa. Ora scoprire la verità almeno psicologicamente parlando, comporta come conseguenza quella di superare traumi e problemi, e con questo taglio infatti che ho voluto chiudere la storia. Infatti come ti dicevo, dal punto di vista terapeutico normalmente chi è a conoscenza di “rimbombi” riesce a sconfiggerli, quanto meno a gestirli, è difficile che nè se ne creino altri paralleli o divergenti. Perció il trauma normalmente viene amplificato o ridotto oppure possono nascere da quello nevrosi, ma a quello stesso vengono poi ricondotte. Pertanto è difficile che parti del cervello, non colpite da esperienze molto negative (morte dei genitori) vengano offuscate o si verifichino in esse amnesie così gravi e profonde. Spero di essere stata sufficientemente chiara, se ci sono altre osservazioni o domande che vorresti pormi, sono ben lieta di risponderti. Grazie e buona continuazione delle vacanze!

    • Ciao Danica! Sisi esattamente! Ho voluto comunque chiudere con un finale che rimanesse avvolto nel mistero, cosí un pò come l’intera storia. La sensazione dunque che hai avuto è corretta, l’impressione che sia stata lei ma non l’evidente certezza. Grazie mille per avermi seguito fino alla fine. Le vostre opinioni per me sono indispensabili e hanno sicuramente contribuito a creare questa bella storia. Spero in futuro di ritrovarti tra i miei racconti. A presto e buone vacanze!!!

    • Ciao Alexa grazie mille a te per avermi seguito fino alla fine! Ti chiedo davvero scusa se ti ho fatto aspettare tanto per il finale! Sono molto contenta che, finale compreso, questa storia ti sia piaciuta e spero ti abbia lasciato la stessa sensazione (indescrivibile) che provo io quando finisco di leggere un romanzo! 🙂 mi auguro di ritrovarti in futuro nei miei prossimi racconti! Il vostro contributo per me è molto importante ! A presto e buone vacanze! 😀

    • Ciao Thommy prima di tutto grazie mille per avermi seguito fino alla fine 😀 sono molto contenta di leggere il tuo commento, anche se siamo all’episodio di chiusura.
      ehehe leggi bene tra le righe! L’autore della lettera c’è , ma ammetto non è facile da scoprire. Nell’episodio non ho voluto dare ulteriori dettagli, o palesare l’artefice di tutto perché volevo lasciare che il finale fosse avvolto dal mistero.
      Ma ti darò un piccolo indizio: diciamo che ho voluto personificare una parte del corpo che tutti noi abbiamo ed usiamo quotidianamente! 😉 e adesso se hai capito prova a rileggere il finale in quest’ottica !
      Alla prossima, e spero di ritrovarti in qualche mia altra futura storia!
      Buone vacanze! 😀 😀

    • Ciao Thommy !! mi fa molto piacere ritrovarti anche al penultimo episodio… praticamente siamo agli sgoccioli di questa storia! 🙂
      OOOOOOOHHHH CENTRO ! Perfetto … ecco il disorientamento… era proprio questo il mio scopo… volevo creare una storia vorticosa e disorientata..mi piace far pensare che sia tutto confuso e senza logica… ma c’è.. dovete solo attendere il finale e tutto sarà più chiaro…. forse 😉 😀
      Grazie per esser passato e aver votato!

    • Ciao Danica grazie mille per esser passata e aver votato.
      Anche se la soluzione in vantaggio è molto logica, quella votata da te penso sia troppo sottovalutata, di certo non è stata messa li a caso.. insomma ha un suo perché 😉
      Ci rivediamo al finale 😀

    • hahahah no non penso sia possibile !! 😀 😀
      Dunque ti ringrazio per esser passato, mi fa piacere ritrovarti ad ogni capitolo.
      Una spiegazione del titolo più o meno l’ho già data ma è molto sottile ed indiretta.
      Nell’ultimo capitolo cercherò di esser più esplicita su tutto.
      Grazie ancora a presto !!!

  2. Letto tutto stasera… peccato, avrei voluto scoprire il racconto prima! Sono convinta che la risposta alla seconda domanda rivelerà anche i particolari delle altre due, perciò così ho votato. Resto in attesa del finale! Grazie!

    • Ciao Crimaema, non preoccuparti per me è sempre un piacere immenso aver nuovi lettori, o ricevere nuovi commenti e suggerimenti, anche se si tratta del penultimo capitolo !!! ahah 😀
      Ti ringrazio tantissimo per questo bel commento, allora la storia (almeno fin qui) tutto sommato l’hai trovata interessante! Ottimo !!!
      Dunque osservazione logica la tua , brava\o.
      Ci rivediamo al finale 😀

  3. “chi è in realtà Angelica e perché è stata dichiarata scomparsa” e’ stata la mia scelta.
    Come sempre un capitolo davvero interessante, con le riflessioni molto profonde e accurate. Ormai siamo quasi alla fine, come concludera’ questa magnifica storia? Aspetto con ansia l’ultimo capitolo ^^

    • Ciao Alexa grazie per esser passata, ma sopratutto, grazie per avermi accompagnato fino in fondo, sono davvero molto contenta. Il merito di questa storia è tuo e di tutti gli altri lettori, siete stati voi ad aiutarmi, ad accompagnarmi e a suggerirmi la strada e il modo migliore per sviluppare e proseguire il mio racconto!
      Quindi vi ringrazio ancora tutti, senza di voi questa storia non avrebbe preso vita.
      Ti aspetto per il finale 🙂

  4. E’ stato molto difficile scegliere, ho scelto di sapere chi e’ Angelica. Ma sarebbe molto bello se ci dicessi anche chi ha ucciso i suoi. Visto che la storia e’ iniziata con un’omicidio, la mia testa Pretende di sapere chi li ha uccisi. Se poi pensi ad un’eventuale seguito potresti anche finire questa storia dicendoci chi e’ lei e iniziare la nuova storia raccontandoci chi ha ucciso i suoi

    • Ciao Marianna, ammetto in effetti di esser stata un po cattivella! ahahah 🙂 so che è sleale ma se devo proprio esser sincera, mi piace mettere un pochino in difficoltà i lettori e giocare con loro, le cose semplici non fanno per me.
      La tua è una bella idea grazie, la terrò in considerazione! Ti aspetto per il finale 😀

    • Ciao Nickleby, grazie per esser passato e aver votato. Sei gentilissimo grazie davvero, sono molto contenta che la storia ti abbia preso, era proprio quello il mio obiettivo 😉 hmm.. in realtà sai che proprio non lo so?
      Ti aspetto per il finale 🙂

    • Ciao Giuseppe grazie mille per esser passato e aver votato! Wow spero di ritrovare questo tuo frizzantissimo entusiasmo anche nel prossimo episodio 😀 Tu e tutti gli altri lettori mi date energia e mi spingete a fare sempre meglio. 🙂
      A prestissimo !!!!

    • Ohhhh ma che bello! Una nuova lettrice! Ciao Ceresei e Benvenuta. Grazie per esser passata e aver commentato!
      Sono davvero contentissima che la storia ti abbia preso! Non posso fare stare una persona in “ansia” perciò sai cosa ti dico? Vado subito a caricare il prossimo episodio !!! 😉 😉 a prestissimo! Ti aspetto. 😀

  5. Cerca tra i suoi ricordi.
    Ho recuperato gli ultimi tre capitoli e sono davvero senza parole: bellissimi! Le immagini, le similitudini, le metafore… tutto molto suggestivo, descritto in maniera lucida e scorrevole. Certi dialoghi (quello con la governante mi è piaciuto molto) davvero belli. Brava, brava davvero! Attendo il continuo (sperando, stavolta, di essere più puntuale nel leggerlo! :P).

    • Ciao Francesco ognuno ha i suoi tempi e i suoi impegni, ci mancherebbe!!! 🙂 in ogni caso grazie grazie grazie 😀 sono soddisfatta e molto contenta perchè quando ricevo commenti del genere, vuol dire che qualcosa al lettere in fin dei conti è arrivato, e magari anche rimasto!

  6. Ovviamente “cercando tra i suoi ricordi”
    Non mollare adesso dai!! Siamo quasi alla fine, sono ancora assetata di curiosita’ *_*
    Mi e’ piaciuto tantissimo questo indovinello, non solo da com’e’ struttura, ma anche da come l’hai scritto. Insomma, questa lettera che va a posto a quella, mentre l’altra si mette in mezzo ecc. Sembrano che abbiano preso la vita!! Quasi quasi mi chiedo se la letteratura sia la tua materia preferita ^^”
    Un capolavoro come sempre!! ^^

    • Ciao Alexaaa!!!
      Felicissima di averti ritrovato anche in questo capitolo 🙂 🙂 L’opzione di mollare tutto ovviamente è quella che io in primis scarterei, perché come giustamente hai sottolineato anche tu ci stiamo avviando verso la fine e bisogna ancora far luce su alcuni elementi.
      Grazie mille per questo complimento 😀 si la letteratura mi ha sempre affascinato moltissimo e davvero la considero più che una passione, non potrei proprio farne a meno!
      Ti aspetto al prossimo episodio 😀

    • Ciao Mia, grazie mille per questo tuo commento splendido guarda mi hai levato un peso dallo stomaco! 🙂 🙂 🙂 è la parte su cui ho sinceramente dovuto lavorare di più perché volevo che passasse proprio come l’ avevo immaginata, e devo dire appunto che rispetto al resto scritto in modo più spontaneo, su quelle poche righe mi sono dovuta concentrare un po’ .
      Per la soluzione, bhé credo che si sia capito che mi piacciono le sorprese! hahaha 😉

  7. Ciao! Ho cominciato a leggere la tua storia questo pomeriggio, e ancora non sono riuscita a smettere. Non ho potuto fare a meno di dire : io la devo seguire! E’ eccezionale in modo in cui scrivi, ti cattura e non puoi far altro che continuare! La tua storia è bellissima e coinvolgente! Credo che presto finirò tutti i tuoi capitoli! Ti seguo!=)

    • Ciao Christina! Grazie mille per questo tuo commento positivo e frizzante, mi rende felicissima, e come gli altri, mi da la carica e mi sprona a fare sempre meglio di capitolo in capitolo! Detto questo sono davvero molto felice di averti come nuova lettrice 🙂 spero che tu mi possa accompagnare fino alla fine, dato che manca poco. A breve pubblico il nuovo episodio! 🙂

  8. Ciao, sono nuova e mi sono letta di fila tutti i capitoli! Mi piacciono molto le immagini che riesci a creare con le parole, veramente poetiche! ^_^ ho votato per una prova di memoria proprio perchè tra tutte le scelte mi sembra quella che più permette di giocare con le immagini che sai creare. Ti seguo sicuramente, che sono curiosa di sapere come si va avanti.
    Se ti fa piacere, passa anche da me
    Ciao ^_^

    • Ciao Giulia!
      Benvenuta su The incipit !
      Mi fa sempre tantissimo piacere avere nuovi lettori, grazie mille per il tuo sostegno, sono contenta che il mio racconto ti sia piaciuto. Spero di ritrovarti anche nei prossimi capitoli a venire.
      Certo passo subito! a presto 😉

    • Eccoti qua Mia, ti ringrazio tantissimo per il supporto 🙂 non sai quanto mi faccia piacere avere dei lettori e sostenitori che mi seguano accompagnandomi fino in fondo.
      Sono davvero contenta che le mie frasi ti piacciano, questa è la cosa più bella che possa sentirmi dire, perché ogni parola che scrivo racchiude un messaggio,il mio dono ai lettori.
      A presto ! 😉

    • Ciao Nick grazie per esser passato e aver votato. Sono contentissima che questa frase ti abbia colpito, sai ci ho pensato abbastanza prima di inserirla, perché non è per nulla casuale 😀 pertanto ti suggerisco di tenerla a mente 😀
      Grazie al prossimo episodio !

    • Ciao Francesco grazie mille per esser passato e aver dato il tuo contributo. 🙂
      No ma non essere così negativo dai ! Guarda basta fare tanta pratica, scrivendo certo, ma anche leggendo molto, solo in questo modo si migliora. Spero che il mio consiglio possa esserti di aiuto! alla prossima!

    • Ciao Trix, anche se ammetto che l’impostazione del racconto e la struttura in sé sono state ideate per creare mistero e suspense comunque mi dispiace; la cosa più brutta per uno scrittore è non far arrivare il messaggio, oppure farlo arrivare in modo confuso. Se sei interessata a qualche delucidazione, scrivi pure sarò ben lieta di rispondere!!! 🙂

  9. Ciao 🙂 Leggendo il tipo di prova, la durezza e la difficoltà, mi aspettavo un altro genere di domanda 🙂 Non riesco ad immaginarmi una prova di logica o di memoria o fisica che lascia vivi e morti al contempo. Ma sono sicura che ci stupirai, ho votato per logica

  10. Sinceramente, senza nulla togliere alle altre meritevoli storie, la tua è quella che preferisco e che aspetto. Sai scrivere, sai disegnare e tracciare perfettamente i contorni, gli interni e gli esterni. Ci trasporti in atmosfere sempre diverse, ma tutte affascinanti. Complimenti. ^_^
    Memoria.

    • Ciao Pinkerella ! mille grazie per il tuo apprezzamento, sono lusingata !!! 😀 😀 😀
      Mi piace trasmettere ai lettori quello che provo mentre scrivo, e un commento come il tuo, che conferma questo mio lavoro è la cosa più gratificante che possa ricevere!!!! Grazie spero di non deluderti e mantenere alto l’entusiasmo fino alla fine! A presto 🙂 🙂

    • Eccoti qui Linda, grazie mille per esser passata e aver commentato. 😀
      Si in effetti ammetto che il genere Horror non mi dispiace affatto 😉 e l’idea di qualche sfumatura di questo tipo inserita all’interno di un racconto genere avventura, la trovo entusiasmante. 🙂 a presto !!!!!

    • Ciao Flavio, ma sei gentilissimo ! 🙂 🙂 🙂 grazie mille davvero per questo commento !!!!!
      Sono molto contenta e soddisfatta perché credimi per me non c’è cosa più bella che ricevere una critica del genere, ovvero sapere che in una persona, indipendentemente dal fatto che tu la conosca o no, il tuo messaggio, quello che provi, quello che senti, sia arrivato.
      Penso sia questo lo scopo dello scrittore…
      E forse con te ci sono riuscita 😀
      Grazie

  11. Punto subito su “Una prova di logica”, e’ semore stata sfida piu’ interessante per me ^^
    Un capitolo sempre da vera artista, hai mescolato e dipinto alla perfezione i momenti di azione, i dialoghi ed i pensieri in questa storia ^^ Chissa’ quale mistero nasconde in quell’uomo :/ E Angelica ce la fara’ a superare la prova??
    Lo so, non posso fare altro che aspettare con ansia il prossimo episodio ^^”

    • Ciao Alexa, grazie per esser passata e aver commentato, sinceramente anche io preferisco la prova di logica alla prova di memoria, ma vedo che la prima è in minoranza!!
      ci toccherà seguire l’altra! 🙁
      Mi fa piacere ritrovarti in ogni episodio, e sono contenta che tu mia stia seguendo con interesse.
      Grazie,
      A presto 🙂 🙂 🙂

    • Ciao Thommy !! Benvenuto 😀 mi fa sempre moltissimo piacere avere nuovi lettori.Sono contenta che la storia ti piaccia! grazie per aver votato al prossimo capitolo.
      N.b. anche io ho dato un’occhiata alla tua storia e devo dire che non è niente male! poi a me gli horror fanno impazzire! 😀 chiaro!

  12. “Viene svelato il mistero dell’indirizzo” questa e’ stata la mia scelta.
    Un capitolo davvero significativo *_* Chissa’ se il protagonista riuscira’ ad assaporare questa felicita’… Io invece ho sempre paura di sbagliare ^^”
    Bel capitolo!!

    • Ciao Linda bentornataaa!!!! Mi fa davvero moltissimo piacere ritrovarti !!!!!!! sono contenta che tu abbia recuperato gli altri capitoli cosí potrai accompagnarmi e consigliarmi anche in questa nuova avventura! Grazie per il voto 😀
      Appena riesco passo a leggerti, a presto 😉

  13. Come immagino avrai capito, i tuoi capitoli mi piacciono… Ma mal sopporto i discorsi diretti; io per primo nei miei cerco sempre di limitarli al minimo perchè come spesso accade si perde la percezione di chi dica cosa a chi… Come sfortunatamente è accaduto in questo capitolo. Ci sono frasi che ho letto senza capire chi fosse l’interlocutore e di chi fosse la “voce” magari è una mia mancanza ma in generale credo che quest’uso eccessivo di dialoghi diretti svilisca la struttura del capitolo.

    Comunque grazie per averci raccontato meglio stralci di “vita domestica”

    • Ciao, innanzitutto grazie mille per esser passato.
      Mi dispiace davvero tanto che questo capitolo ti sia apparso in modo così destrutturato e confusionale, perché l’ho studiato nei minimi dettagli, te lo assicuro. In ogni caso ti do ragione, anche io non amo i discorsi diretti, ma sto cercando di mettermi alla prova, sperimentando stili e tipologie di scrittura diverse quindi sicuramente anche in futuro credo che qualche errore di impostazione del capitolo mi scapperà! -.-
      In ogni caso ti ringrazio per la tua osservazione, la terrò presente per il futuro 😀

  14. “Ogni libri contiene un indizio per comporre un codice” questa e’ stata la mia scelta.
    Il mistero si complica :/ La storia dei genitori e’ stata alquanto “drammatica”, suo padre aveva proprio un cuore di pietra…
    Chissa’ cosa contengono i suoi libri, sono davvero curiosa *_* Continua cosi’!! ^^

    • Ciao Valentina grazie mille per esser passata, mi fa moltissimo piacere davvero 😀 ti chiedo scusa se rispondo solo ora. Ho appena caricato il nuovo episodio, spero che anche questo capitolo ti colpisca! dimmi cosa ne pensi mi raccomando! a risentirci presto

    • Ciao Lucia grazie per esser passata e aver votato.. allora attendo con ansia il tuo commento!! Si in effetti forse hai ragione ma diciamo che preferisco le storie scattanti e dinamiche; infatti ti dirò la verità ho trovato un po’ di difficoltà a scrivere i primi tre episodi decisamente più lenti. Ti aspetto!

  15. Prima cosa (rivolta a te): ribadisco che l’Arlecchino complice degli inseguitori che guida proprio la gondola scelta da Angelica è una coincidenza poco credibile.
    Seconda cosa (rivolta a te e ai lettori): il nonno? ma che opzione è? mi ricorda Heidi… Possibile che Angelica sia sparita dopo la morte dei genitori senza che la polizia la cerchi? Io voto per la polizia, per logica.
    Per lo stile di scrittura nulla da eccepire.

    • Ciao Napo grazie per esser passato e aver votato. 😀 Dunque diciamo che il mio punto di vista è differente rispetto al tuo: io non vedo Arlecchino come complice, quantomeno non lo vedo un complice diretto, al massimo una figura che è stata corrotta (che poi questa era proprio la mia idea, forse resa male).
      Per quanto riguarda invece l’opzione del nonno, nonostante l’introduzione di questo personaggio a primo impatto possa sembrare fuori luogo, penso che invece potrebbe rivelarsi determinante sopratutto per la spiegazione di punti chiave come il movente che ha determinato l’assassinio dei genitori.
      N.b. Sono aperta ad altre osservazioni 🙂

  16. Opto per “Il nonno con cui Angelica si era data appuntamento a Venezia”. Vai nonno!! Conto su di te!!! ^^
    L’ultima frase della storia e’ stata srammatizzante direi XD pero’ cavolo, non avrei mai pensato quanto sia spietato quell’assassino o_o Fa gia’ paura dalla sua presentazione!! [Bastardo, hai ucciso i genitori del protagonista solo per vantarti di aver fatto una cosa “giusta”!!?? D:.<

  17. Mi ha coinvolto molto e mi sono molto immedesimato nella protagonista, perchè dai pensieri e dalle emozioni simili ai miei. Mi ha dato l’impressione che la protagonista fondi la realtà dei fatti con la sua natura da sognatrice, e non riesco a capire se assomigli più a un sogno o ad un fatto concreto.
    Anche se non me la sento di criticarti devo spingerti a dare più attenzione alla rilettura del brano (come hai detto a me :D), perchè a volte ti scappa qualche errore di distrazione come “ari” al posto di “aria”. Ma sono cose irrilevanti dinanzi ai miei scempi D:

    • Eccoti qua, 🙂 grazie mille per il commento e ti ringrazio anche per avermelo fatto notare, ci mancherebbe!!! Sopratutto il primo episodio in particolare, è pieno di refusi, questo accade quando si legge solo una volta prima di pubblicare 🙂 grazie mille per esser passato a presto!

  18. Ho scelto “I due scagnozzi di un potente Boss, il quale intratteneva “affari illeciti” con i genitori”, ma vedo che e’ stato meno votato ^^”
    A parte questo, ho cominciato a leggere la tua storia dal primo capitolo:
    ti confesso che ho fatto fatica a ricostruire la situazione del protagonista nel primo capitolo, ma questo credo che sia solo il mio problema, infatti nei capitoli successivi il quadro della storia si e’ schiarita tantissimo!! E forse non avevo capito prima perche’ non leggo quasi mai i libri “difficili”, da professionisti ecco ^^”
    Si vede che tu ami la lettura cosi’ come il protagonista, notando il linguaggio “nobile”, da vera scrittrice ^^ Complimenti!!

    • Ciao Alexa, grazie per esser passata. Mi sento davvero onorata e ti ringrazio tanto per i tuoi complimenti. spero che il mio racconto, ammetto a volte scritto in maniera un po’ complessa, possa comunque stimolare la tua attenzione fino alla fine. 😀 a risentirci 🙂

  19. Hai una bella penna, Vudi! Anche con questo capitolo mi hai lasciata di stucco. Ora chi saranno? Assassini, opto!
    Però , manco io ho capito una cosa: come sono arrivati sulla gondola? Nel momento in cui lei sembrava “rilassarsi”? E’ stato Arlecchino?
    Spero a presto perché sono troppo curiosa! 😀 😀

    • Ciao pinkerella grazie mille per esser passata e aver votato, sono contenta di averti stupito ancora una volta, speriamo di riuscirci per l’intero racconto! ahahahah
      Per quanto riguarda Arlecchino posso assicurarti che nel prossimo episodio la situazione si farà più nitida e dettagliata 😀
      Intanto ti suggerisco un indizio, soffermati sulla frase “sentii la gondola ondeggiare più del dovuto”. 😉 Vediamo se riesci a capire la mia idea! A presto 🙂

  20. Polizia in borghese: mi sembra l’opzione più logica.
    Il finale mi è oscuro: Angelica non è scesa dalla gondola, quindi è Arlecchino che le afferra il braccio, ma – se è così – la coincidenza (proprio sulla gondola da lei scelta c’è il complice in maschera dei suoi inseguitori) non è credibile.

    • Ciao Napo grazie per esser passato e aver votato. 🙂
      Dunque sei davvero un grande autore di gialli ma ahi ahi qua mi cadi..!!! no dai scherzo 😀 diciamo solo che le cose non stanno proprio come me le presenti tu, vedrai nel prossimo episodio.
      Per adesso ti do solo un indizio sul quale forse non ti sei soffermato: “sentii la gondola ondeggiare più del dovuto”. Riflettici, a presto.

  21. Nel primo episodio ho pensato che la storia di sarebbe sviluppata sulla vita di una diciannovenne indecisa sulla strada da intraprendersi nella vita. Nel secondo invece, mi sono messa comoda davanti al camino, con la mia tazza di cioccolato e ho detto ” Questa storia si sta facendo interessante” 🙂
    Ho votato per il viaggio.
    Ciao ciao

  22. In questo episodio mi hai trasmesso magnificamente un senso di malinconia della ragazza che è divisa tra il suo amore sconfinato per i libri e una coppia di genitori che la fanno soltanto soffrire; delicate e coinvolgenti le descrizioni.
    Nel prossimo episodio me la immagino, un po’ estraniata dal mondo che la circonda, in mano alla polizia che cerca di capire cosa è successo ai suoi genitori.

  23. Nell’ottica che la protagonista abbia vissuto una difficile esperienza, forse un trauma, per cui segue un programma di supporto ( la relatrice dice che ci saranno altri incontri ). E volendo collegare questo al tema ‘Avventura’, io propongo un passato violento. Magari droga e vita dissoluta o più semplicemente, stava con un ragazzo che la picchiava ed è successo qualcosa per cui la storia è finita in maniera drastica.
    Da qui il trauma, la depressione, la voglia di ricominciare.

  24. Il finale mi ha lasciato un pò di tristezza questo vuol dire che è riuscito bene! Mi piace la struttura del capitolo, inizialmente l’idea della morte era lontana, non c’ere un indizio che lasciasse capire cosa stava per succedere da li a poco e poi bum, cosi, è successo. Davvero ben pensato. Sono indecisa tra il viaggio e viene fermata dalla polizia… Forse in una situazione del genere non farei subito un viaggio, allora scelgo la 1 . Alla prossima =)

    • Grazie mille per il tuo commento e per aver votato 🙂 sono contenta che ti sia arrivato il messaggio, la mia intenzione era di creare nel lettere proprio quel BUM di cui tu parli ahah e sono anche contenta tu sia riuscita a cogliere gli aspetti di contorno ovviamente non casuali 🙂 grazie mille ancora per essere passata!

  25. Finito di leggere ho solo pensato un “wow”.
    Prima della fine del capitolo, l’intenzione era quella di assorbire ogni parola come una spugna, mi piace l’esatta combinazione che hai usato, come descrivere le azioni senza usare i termini più pratici, ma in modo più “immedesimativo” (strisciai in cucina)… Hai uno stile invidiabile.

    Poi il finale. Mi hai spizzato (come se fosse una novità)
    Mi piace proprio leggerti.

    • Grazie mille per essere passata, apprezzo molto il tuo commento e mi fa davvero piacere che questo racconto ti abbia preso 🙂 é proprio quello a cui sto mirando e penso non ci sia gratificazione piu bella x chi scrive 🙂 ahaha a presto

  26. La quiete dopo la tempesta. Il nulla e poi il risveglio dal nulla. La colazione fatta in santa pace. I libri che la accompagneranno in un viaggio. Questo capitolo mi ha lasciata davvero di stucco. E lo dico in un’accezione assolutamente positiva. Complimenti. 🙂
    Alla prossima,.

  27. Altro che divorziati! Sviluppi inattesi. Angelica dovrebbe fare la cosa più ovvia: andare alla Centrale di Polizia. Quella frase finale “Poi presi i miei libri e uscii di casa. Per sempre” fa però presagire che tu abbia un’altra intenzione. Facciamola passare prima in Centrale, per evitare equivoci.

    • Ciao Napo!! grazie per essere passato 🙂
      Ammettilo non te l’aspettavi vero? hahaa diciamo che mi piace molto giocare la “carta delle sorprese”. Hai ragione in realtà la mia idea è un po’ diversa però vediamo come vanno le votazioni. Spero che questo episodio ti sia piaciuto! a presto

  28. ok, l’incipit è bello anche e sopratutto perché mi ha messo un po’ in difficoltà….
    Alcuni aspetti sono, forse volutamente, poco delineati…. Niente nomi, posti offuscati, la realtà come brusio di sottofondo…..
    Poi mi ritrovo queste due donne ma no, non ce la faccio a scegliere divorzio, per me è un argomento forse troppo usurato. Gaia purtroppo non la conosco ancora…..quindi?
    Quindi dico scelgo di proporre questo: la signora è un personaggio famoso con una personalità prorompente mentre la donna è la sua assistente barra universitaria barra custode.
    Tutti i perché li lascio a te 😉

    • Grazie mille per essere passato e aver apportato il tuo contributo.
      Si credo proprio che questo racconto sarà più “mirabolante” del solito, oltre che per la trama non chiara fin da principio, direi anche per la forma.
      Inoltre ammetto che trovo più difficile scrivere in prima persona, ma amo le sfide.
      Quindi vedremo insieme come andrà ! ahah 😉
      A presto

    • ciao grazie mille per essere passato, dunque si hai ragione sia per quanto riguarda le opzioni ( diciamo che da un lato mi piace lasciare molto spazio all’intervento dei lettori, almeno all’inizio) che per quanto riguarda gli errori (me ne sono accorta troppo tardi purtroppo) quanto alla trama bé speriamo che possa continuare a suscitare il tuo interesse.
      Spero di ritrovarti nel secondo capitolo, grazie e a presto.

  29. Eccomi. Un buon inizio (a parte lo scivolone su aprì al posto di aprii) che cattura l’attenzione del lettore e invoglia a seguire il seguito (infatti ti seguo).
    Ho scelto l’opzione “di’ la tua” (con l’apostrofo, perché forma tronca di dici) perché – sarà che sono memore del tuo debutto nel genere Eros – ho immaginato che la protagonista abbia appena detto ai suoi di essere omosessuale.

    • Ciao Napo, come al solito ti ringrazio per l’analisi dettagliata che mi hai fornito.
      Anche io ho notato (troppo tardi) gli errori grammaticali e chiedo vivamente scusa.
      Bella idea, sinceramente (forse perché ho inserito l’incipit nel genere avventura) non ci avevo pensato, terrò in considerazione anche questa ipotesi, grazie.
      A presto.

  30. Bellissimi i dialoghi interiori! La “povera” centralinista rompicacchini! 🙂 A me non fa pena per niente ma sarò crudele! Punto e a capo! Sì ho usato anche io la tecnica della ripetizione con gli appunti del ladro professionista. Devo dire che prende ed infatti sei già a più di 41 compresi i miei! Ti seguo ok! 🙂 E’ fluido ed è candidato buono! 🙂 La mia idea può essere magari che si sia lasciata con il suo ragazzo. Un classico sempre buono! 🙂

  31. L’atmosfera che hai creato con la cioccolata calda e il fuoco è praticamente la situazione mia in quest’inverno ma senza camino e con due borse calde hahaha bella davvero, un lessico usato molto bene, non sei per niente una principiante. “Un mondo dove ognuno può esser chi vuole essere, oppure può esser chi non vuole essere” Forse quello che è successo alla protagonista riguarda questo, cioè in qualche circostanza ha dovuto essere qualcun altro, annullare se stessa per qualcun altro..

    • Ciao Martina grazie mille per aver commentato positivamente e per aver esposto la tua idea su quanto potrebbe essere accaduto alla protagonista. Ne terró certamente conto, spero dunque che tu possa aiutarmi con i tuoi consigli e altrettanti suggerimenti anche in futuro 🙂 a presto. 🙂

  32. Mi ci sono ritrovata in questa ragazza, soprattutto nel periodo in cui lavoravo troppo e non avevo alcuna soddisfazione ma solo stress e una rabbia tremenda.
    “Camminavo al cospetto di quella notte che, con saggezza e sincerità, faceva risplendere la parte peggiore di noi”: questa frase mi è piaciuta molto. Mentre ci sono alcune disattenzioni, può capitare 😉
    Molto intenso, brava.

      • Certo; “uscì dall’edificio” “aprì il microonde” e altri passaggi, essendo raccontato in prima persona e riferendosi a te stessa avresti dovuto scrivere “uscii – aprii”;
        poi il dialogo tenuto nella scala non ho capito se è tra la protagonista e la vicina impellicciata, perché continui a usare la terza persona del passato remoto ma sembra che una delle interlocutrici sia tu…dunque serviva la prima persona, oppure non ho capito il dialogo. La punteggiatura a tratti è scorretta;
        non ti scrivo queste cose per cattiveria, ti garantisco che anch’io sono stata corretta 😉 ora certi errori non li commetto più…ne faccio di altri 😉 ma mi è servito ad imprimerli nella mente.
        L’episodio è molto bello, te l’ho detto…grazie.

  33. Non mi va che sia Gaia, potrebbe anche esserlo però….Lei diventata adulta che affronta il mondo del lavoro completamente sola. Lei che si è allontanata dalla brutta storia passata dove qualcuno le aveva fatto del male ed ora stava pagando.
    Ciao Vudi, come stai ?
    Io oggi malata, la mia storia è ancora li, mancano due capitoli e cerco di seguire il metodo con la quale l’avevo iniziata il famoso “fiocco di neve”, vedo che tu hai dato una bella sinossi, complimenti e l’incipit è altrettanto buono.
    Quando c’è il suono dell’allarme del microonde ci voleva uno spazio in più per capire lo stacco temporale, pure io ho fatto un mare di casini a questo turno… Quando carichiamo gli episodi non va mai come vorremmo.
    Per il resto è perfetto. Brava

    • Ciao Lucia, bene grazie tu?
      Grazie mille per il tuo commento positivo e costruttivo, si effettivamente hai ragione per quanto riguarda lo stacco temporale, spesso quando carico gli episodi l’impaginazione cambia.
      Ora faccio un salto sul tuo racconto! a risentirci !

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi