SOLDIER

Nuovo inizio

Finalmente il grande giorno era arrivato. Seduto su di un barile di legno, ai lati di una piccola bottega di cianfrusaglie Blank attendeva con ansia che il camioncino trasporto truppe della Shin-Ra arrivasse a prenderlo. Ai suoi piedi c’era un misero borsone pieno solo del minimo indispensabile. Blank aveva superato il test iniziale per poter far parte del corpo militare e anche con discreti punteggi. Tra le sue mani un fascicolo di colore grigio con al centro uno spiccante logo della Shin-Ra color rosso vivo. Nella prima pagina c’erano le sue generalità nell’altra, invece, una serie di fogli spaiati con dei numeri che riguardavano i “voti” alle prove fisiche e alla cultura inerente al mondo della Shin-Ra. Blank sfogliò tra alcuni di quei fogli e pescò una sua foto, fatta qualche anno prima.

“ Mhm.. Avrei dovuto sceglierne un’altra, mi fa il viso troppo grosso.. “

Disse a voce altra da sé e sé mentre una mezza smorfia di disapprovazione si palesò sul suo volto. Blank, secondo i dati calcolati dal Centro Sspecializzato Ricerca Reclute era: di media altezza e di massa leggera. I suoi capelli erano di un castano cenere chiaro di media lunghezza tanto da formare un piccolo codino che teneva raccolto con un semplicissimo elastico nero. Due occhi ambrati leggevano velocemente il programma di accoglimento delle nuove reclute. Il fascicolo venne chiuso con maldestra forza con entrambe le mani, tanto che alcuni fogli rischiarono di scivolare via a causa del secco colpo. Tale movimento fu seguito da una sbuffata da parte di Blank con tanto di occhi sparati verso il cielo. Mancavano circa 20 minuti all’arrivo del suddetto mezzo di trasporto. Fece uno scatto di reni aiutandosi con una mano, tale movimento gli fece effettuare  un timido slancio in avanti permettendoli di scendere dal quel barile. Infilò il fascicolo in uno degli scompartimenti del borsone e con una mano se lo portò sul lato destro della schiena avviandosi verso l’uscita della piccola e intima cittadina di Kalm. Proseguì superando la piazza e all’altezza della locanda una voce richiamò la sua attenzione:

“ E così alla fine è vero.. “

Blank non fece neanche finire la frase, non si girò neanche, abbasso solo il capo e accennò un lieve sorriso legato a frustrazione. Dopo qualche secondo, girò il volto di circa 40° verso destra, prese respiro e gli rispose:

“ Ne avevamo già parlato, ed eri al corrente che oggi sarebbero venuti a prendermi. “

Anche il busto seguì il movimento della testa. Ciò che si mostrò a gli occhi di Blank era una ragazza, sua coetanea, che appoggiava sotto entrambe le sue braccia delle stampelle di mediocre fattura. Aveva in volto un misto di gioia e preoccupazione, il suo ciuffo copriva l’occhio sinistro mentre l’altro, che era più visibile mostrò il colore delle sue iridi ovvero, marroni chiare. Indossava un abito con gonna lunga di base bianco, che con il passare del tempo era diventano più giallognolo. Sopra l’abito portava un grembiule da lavoro rosa. Si notava benissimo, da come vestiva l’abito, che la gamba destra non fosse più presente. Karise, era il nome di questa ragazza. Fece qualche altro passo verso il ragazzo aiutandosi con le stampelle, lo guardò per qualche istante e poi continuò:

“ Lo so, sono solo venuta a salutarti.. Non so per quanto mancherai.”

Blank accennò un altro piccolo sorriso prima di posare a terra il borsone. Subito dopo fece un mezzo passo verso di lei e l’abbracciò. Karise in un primo momento non riuscì a ricambiare al gesto, forse perché non si aspettò questa spontaneità da parte del ragazzo. Mentre si staccava da lei Blank le disse:

“ Ti avevo chiesto di non venire, non è mica un addio. Non vado mica in guerra.. “

“ Pessima scelta di parole “ pensò subito dopo. Non era stato il modo migliore per finire la conversazione e Blank lo capì al volo. Prese il borsone e facendo un lieve movimento della mano salutò la ragazza che rimase lì in attesa, fino a che Blank non usci completamente dalla città. Karise era stata colei che più di tutti aveva legato con Blank, forse l’unica vera sua amica dato che nessun altro si presentò per salutarlo. Fuori dalla cittadina di Kalm c’era un silenzio quasi tombale. Blank si sedette su di un masso li vicino, purtroppo il  soave silenzio fu subito stroncato dal rumore di un veicolo. Arrivò infine, alzando un nuvolone di terra, il mezzo che lo avrebbe portato nella megalopoli chiamata Midgar. Il mezzo si presentava come una specie di furgone alto, con pneumatici massicci, rinforzato con placche di metallo all’altezza delle ruote. Sulla fiancata si poteva notare il logo della Shin-Ra. Dal lato passeggero scese un soldato di fanteria con la classica uniforme blu, ginocchiere e sciarpa grigiastra. Una voce scocciata proferì verso Blank:

“Va bene, questo è l’ultimo. Radus? Sei tu Radus?”

Blank annuì, odiava il suo cognome.

“Sali forza, siamo già in netto ritardo.. Ah, e tieniti stretto il borsone.. “ il soldato batté sul mezzo di trasporto due volte “La piccolina ballerà abbastanza. “

Per arrivare a Midgar ci voleva 1 ora circai. Blank pensò subito a come impegnare il tempo.

  • Il soldato seduto al lato passeggero si girò verso i ragazzi e disse: "Reclute, ho un paio di cosette da dirvi.. " (100%)
    100
  • Quello che sembrava uno schermo non era altro che un computer dove leggere notizie riguardanti la città di Midgar. (0%)
    0
  • Vicino a Blank c'era un ragazzo, sembrava alquanto preoccupato. In mano stringeva una foto di una donna mezza età. (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

2 Commenti

  1. Incipit davvero interessante per un racconto ambientato nel favoloso mondo di final fantasy vii. Scritto in maniera egregia e ricco di interessanti dettagli sui personaggi. Ovviamente vi è poca azione e poca trama per ora, ma sono davvero curioso di leggere il proseguo dello storia!

    • Grazie mille per il commento! Cercherò nei prossimi capitoli di entrare nel vivo della storia. Spero possa piacere anche ad altri lettori nonostante sia consapevole che possa essere una storia un po’ più di “nicchia” rispetto a le altre della piattaforma 🙂

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Usando i nostri servizi dai acconsenti all'uso dei cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi