La Zingara

Dove eravamo rimasti?

Forse è meglio non conoscere il proprio futuro? Si parte per il viaggio della tua vita. (57%)

Ci sono ricascato!

Quella estate era partita con il piede sbagliato. Ci voleva una botta di vita! Una crociera nel Mar Mediterraneo! Basta andare nell’agenzia viaggi della piazza del centro che di sicuro due biglietti last minute li trovi in qualsiasi momento. Quest’anno rinunziamo ad affittarci la casa a mare dopo dieci anni di assoluta fedeltà e ci facciamo una bella gita su un grattacielo che galleggia. La pupetta di otto anni è a totale carico della compagnia tranne le escursioni . Il gioco vale la candela! Si parte la prossima domenica. Occorre prepararsi in modo adeguato, anche per non fare la figura dei soliti turisti improvvisati che si muovono e si vestono come buzzurri campagnoli. Camice colorate hawaiane , infradito ipanema , creme solari, costumi nuovi, troller semimoventi con ruote multi direzionali. Un armamentario di tutto rispetto. Intanto bisogna pur mangiare prima di imbarcarsi per il grande viaggio. Al mio supermercato trovo tutto quello che necessita , tanto quanto basta comunque  per riempire il solito carrello di spesa . All’uscita trovo una zingara con un bambino che rosicchia un tozzo di pane che mi chiede l’elemosina. Ogni volta mi prende un groppo alla gola e non resisto. Non ho spiccioli e allungo una banconota da cinque euro. Non credo di risolvere alcunché, ma spero di alleviare un disagio. Magari l’aspetta il marito con un auto sportiva, ma io non posso voltarmi dall’altra parte. “Signore, la ringrazio del suo buon cuore. Le auguro ogni bene e tanta salute. Le voglio regalare questa pietra magica. Le porterà fortuna. A proposito nelle prossime settimane non si fidi dell’acqua del mare. Stia con i piedi sulla terra!”. “Porca miseria! Ci sono ricascato!”   

Ci sono ricascato ancora una volta.

  • non voglio più ascoltare una zingara in vita mia (60%)
    60
  • parto lo stesso e mi faccio una risata. (20%)
    20
  • non parto. (20%)
    20

Voti totali: 5

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

11 Commenti

  1. e’ appena trascorsa la festa del patrono nella mia città. ho appena finito di leggere “un indovino mi disse” di Terzani. QUesta tua storia fa proprio per me! Partiamo per il viaggio della vita, magari in terre lontane troviamo indovini più generosi! 🙂

  2. Un gran bel incipit davvero! Ho votato per consultare altri specialisti, pensando a quella che in America definiscono “second opinion”. Chissà che cosa ci diranno questi altri “dottori”… Attendo ora il prossimo episodio 🙂 Se ti va poi magari passa da me a darmi qualche suggerimento 🙂

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi