Come diventare la donna perfetta

Dove eravamo rimasti?

Quale sarà il prossimo passo di Marina Si getterò a capofitto sulla sua missione (80%)

Capitolo 2 - Identificare e agganciare la preda

Il lunedì successivo mi recai in ufficio per discutere i dettagli della missione con la Barile. Mi sentivo tanto James Bond, perché avevo trascorso l’intero week end a documentarmi su Alex Ruggero e le Officine meccaniche torinesi. Il primo passo per la realizzazione del mio piano consisteva in: candidarmi come collaboratrice, in fondo cosa c’era di complicato in organizzare un’agenda elettronica e compilare qualche ricevuta? Dopotutto alle superiori avevo conseguito un diploma come perito commerciale, inoltre avevo una laurea in economia aziendale poi, stanca dei numeri, avevo deciso di passare al giornalismo. A causa del mio percorso ero stata relegata alla posta dei lettori, una cosa di poco conto. La Barile aveva cominciato a considerarmi solo quando, due anni prima, l’avevo salvata a una riunione passandole delle idee per il numero di Natale senza intervenire, facendole passare per sue.

La voce del mio capo mi riportò alla realtà. «Allora qual è la prima fase del piano?» domandò eccitata dopo aver ordinato due caffè.

«Identificare e agganciare la preda. Sosterrò il colloquio come segretaria del presidente. L’azienda sta cercando personale e sarà più facile avvicinare Ruggero se lavoriamo nello stesso posto.»

«Notevole! E come credi di entrarci? Non conosci niente di quell’ambiente!» sbuffò incrociando le braccia al petto.

«Ed è qui che ti sbagli. Ho già fatto lavori simili, inoltre ho un diploma come perito commerciale e una laurea in economia aziendale.»

L’espressione della mia interlocutrice non mentiva, mi aveva sempre sottovalutato, glielo leggevo in viso. Le sopracciglia incurvate, gli occhi sgranati e la mascella inferiore a toccare quasi il pavimento.

«Buona fortuna Marina, ne avrai bisogno perché Alex è un osso duro.»

«Licenziami. Non vorrei che durante i colloqui di routine l’ufficio del personale possa scoprire che lavoro per te.»

«Brava!Non ci avevo pensato» si complimentò terminando il suo caffè.

Il giorno seguente ero ferma alla caffetteria aziendale a studiare “l’habitat” naturale della mia vittima, un locale sobrio e luminoso, situato al piano terra dello stabile. Mi ero seduta ad un tavolino al centro, così da tenere d’occhio la sala mentre con aria impegnata studiavo Il sole 24ore, una rivista finanziaria che elencava l’andamento dei mercati in borsa, gli aggiornamenti sull’economia, i tassi di interesse. Il giornale ideale per far colpo in questo campo.

Come si attirava l’attenzione degli uomini? Bastava non degnarli nemmeno di uno sguardo.

Mi ero armata di santa pazienza e avevo cominciato a rispondere fredda e scostante a ogni essere di genere maschile che mi si avvicinava. Alle nove in punto finalmente vidi la mia preda fare il suo ingresso. Con cautela mi alzai e mi recai alla cassa per pagare. Tra meno di un quarto d’ora sarebbero iniziati i colloqui e io dovevo catturare la sua attenzione senza forzature. Che cosa potevo inventarmi? Ecco, avevo trovato! Distrattamente lasciai cadere la mia agenda dalla borsa semi aperta.

1.2.3…

«Mi scusi signorina, credo le sia caduta» ammise porgendomela.

«Grazie, lei mi ha salvato, c’è tutta la mia vita lì dentro! Sono così distratta oggi, devo affrontare un colloquio, e spero di non fare figuracce» mormorai afferrandola.

All’inizio di ogni nuova conoscenza la donna deve fingersi debole e bisognosa di aiuto per calamitare l’interesse della preda.

«È qui per il posto di segretaria?» domandò l’uomo passandosi una mano nei folti capelli scuri.

Il seduttore nato che c’era in lui stava per sferrare un attacco.

«Sì, ho una laure in economia aziendale potrei essere utile anche nel settore contabile» borbottai stringendomi nel cappotto.

Gli occhi di Ruggero guizzarono di interesse. Bene, avevo appena segnato un punto. Vi starete chiedendo: come ci ero finita in un giornale di gossip e linee guida? Per le mie scarse conoscenze. Chi avrebbe mai affidato uno scoop importante a una neo laureata?

«Ho visto che stava leggendo Ilsole24ore. C’è qualche novità interessante sulla quale investire?»

«Penso che l’azienda dovrebbe acquistare le azioni di Innate Pharma, sono stabili, ma grazie a un’accurata ricerca di mercato che ho eseguito sugli ultimi dieci anni di profitto, ho scoperto che il mese prossimo avranno un rialzo del 164%.» ammisi efferata mostrando le indagini che avevo svolto grazie alla soffiata di un amico che investiva in borsa.

«Notevole. In bocca al lupo per il colloquio, sono sicuro che andrà benissimo.»

In meno di una giornata avevo già attirato la sua attenzione. 1 a 0 per me.

Mi sembrava quasi di vedere già la nuova targhetta sulla mia scrivania: Marina Giordano inviata speciale.

Come andrà il colloquio di Marina?

  • Dopo i primi attimi di finto smarrimento, Marina conquisterà la commissioni inimicandosi l'unica donna (63%)
    63
  • Sarà un successo (13%)
    13
  • Andrà nel panico, rischiando così di mandare a monte il piano (25%)
    25
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

34 Commenti

  1. Ciao Lady
    Il capitolo mi è piaciuto ma non ho capito perché Marina abbia preso due appuntamenti nella stessa giornata…. con due uomini che era meglio non far incontrare….
    Questa cosa proprio non riesco a comprenderla!
    Ho deciso di far dire la verità. Dopo tutte le bugie, Alex si merita un po’ di chiarezza.
    Ciao alla prossima
    Ilaria

  2. Ciao Lady
    Ovviamente partiranno delle ricerche sul passato del nostro tenebroso capo.
    Capitolo un pochino più lento, un tantino da rivedere sui refusi ma nel complesso, sempre molto carino.
    Una curiosità. Perché hai usato la parola “sgallettata”?
    Ho cercato il significato, l’ho trovato ma sarebbe stato da mettere in un contesto diverso….. Oppure spiegami tu che forse non ho capito io😂😂😂
    Mi spiace non aver partecipato alla scelta del capitolo precedente. Purtroppo devo essermi persa qualcosa.
    Ciao alla prossima!
    Ilaria

  3. Mi piace l’idea di far ricerche sul passato di Alex.
    Ciao Lady,
    qualche errore di battitura, ma niente di ché:
    solo fai attenzione all’ uso del corsivo quando descrivi un ricordo e poi usi ancora il corsivo per evidenziare un pensiero o una marca di liquore o un discorso o la parola campanellino.
    Ti dichiaro quindi in arresto per uso improprio del corsivo😄😄😄
    Scherzi a parte: ti attendo alla prossima😉
    Ciao!

  4. OVVIAMENTE NE VEDREMO DELLE BELLE
    Ciao Lady
    un capitolo molto ma molto carino e poi immaginarmi una fichissima ragazza con tacco dodici che si schianta sulle porte di un ascensore, mi ha fatto troppo ridere. haha
    Bravissima.

    Attendo il prossimo e ti saluto.

    Ilaria

  5. Ciao Lady, è sempre più divertente la dinamica della storia… Ero indecisa su cosa votare ma alla fine ho scelto per qualche difficoltà, per adesso il piano stava andando molto liscio, chissà che qualcuno non rallenti un po’ la perfetta Marina.. 😉

  6. Ciao Lady.
    Con la chiusura del capitolo scorso, dalla scelta al 65%, mi aspettavo che ci fosse un battibecco con la responsabile delle risorse umane.
    Non c’è stato.
    Quindi vorrei che le due si scontrassero, anche perché dovrà pur esserci qualche ostacolo che rallenti l’obiettivo di Marina!
    Per il resto hai scritto davvero bene.
    Ciao!
    Ilaria

  7. Ciao Lady
    Io ho votato “sarà un successo” perché siamo ai primi capitoli ed è giusto all’inizio tutto fili liscio e senza intoppi.
    Ma è l’opzione meno quotata, quindi dovrò adattarmi😅
    Ciao al prossimo
    Ilaria

  8. Ciao Lady
    I due capitoli scorrono bene.
    Ho preferito aspettare il secondo episodio prima di commentare, perché ho dubbi riguardo all’esistenza reale di una donna o uomo perfetti. la perfezione piò essere, di per sé, un’imperfezione 🙂
    La protagonista è determinata a mostrare quello che vale, ma scoprire le carte prima del colloquio , sarà la mossa giusta?
    Mettiamoci un po’ d’insicurezza, voto che entrerà in panico… Ma…

  9. Ciao Lady 86.
    Mi hai incuriosito. Il tuo incipit mi è piaciuto.
    Di solito non leggo questo genere ma ho voluto provare a leggere la tua storia che mi ricorda molto un po’ “Bridget Jones” un po’ il “diavolo veste Prada”.
    Vedremo se riuscirai ad uscire dagli stereotipi e a scrivere qualcosa di stuzzicante.
    Ciao a presto
    Ilaria

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi