SEGUI L'AUTORE Vai al sito

Gabriele Cecchini

Dopo gli studi più o meno canonici (con una capatina al pianoforte dagli 8 ai 21 anni) inizio a scrivere, dopo vari tentativi pietosi nell'adolescenza. Mi pubblico (visto che ho pagato e tanto!) un libro di racconti Le anime meschine, che vince il Premio Giuseppe Giusti come migliore opera prima nel 2006. Poi continuo a scrivere e a vivere, a leggere e andare al cinema. Spedisco una sceneggiatura strampalata al premio Solinas e gentilmente mi dicono che è volgare e sguaiata. A me piace tuttora. Poi è arrivata la zitella Rita Riboldi, la protagonista del romanzo appena uscito, cioè: lei ...


Storie scritte
I vivi e i morti

E se non esistesse la morte? Se in un futuro lontano ci fosse data la possibilità di vivere per sempre? Accetteremmo anche una forma di vita “alternativa” pur di non morire? Lauren, eroina che vive in questo mondo sempiterno, sente crescere dentro con forza la volontà di ribellarsi.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Usando i nostri servizi dai acconsenti all'uso dei cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi