Ciribiricoccolo

La nascita

Un giorno una donnina dai lunghi capelli lisci e neri ebbe un figlio. La donnina aveva sempre un sorriso da ebete stampato in faccia, ma di cosa avesse da ridere nessuno lo sapeva e nemmeno lei. Il figlio era sano e forte ma era nato con il vizio di ridere anche lui, solo che il suo sorriso era bruttissimo e gli deformava la faccia. La madre piangeva a fiotti e non si dava pace per aver fatto un figlio così brutto. Sul letto d’ospedale piangeva e strillava e non voleva il figlio, ma non avendo nessuno a cui lasciarlo se lo tenne per sé. Quando arrivò il giorno del battesimo, che si fece in gran segreto dentro una cripa sotterranea perché la madre aveva deciso di non far vedere a nessuno quello scherzo della natura, il prete chiese come lo si volesse chiamare. In quel momento, un’albicocca marcia cadde dalla piccola finestrella vicino al soffitto e rotolò fino ai piedi della madre. Lei inasprita e scocciata di dover pensare ad un nome, sputò: “Cosa vuoi che me ne importi! Se deve avere un nome, che ne abbia uno qualsiasi, che si chiami come questo frutto marcio, per me non fa alcuna differenza; mio figlio è brutto come un… ciribiricoccolo!”. E così dato che non faceva alcuna differenza tra un nome e l’altro, il bambino fu chiamato Ciribiricoccolo. Gli anni passarono senza che lui potesse lasciare la sua stanza. La donnina gli insegnò a non ridere e che solo quando avesse imparato a non aprir bocca per nessun motivo al mondo avrebbe avuto il permesso di uscire.

Ma la donnina non sapeva che Ciribiricoccolo era una formula magica

  • che lo rendeva gradevole alla vista (15%)
    15
  • che gli avrebbe dato un potere speciale al suo quindicesimo compleanno (54%)
    54
  • che lo rendeva invisibile (31%)
    31
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

23 Commenti

  1. Ciao EmyGreen, davvero molto carina ed originale la tua favola, ho optato per il suonatore di mandolino e chissà … che la sfortunata vita del povero Ciribiricoccolo possa trasformarsi in una meravigliosa opportunità a discapito delle fragilità di sua madre.

  2. Grazie a tutti, ma noooo, ora siamo alla stessa percentuale per tutte le risposte e non posso pubblicare il seguito. Facciamo così. Avete tempo fino a lunedì e se nessuno farà la differenza, sceglierò la risposta che pensavo fin dall’inizio. 😀 <3

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Usando i nostri servizi dai acconsenti all'uso dei cookie Più informazioni | Chiudi