Arcandia, le Porte di Etelios

Ritorno

Adran camminava lentamente, misurando ogni passo.

Sapeva che se avesse provato a correre per quella via rocciosa e ripida, che s’inerpicava su per la montagna, sarebbe resistito pochi minuti, poi sarebbe caduto a terra sfinito.

Eppure aveva voglia di correre, perché finalmente era tornato.

Era stato via dodici anni, dodici lunghi anni passati a combattere al fronte sud del regno, dove i nemici della sua terra continuavano a pressare per poter invadere Arcandia.

Arcandia, quanto gli era mancata.

Ricordava perfettamente le sue valli ricoperte da erba e papaveri, i villaggi più piccoli accesi dalle luci delle feste e dai clamori delle danze, il profumo di resina e muschio che aleggiava nelle foreste, le ninfe degli alberi che ballavano sotto la luna, e gli spiriti dell’acqua che correvano sulla superficie dei laghi.

Gli era mancato tutto, perché al fronte si vedeva solo morte e distruzione: cadaveri impalati sulle barricate e le creature della notte che ti divoravano il cuore se non facevi attenzione quando calava il sole.

Ricacciò indietro quei pensieri: avevano vinto la guerra, al sud, perciò poteva smettere di pensarci.

La Via Innis era un sentiero che procedeva quasi verticalmente su per i monti, superati quelli, Adran ricordava i campi e i viali costeggiati da alberi da frutto.

Avrebbe proceduto su quella via fino al raggiungere di Xeravis, il piccolo paesino tra i terreni ricoperti di spighe di frumento, la sua casa, il luogo dove era nato e cresciuto.  

Avrebbe rivisto i vecchi amici d’infanzia, i saggi Anziani che amministravano la comunità e tutti gli altri abitanti che l’avevano cresciuto.

Sorrise, ma subito si sgridò per essersi abbandonato ai ricordi, non era il momento.

Lo avrebbe fatto arrivato in paese, con un bel boccale di birra in mano, magari.

S’immaginò seduto davanti al fuoco di una locanda, accerchiato da una folla di bambini curiosi che gli chiedevano di raccontare la sua storia…

Lo stava facendo di nuovo. “Non pensare, Adran” si disse “Cammina e basta”.

Il sentiero roccioso, seguendo l’andatura della montagna, svoltava un ultima volta.

Poi, dall’alto dei monti, Adran avrebbe potuto ammirare la sua terra in tutto il suo splendore.

Non riuscì a resistere: corse.

Quattro, cinque passi, il sentiero svoltò e lui con esso, sei, sette passi, poi Adran si fermò.

E rimase a bocca aperta.

Perché davanti a lui niente era come ricordava.

Perché davanti a lui c’era l’immagine che era sempre stata presente nei suoi incubi, tutte le notti passate al fronte.

Davanti a lui c’erano campi distrutti e incendiati, boschi di alberi da frutto abbattuti, distese di terra arida e data in pasto al deserto e Xeravis, la sua città, era solo un mucchio di macerie e cenere.

La morte lo aveva preceduto.

♦ ♦ ♦

Durante la discesa dalle montagne aveva cominciato a piovere.

In principio Adran si era aspettato che dal cielo cadesse sangue, tanto per restare in tema, ma era solo acqua.

Semplice. banalissima, acqua piovana.

Adran non sapeva cosa pensare, procedeva come un morto vivente sul sentiero, perché era così che si sentiva: era come se gli avessero scavato nel petto, gli avessero strappato il cuore e lo avessero sostituito con un pugno di fango pulsante.

E la pioggia non aiutava, cadeva fitta e impediva di vedere bene.

L’acqua gli entrava nella cotta di maglia e nella leggera camicia di stoffa, gli percorreva il petto, lo appesantiva di più ad ogni passo.

Al fronte aveva conosciuto un uomo che era in grado di riscaldare l’aria, così da non aver mai freddo, al momento non gli era sembrato un dono straordinario, ma ora cominciava ad apprezzarlo.

Era appena arrivato a Xeravis, o a quel che rimaneva di lei.

La terra era ricoperta dalla cenere e da pezzi di legno bruciato, assi e frammenti di vetro spuntavano dove non te l’aspettavi.

Il pozzo, al centro del paese, era l’unica cosa rimasta intatta.

L’acqua era sporca di fuliggine, ma in fondo s’intravedeva il luccichio delle monete, ogni moneta equivaleva ad un desiderio posto agli Dei.

Si portò le mani alla cintura, afferrò un piccolo sacchetto di stoffa che tintinnava ad ogni movimento e ne estrasse una mezzaluna di rame.

La lasciò cadere nel pozzo, e la guardò svanire tra la fuliggine grigia e bianca.

Desiderò fosse solo un incubo.

♦ ♦ ♦ 

Adran procedeva ancora sotto la pioggia, che s’era fatta sempre più forte.

Se la sua mente son fosse stata così scossa, avrebbe cercato di trovarsi un riparo molto prima.

Ma lo era, perciò l’uomo vagava senza meta.

Stava proprio per arrendersi alla disperazione, quando in lontananza scorse il tremolio di una luce.

Non era troppo lontano, perciò la speranza si riaccese in lui.

Si mise a correre, ignorando la pioggia e il fango malevolo che lo faceva scivolare di continuo.

La luce si faceva sempre più vicina e Adran finalmente scorse il profilo di un’abitazione, una casa scampata per miracolo, una locanda.

Poi, sedute nel fango e con la schiena appoggiata al muro di legno della locanda, li vide.

La pioggia avrebbe potuto ingannarlo, ma non quella volta.

Due bambini.

Di cosa parleremo nel prossimo capitolo? Ovviamente vi parlerò di tutte e tre le opzioni, ma la maggiormente votata di più delle altre.

  • I due bambini. (50%)
    50
  • Il Dono (30%)
    30
  • Le Porte di Etelios, che cosa sono, perché si sono aperte. (20%)
    20
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

118 Commenti

  1. Ciao Nicholas,
    Ho recuperato i capitoli che mi ero persa e mi sono piaciuti tantissimo. La storia sta entrando nel suo vivo. Le parti che mi sono piaciute di più sono nel capitolo 4 quando scrivi:
    Non era passato tanto tempo, eppure si ricordava di Luvrush solo come un profilo scuro sull’orizzonte, una sbavatura di grigio e nero là dove la pianura incontrava il cielo. Questa descrizione mi è piaciuta moltissimo. Che dire ti faccio i miei complimenti. Ho votato per il lago, mi intrigava molto.
    A presto e buona giornata

    • Grazie Erri, davvero bellissima!
      Mi è piaciuta molto perché i personaggi sono semplici, come avevo chiesto, ma danno tutti un diverso aspetto della vita, come i colori di un arcobaleno, che nell’insieme ci danno una visione bella ma triste della nostra esistenza.
      Ho sorriso quando la bionda è corsa via per “Una Davvero Necessaria Pausa Fumo”, oppure il modo in cui tutti sottovalutavano il giovane Andrea, che alla fine ha scoperto che la vera vittoria è credere in se stessi e nelle proprie capacità.
      “Strepitosa, spumeggiante, superbamente scritta, realizzata con una tecnica sopraffina” o “Bellissima, avvincente, la cosa migliore che abbia mai letto” con tutto il mio cuore.
      Un abbraccio.

  2. Ciao Nicholas, non amo molto le scene di azione e i combattimenti, però sei molto bravo nel descriverle, io non riuscirei a rendere le immagini così vivide, me le hai proprio impresse nella mente mentre leggevo.
    Adesso voterei il lago coronato dalle ninfee, anche se erano intriganti tutte le opzioni?
    Buona serata, alla prossima!

  3. Mi piacciono tutte e tre le opzioni però voto il lago perché è la stessa descrizione che feci, molto tempo fa, in una partita 🙂 (non so se conosci La Storia Ancestrale).

    La battaglia è ben descritta ed abbiamo finalmente visto Ravdì in azione e le conseguenze del suo uso: Adran non ha riportato ferite, eppure è svenuto uguale 😉

    Ciao 🙂

  4. Racconto interessante e accattivante. Non so per quale motivo ma percepisco un’influenza manga sul racconto (il Ravdì, i nostri che uscendo dalle porte di Etelios invadono Arcandia) è probabile che però sia solo una mia impressione. Mi piace l’idea che ogni abitante di Arcandia ha un Dono e che quello dei due ragazzi rimane tutt’ora un’incognita, che sto provando a risolvere con le informazioni contenute nei vari capitoli.
    Se posso permettermi un piccolo consiglio, occhio ai refusi, rischiano di ‘sporcare’ la narrazione che è ben scritta e coinvolgente. Ho votato per il fuoco, la luce, il magma e le fiamme.

  5. Ciao Nic,
    bello questo capitolo! Ci sono un po’ di refusi, ma è stupendo! 🙂
    Vorei riuscire a descriverti ciò esprimo per le tue parole, cosa provo quando ti ascolto, quando ti vedo, ma non se ne sono capace.
    Continua così! Ora la mia curiosità è al limite! Fai un nuovo capitolo al più presto! 😉
    Ciao, buona giornata!

  6. Ciao Nicholas,
    mi è piaciuto questo capitolo, soprattutto la frase:
    “da sola contro la grandezza del vuoto sottostante, lei sola contro la paura della morte.”
    molto profonda.
    come dice Jaw attento ai refusi, ci sono due o tre errori di battitura. La frase:
    “La testa le sembrava stare per scoppiare” non è molto scorrevole, prova a renderla più fluida.
    comunque bravo.
    ciao alla prossima!!

  7. Rieccomi, Nicholas. Ho votato per il freddo.
    Per questi ultimi due capitoli, tra i pochi consigli che forse sarei in grado di darti, ne scelgo uno facile facile: attenzione ai refusi. Rileggi sempre, più volte quello che hai scritto, ti permetterà di trovare la maggior parte degli errori e delle ripetizioni (sì, ci sono anche parole o espressioni ripetute troppe volte a breve distanza).
    Non tutte, no, quello è veramente arduo, ma la maggior parte sì. Ti assicuro che ciò che scrivi ne trarrebbe grande giovamento.
    Ciao, ti auguro un’ottima settimana.

  8. Ciao Nicholas, continui a stupirci! Adesso cosa succederà? Boh, voto freddo, neve e gelido ghiaccio, anche se forse ci stava di più fuoco ecc, ma mi ispira di più questa opzione.
    Bravo! Hai reso molto bene la suspance, l’unica cosa: forse avrei riletto una volta in più, c’è qualche errorino qua e là ma niente di catastrofico?.
    Alla prossima, aspetto ansiosa il seguito!

  9. Bel capitolo, davvero!
    Ci hai fatto aspettare un bel po’ ma devo dire che hai raggiunto e superato le mie aspettative.
    I personaggi appaiono chiaramente: Peter, scorbutico, Adran, l’eroe, Isabelle, decisa.
    Arcandia è un mondo che esce dai parametri dei soliti fantasy, magnifica e pericolosa, come un cobra reale.
    Con il palazzo sotterraneo ci hai fatto pensare al passato della tua terra, magari ad un antico popolo, ormai scomparso …
    Siamo solo a metà ma mi hai già conquistato, continua così!
    Scrivi benissimo, sei pieno di talento e abilità; il tuo modo di vedere il mondo è davvero interessante.
    Aspetto con ansia il prossimo capitolo.
    Se vuoi vieni a leggere la mia storia, mi farebbe davvero piacere.
    Alla prossima.

  10. Ti riscrivo per chiederti quando scriverai il prossimo capitolo: sei bravissimo!
    Non so come riesci a farlo, ma mi trasporti nel tuo mondo magico, misterioso e intrigante!
    I protagonisti sono incredibilmente vivi e realistici, Arcandia è originale e brillante.
    Bravo.

  11. Ciao Nic,
    Mistero in questo capitolo, forte e intenso, l’ho sentito fondersi con i miei occhi e entrarmi nelle narici
    Ho avvertito tutto il buio intorno a me esattamente come i tuoi protagonisti e quando poi il capitolo è finito, devo essere sincera, mi sono sentita spesata 😛 .
    Scrivi sempre benissimo, con queste parole che entrano nell’animo di chiunque, continua così. Non vedo l’ora di VEDERE come continua e SENTIRE tutto ciò che i tuoi personaggi diranno 😉 .
    Ci sono alcuni refusi, ma chi è che non sbaglia? 😉
    Se hai voglia di passare da me ne sarei molto felice 🙂 .
    Ciao, buona giornata! 😀

  12. Ciao Nicholas,
    Questa volta ci sono un po’ di errorini di battitura, ma sei talmente bravo che quasi mi viene da pensare che tu ce li abbia messi di proposito, per vedere se stiamo attenti? Scherzo. Molto bello anche questo capitolo e bravo per la cura che poni nei dialoghi e nelle descrizioni.
    Ci si vede al prossimo.

  13. Intrigante e misterioso? Non posso che votarlo 🙂

    Mi è piaciuto molto come hai fatto il vecchio ed il fatto che “scompare nel nulla” lo rende ancora più misterioso. Quindi proseguiamo col mistero.

    Oltre al fuoco diventato fuco, c’è anche un diversi diventato “di versi” (=fatto con i versi 😛 )

    Ciao 🙂

    • Ciao Red, ti rispondo solo ora e mi dispiace.
      In effetti in questo capitolo ho fatto molti errori, un po’ dovuti alla fretta e un po’ al soppravvalutarmi.
      Nei prossimi staró piú attento, ma il tuo commento mi fa capire che presti molta attenzione a ció che scrivo e mi fa felice.
      Mi piacerebbe che il Vecchio fosso un personaggio costante e fondamentale nella storia, in questa è in quelle che seguiranno, ma dipende tutto da voi.
      Grazie mille per il tempo che hai dedicato a me e a Adran.
      Alla prossima

  14. Ciao Nicholas, che vecchietto intrigante!
    Mi ha stupito il fatto che sia scomparso di colpo, con il suo modo di parlare tremolante non me lo aspettavo così…
    Arcandia sta diventando un mondo sempre più misterioso e interessante, e per questo voto anche per il prossimo un luogo altrettanto intrigante.?
    Buona serata!

  15. Ciao, ho accolto il tuo invito e sono piombato nelle terre di Arcandia. Dopo aver letto i primi tre capitoli tutti d’un colpo devo farti i miei complimenti. Sono già un fan della Ravdì (dove posso trovarne una? XD). Aspetto il prossimo capitolo.
    Ps io voto per il mendicante

  16. Wow! Sorprendente come riesci a farmi immaginare tutto, come scrivi bene e come i colori sgargianti appaiano nella mia mente quando leggo le tue parole.
    La tua storia mi ha acchiappare alla grande, afferrandomi delicatamente e trasportandomi con sè.
    Adran mi sta piacendo un sacco, come descrivi i suoi pensieri e le sue emozioni. Sei incredibile! ?
    Ciao, continua così!

  17. Ciao Nicholas,
    Capitolo molto bello mi sono piaciute moltissimo le descrizioni, sia quella del deserto d’erba che quella della città vista in sogno da Isabelle. Voglio farti ancora i miei complimenti per la tua bravura.
    Ero indecisa su cosa votare alla fine ho optato per il mendicante anche se mi sarebbe piaciuto poter votare anche la città… magari potrai inserire entrambe… vedremo
    A presto

  18. Ciao Nicholas,
    mi è piaciuta moltissimo la descrizione del Deserto d’erba, me lo sono immaginata benissimo…
    Anche questo sogno è descritto davvero bene e mi incuriosisce, perciò ero molto decisa per la scelta finale ma alla fine la curiosità di scoprire cosa c’è di particolare in questa foresta ha avuto la meglio.
    Complimenti ancora una volta!?
    Buona serata!

  19. Più ti leggo e più mi meraviglio. Insomma, hai una padronanza nel gestire i dialoghi e un’attenzione per i particolari che ti invidio tantissimo. Sei bravo, ma bravo sul serio.
    Io ho scelto la foresta e aspetto con ansia il prossimo capitolo!

    • Ciao Federica, avere nuovi lettori fa sempre piacere, perciò ti accolgo con un abbraccio virtuale.
      Il bello di THeINCIPIT è che gli scrittori in erba come me possono confrontarsi con chi ha più esperienza e migliorarsi 😀
      Spero che tutti i tuoi dubbi riguardanti il mio mondo e le sue magie trovino risposta, altrimenti puoi sempre domandarmi ciò che non capisci nei commenti, io proverò a risponderti al meglio!

  20. Ciao, Nicholas!
    Non ho altro modo per contattarti, per cui lo faccio qui.
    La storia che mi hai chiesto è online:
    https://storiegratissumisura.com/2017/09/03/racconto-ragazzi-deregulation/
    Vorrei anche sapere se ti fa piacere che io aggiunga in coda il tuo pseudonimo e la richiesta fatta, ossia la frase da cui origina il racconto.
    Ne approfitto per ringraziarti per la fiducia che mi hai dimostrato, spero che la storia ti piaccia.
    Ciao, il weekend ormai è finito, perciò ti auguro una buona prossima settimana 😀

  21. Com’è inquietante la descrizione del buio e dei mostri. Certo che se sono già fuoriusciti dalle porte, Adran dovrà proprio darsi una mossa se non vuole che altre vite vengano perse! Secondo me non vuole saperne di portarsi dietro due mocciosi affamati e cercherà di essere irremovibile su questo punto, ma…qualcosa lo costringerà ad accettare alla fine. Qualcosa che va al di là del volere dei ragazzini!
    Complimenti per l’ottimo capitolo, non vedo l’ora di leggere il seguito!

  22. Ciao Nicholas. Ti ho trovato perché hai commentato un racconto di Athelas, e così mi sono incuriosita e sono venuta qui da te 🙂
    Sono rimasta molto molto stupita di leggere che hai “soltanto” 12 anni, e mi unisco ai complimenti di coloro che hanno commentato prima di me. Quando avevo circa la tua età, ho cominciato a scrivere un romanzo fantasy che poi ho pubblicato, quindi so bene che anche i più giovani possono avere tantissimo da dire e tu lo fai anche con classe.
    Vedo che chiedi anche consigli, il che dimostra che sei consapevole del fatto che non si smetta mai di imparare. Molto bravo, ti apprezzo davvero!

    P.S. “No (due mocciosi sarebbero solo d’impiccio), ma i ragazzi non sono della stessa opinione” 🙂

  23. Buonasera Nicholas, ho accolto il tuo invito… ed eccomi qui. Per essere un ragazzo molto giovane direi che te la cavi proprio bene con le parole. Ma questa non prenderla come una frase che nasce da una scarsa considerazione dei “molto giovani”. Nasce dal pensiero contrario: sono convinta che ci sia molta roba buona nella testa dei “molto giovani”… per cui, quando ne trovo conferma, mi sento bene.
    Mi piace la trama del tuo racconto e quel “Vado a chiudere le porte” nel finale mi ha svelato un Adran in versione eroe solitario… e a tratti mi ha ricordato certi protagonisti di film western, uno di quelli che, insomma, senza tante scene prendono in mano la situazione e via, partono per sistemare i conti.
    Bravo!
    Qua e là ti è scappato qualche dettaglio (cose minuscole… credo siano sviste), ma a volte ė così, controlli e ricontrolli e magari ti sfugge una maiuscola o una doppia virgola 😉
    Buona continuazione e buona avventura 🙂

    Ps: secondo me Adran non li vuole al seguito… ma i ragazzi non gli daranno retta!

  24. Un altro bel capitolo che mi conferma quanto tu sia bravo. Ho apprezzato molto le descrizioni. Ti sei preso i giusti tempi per introdurre prima il ragazzo e poi la sorella e dopo averlo fatto, hai indugiato con la “telecamera” (termine che mi piace usare quando si tratta di inquadrare luoghi o persone) nella locanda, in modo che avessimo un panorama completo. Dialoghi molto interessanti, così come i verbi dichiarativi e le espressioni usate. I ricordi orridi di mostri che seminano morte, rende la storia più accattivante e coinvolgente. Per quanto riguarda le scelte, secondo me non vuole portare con se i ragazzi, ma loro sono testardi… 🙂
    Giusto due appunti, magari sono sviste, come capita pure a me che sono frettolosa.
    PS = Grazie per essere passato nel finale del mio racconto.
    – mai invece (o ma, o invece)
    – quelle bocche che magari non toccano acqua (la narrazione è al passato, anche il verbo toccare deve seguire questa regola).

  25. Rieccomi, Nicholas. Ho votato che i giovani hanno un’opinione diversa da quella di Adran. Rimango sinceramente stupito dalle capacità che dimostri, ma sei sicuro di avere dodici anni? (Ti rivelo un segreto: io ne ho molto più di sei e mezzo 😀 😀 )
    Mi chiedi consigli, provo a darti qualche impressione (ma poi non lamentarti del papiro 🙂 ): la frase in cui Adran rimugina sull’egoismo del proprietario della locanda non mi è apparsa chiarissima in prima lettura, magari andava esplicitato il soggetto perché pensavo che fosse Adran.
    E poi… e poi niente, complimenti. C’è qualche “d eufonica” che avrei evitato (ad un, ed anche) perché a parte alcune eccezioni ormai di uso comune si dovrebbe utilizzare solo con l’incontro di vocali uguali. Ma scappa spesso anche a me.
    Eviterei anche le parentesi (“fratello, forse”), magari, se non è proprio necessario farcelo sapere, si poteva omettere del tutto.
    Ciao, Nicholas, ti auguro una buona notte, una buona domenica e ottimi giorni a venire 😀

  26. Complimenti ancora! Mi piacciono molto questi due nuovi personaggi, uno l’opposto dell’altro, ma entrambi perfetti per l’avventura che sta per iniziare, con la stessa determinazione.
    Per questo voto che lo seguiranno nell’impresa contro la sua volontà, magari di nascosto…
    E poi Adran mi sembra protettivo, quindi non credo sia il tipo da accettare di mettere due giovani in pericolo…
    Bravo, ci vediamo al prossimo!?

  27. Ciao Nic,
    La cosa si fa più che interessante! 😀
    Non credevo riuscissi a scrivere tanto bene storie di guerra tanto quanto le favole 😉 .
    Continua così, che magari succede qualcosa di super incredibile! Qualche mistero da svelare? Qualche cattivo da eliminare? Solo il tempo ci dirà dove questa avventura ci condurrà. (Ok, ora la finisco con le rime 😛 )
    Adesso voglio capire di più sulle porte di Etelios, la curiosità mi sta uccidendo!
    Non ti fermare. 😉
    Ciao, buon weekend 🙂 .

  28. Ciao Nicholas,
    Il capitolo mi è piaciuto molto specialmente le descrizioni dei due ragazzi, che sono veramente ben scritte.
    Ti faccio i miei complimenti per la fantasia, perché ti sei inventato tutti quei nomi per i paesi, i personaggi etc, che delineano ancora di più il genere della tua storia.
    Ero indecisa su cosa votare, ma alla fine ho scelto certamente, che l’avventura abbia inizio, perché da come mi sono immaginata Adran non potrà rispondere che si alla richiesta dei ragazzini.
    A presto e buon pomeriggio. ?

  29. Fantastica? Strepitosa? Coinvolgente? Nessuno di questi aggettivi basta. La tua storia è fantrepitolgente. Mi sono già affezionata ad Adran e al suo paese, ora distrutto.
    La pioggia di sangue mi ha fatto tonare in mente il film di Hunger Games. Ci hai pensato anche tu?
    Comunque ho votato “Il Dono”. Dato che quell’uomo che aveva conosciuto Adran sapeva riscaldare l’aria credo che di questo si tratti: il potere di fare cose impossibili ad un uomo normale. Aspetto con ansia il prossimo capitolo.
    Ciaoo

  30. Rieccoci Nicholas, cosa dirti??
    Mi viene in mente solo una parola: Wow!
    Davvero, hai uno stile bellissimo, le descrizioni sono rese perfettamente, così come le emozioni e i colpi di scena… L’incipit mi ha già catturato, e i due bambini alla fine ancora di più!
    Allora aspetto il seguito molto volentieri, complimenti e a presto!?

    • Ciao Naomi.
      Grazie per i complimenti: sono felicissimo che il mio incipit ti sia piaciuto così tanto.
      Ad essere sincero con Biancaneve, la mia storia precedente, mi ero un po’ trattenuto: non ero abituato a fare ironia in un racconto, ma io sono uno che adora il sarcasmo perciò ho provato con quello.
      In questa storia mi sento molto più a mio agio, perciò riesco a scatenarmi!
      Buona Giornata!

  31. Ma, sei sicuro di avere dodici anni? E basta?
    Sei formidabile direi… mamma mia io a dodici anni non scrivevo così. Come Hannock ho pensato:
    “ma se scrive così alla sua età quando sarà grande cosa farà?”
    Complimenti ??
    L’incipit mi è piaciuto molto… ho notato solo una piccola cosa… mancava un apostrofo in un’ultima volta, ma queste sono cose da poco e a volte mi sbaglio anche io quindi alla fine quello che ho da dire è solo:
    Bravo, bravo e ancora bravo ?
    Ho votato per le porte di Etelios…
    A presto e buona giornata ?

    • Ciao AUI, grazie mille per essere passata.
      Sì, ho dodici anni (e mezzo), ne compio tredici a marzo.
      Sono felicissimo che ti sia piaciuto il racconto, riguardo agli errori ti prego invece di farmeli notare: un po’ per migliorarmi, un po’ è per bloccare l’arroganza e il narcisismo che stanno montando dentro di me.
      Spero che gli altri ti entusiasmino quanto il primo.

  32. Leggendo questa storia ho immaginato un bravo autore che ha al suo attivo un certo numero di letture, soprattutto fantasy. Poi leggo che hai solo dodici anni e ho pensato che cosa potresti scrivere a venti o trenta. Solo best seller, credi a me 🙂
    Sei talmente bravo che non saprei che critica muoverti. Perfetto l’incipit e la chiusura (a proposito, ho votato per i bambini). Perfette le descrizioni delle valli, del sentiero, della montagna, come pure i gesti che compie, persino le sue emozioni. Ti seguo con piacere 🙂

  33. Rieccomi, Nicholas. Ho votato per i due bambini, ce li hai appena presentati, la curiosità è tanta 😀
    Apprezzo moltissimo il fatto che tu abbia deciso di cambiare completamente tono rispetto all’ironia fiabesca del racconto precedente. Non perché lo stile precedente non mi piacesse, tutt’altro, secondo me affrontando generi nuovi dimostri molto coraggio e voglia di crescere.
    Mi piace questa immagne: “era come se gli avessero scavato nel petto, gli avessero strappato il cuore e lo avessero sostituito con un pugno di fango pulsante.”, ma forse le tre ripetizioni dello stesso verbo ne ostacolano la bellezza.
    Ad esempio: “era come se gli avessero scavato nel petto per stappargli il cuore e sostituirlo con un pugno di fango pulsante.”, può rendere la stessa immagine.
    Ciao, bravo e complimenti, ti auguro un mucchio di giornate divertenti.

  34. Ma davvero hai dodici anni? Che bello il tuo incipit. Scrittura chiara e pulita, si legge bene. Bravo. Riesco quasi a sentire la pioggia cadere sulla devastazione e l’odore di fango tutt’intorno. Sei uno scrittore nato. Che altro dire?

  35. Ciao Nic,
    La tua storia mi piace, battaglie e tristezza, un argomento che mi ha sempre incuriosito.
    La pioggia che cade addosso al tuo protagonista mi inzuppato i capelli e impregnato i vestiti, tutto mi è sembrato reale. Sei bravissimo e incredibile, un giorno mi sveli il tuo segreto, perchè non credo che riuscirò mai a raggiungerti in bravura.
    Questa storia mi ha ricordato molto un libro che sto leggendo e che mi piace molto, forse hai preso ispirazione anche tu da esso.
    Il tuo stile è incredibile e questa nuova storia la seguo più che volentieri.
    Ciao, Nic, al prossimo episodio! ?
    Continua così!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Usando i nostri servizi dai acconsenti all'uso dei cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi