Quel maledetto secolo

Dove eravamo rimasti?

Una donna sta seguendo Louis. Perché? Vuole assicurarsi che lui non indaghi troppo sulla morte degli ultra-centenari (56%)

Il Movimento

Louis si chinò ad ispezionare il foro attraverso il quale la pallottola aveva attraversato il cranio della vittima. Lo faceva più che altro per abitudine.

I rilevamenti tecnici venivano sempre effettuati in automatico dal personal assistant in servizio nell’appartamento, a partire dall’esatto momento della morte del soggetto. Tutti gli eventi precedenti al decesso venivano catalogati e ordinati per rilevanza. In questo modo l’agente S.A. in servizio aveva subito accesso a qualunque informazione desiderasse.

– Eko, inizia procedura di trasferimento dati. Apertura indagine agente 2I7503SP2.

– Procedura trasferimento inizializzata. Completamento in 4 minuti.

Conversazioni, incontri, parametri vitali, comportamenti soliti ed insoliti del soggetto e dei suoi conoscenti: una valanga di video e registrazioni. C’era persino un algoritmo, di cui Louis ignorava del tutto il funzionamento, per decidere quali fossero più o meno importanti ai fini dell’indagine.

Ma, per chiudere il cerchio, c’era sempre bisogno di un agente.  Una volta evidenziate le informazioni rilevanti, servivano i collegamenti.

Causa ed effetto.

Motivazioni.

A volte serviva anche di scavare all’interno dei cosiddetti “scarti”: i dati che andavano a finire nel fondo della lista, catalogati come “meno rilevanti” o addirittura “irrilevanti”. Troppe volte il tassello finale del puzzle si era trovato proprio lì, relegato da un algoritmo efficiente ma pur sempre imperfetto.

Per questo erano stati creati gli S.A. 

Servizi di Analisi.

Mentre i personal assistant fornivano il pagliaio, agli agenti S.A. spettava il compito di trovare l’ago.

– Trasferimento completato. Procedo a fornire le generalità?

– Sì vai.

– Nome della vittima: Frank Toulson. Data di nascita: 24 Ottobre 1989. Sposato nel Gennaio 2021, due figli, entrambi deceduti: il primo nell’Ottobre 2107, il secondo nel Marzo 2124 ; vedovo dal 3 Giugno 2231. Adozione del protocollo SRI a partire dal 2057….

Louis fece scorrere la mano lungo le guance rugose dell’uomo. Incredibile: questo vecchio era vissuto persino nel vecchio millennio!

Era quasi impossibile trovare qualcuno così anziano ormai. La maggior parte erano morti prima della diffusione del SRI e quasi tutti i rimanenti avevano rifiutato l’adozione del protocollo per pura diffidenza, finché non era stato troppo tardi.

L’attenzione dell’agente si soffermò sugli occhi, ancora aperti, della vittima :le iridi, ormai di un colore molto sbiadito, lasciavano intendere di essere state un tempo di un intenso colore verde.

SRI. Sistema di Rallentamento dell’Invecchiamento. 

L’ultima grande invenzione in campo medico. O forse era meglio chiamarla scoperta.

Per quanto lo riguardava, Louis la riteneva una fottutissima maledizione.

-…..ità sportive, tra le quali tennis e jogging. Affiliazioni recenti: Il Movimento. Iscritto il 4 Agosto dell’anno corrente.

Il Movimento?

Louis si chinò a scostare i radi capelli del vecchio per scoprire la zona appena superiore all’orecchio destro. Eccolo lì: il simbolo del Movimento. Giusto accanto al foro del proiettile. Un cerchio con all’interno una freccia, con la punta in avanti, nella direzione dello sguardo. 

“Guarda in avanti, guarda al futuro”.

Cazzate.

Louis se ne intendeva ben poco del Movimento. Giusto i caratteri generali, come ogni agente della S.A. era tenuto a fare. 

Un gruppo di visionari e complottisti, per come la vedeva lui. Andavano in giro sostenendo che le ultime scoperte fossero state insabbiate, che la storia del “anche la conoscenza umana ha dei limiti” fosse tutta una montatura.

Ecco perché ai vecchiacci piaceva.

– Eko, recupera i dati degli altri due deceduti della settimana. Qui abbiamo finito.

***

– Signor Gustavson? Parlo con il signor Gustavson?

– Sì, chi è?

– Sospettiamo che lei sia in pericolo signore.

– Ma che va blaterando? Chi parla?

– Ha mai visto il servizio sul ventunesimo secolo? Lo ha guardato con attenzione? Ha mai notato nulla di strano? Accenda il televisore: lo stanno trasmettendo ora.

Carl era senza parole. Cosa stava succedendo? 

Spiazzato, diede il comando per accendere la tv. Vide le immagini scorrergli davanti, senza riuscire a focalizzarle.

– Sta guardando? Lei è uno dei pochi rimasti che ci può aiutare veramente, signor Gustavson. Non sprechi questa occasione. Venga a trovarci. Possiamo proteggerla.

***

Si era appena chiusa la porta alle sue spalle quando Louis sentì il tonfo metallico del suo personal assistant che cadeva a terra.

Ma che ca…!

Con la coda dell’occhio scorse la folta chioma rossa che si avvicinava.

Rebecca?

– Rebecca! Sei stata tu? Cosa vuoi?

La donna si fermò con il viso ad un palmo dal suo naso. 

– E’ importante Louis, mi serve il tuo aiuto. Voglio che indaghi su una cosa.

Carl e Louis: due storie finora apparentemente sconnesse. Come si intrecceranno?

  • Tutto ruota attorno al Movimento. Saranno legati dal Movimento (60%)
    60
  • Carl decide di capire meglio il senso della misteriosa telefonata e si imbatte casualmente in Rebecca (40%)
    40
  • Louis si trova a dover proteggere Carl (0%)
    0

Voti totali: 10

Vota la tua opzione preferita

Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

50 Commenti

  1. Ciao!!
    Ti do un consiglio: se puoi, fai in modo ( e così ho votato) che il nesso tra loro diventi Rebecca. Poi le loro strade si incontreranno. iL MOVIMENTO entrerà sicuramente in ballo nelle loro vite ma non lo userei come connessione fin da subito, sarebbe troppo scontato.
    Storia molto avvincente.

  2. Ecco, il tempo per leggere il tuo racconto l’ho trovato subito. C’è sempre uno schema – condivido – perciò m’interessa capire quello che adotterai per portare avanti questo racconto. C’è più di uno spunto interessante e una discreta padronanza delle tecniche base di scrittura. Bravo. Scrivere su questa piattaforma non potrà farti che bene.
    Voto senza dubbio alcuno per l’opzione dell’inviata degli S.A. perchè anch’io, al loro posto, sarei portato a non fidarmi fino in fondo. Una reporter del futuro che ancora adotta la tecnica dei pedinamenti? No. L’altra opzione è troppo vaga per i miei gusti: a che titolo vorrebbe assicurarsi che Louis non ficchi troppo il naso nel caso degli ultracentenari suicidi?
    Ti seguo.

    • Grazie di essere passato subito. E grazie soprattutto del commento. È la prima volta che mi cimento in maniera costante nella scrittura di un racconto, quindi non posso che provare ad imparare e migliorare più che posso. Ad esempio mi rendo conto che devo prendere più confidenza con il sistema delle scelte ahah. Grazie ancora e alla prossima!

  3. ” … c’è sempre uno schema. Complicato o semplice che sia. Se non lo vedi subito, guarda più in lontano. E se ancora non lo trovi, guarda più vicino, la risposta giusta è spesso la più ovvia. …”
    con questa frase hai vinto. E’ una massima di vita in cui io personalmente ho sempre creduto, e tu scrivi benissimo. Complimenti di cuore. La tua storia è tra le migliori che abbia letto qui.

    E’ una reporter.

  4. Tutte opzioni interessanti, anche se “spara” come opzione ci porterebbe a perdere sin da subito il protagonista del racconto (potrebbe essere un bene come un male); La pistola che si inceppa è un espediente interessante, che darebbe forse una svolta alla visione del mondo di Carl, o forse no. Tuttavia ho votato per l’introduzione di un nuovo personaggio, perchè voglio vedere chi tirerai fuori dal cilindro: qualcuno che è in qualche modo soddisfatto della sua vita in questo monotono presente? Un reporter? Un amico di Carl? Seguo la storia con interesse!

  5. Ciao Flv!
    Che tema difficile hai scelto di affrontare. Hai la possibilità di mettere in discussione tutti i principi su cui si fonda la modernità e fare un’analisi coerente e non banale di come l’uomo prospetta il suo futuro, e del suo rapporto col passato. Se penso alla politica di oggi e ai cambiamenti che stiamo affrontando, non posso non notare un’amara attualità.
    Il collegamento che fai con il ventunesimo secolo rende il racconto qualcosa più che puro fantasy o post apocalittico. Perché, se parti da una posizione critica rispetto alla società reale (e non solo qualcosa che hai immaginato) ti carichi di una grossa responsabilità, oltre che di grande difficoltà.
    Mi attrae l’ipotesi “spara!”. In questi giorni, dove posso, voto sempre perché si spari qualcosa o qualcuno. Potrebbe essere non l’incipit, ma la fine di qualcosa. E tornare indietro, cercando la spiegazione di quel gesto diventato inevitabile.
    Ma, siccome questa spiegazione la troveremo comunque, voto per il cambio scena.
    Seguo. A presto!

  6. Tanto per dirne una:
    Tu scrivi: anche le sorprese finiscono, prima o poi.
    Beh, no. Se la pistola s’inceppa, è una sorpresa. Ma non ho votato per questa opzione.
    Se si spara, a cosa ci è servito seguirlo nell’incipit? per cui non ho votato nemmeno questa opzione.
    Cambiare personaggio è prematuro, non conosciamo nemmeno il centenario e cambiamo personaggio?
    per cui non ho votato.

    però ho deciso di seguirti.

    la ragione è semplice: tu hai delineato un tema molto interessante: il passato e la sua forza, annullati da un presente omologante e sistematico, ripetitivo, privo di slancio e di novità.
    Hai dichiarato che in questo ipotetico tempo futuro non vi sia più nulla da scoprire, poiché tutto è stato già scoperto ed è ormai superato. Hai dichiarato che i LIMITI esistono e che lo puoi dimostrare.
    Io ti dico che non è così. E questa sfida mi piace. Voglio vedere fin dove ti spingi e come mi porterai a cambiare idea.

    Seguo la storia.

  7. Duro argomento quello che hai affrontato, anche molto amaro.
    Non mi sembra il caso che l’ultracentenario si spari davvero, vorrei che la pistola si inceppasse per darti la possibilità di presentare un nuovo personaggio legato a lui in qualche modo.

  8. Ok, mi piace questa idea di un futuro non troppo lontano! Ma il vecchio penso che in seguito a tutto questo odio per la tecnologia o per il ventunesimo secolo abbia bisogno di qualcuno che possa tenerlo a freno, almeno per un po’! 🙂 Ho scelto il nuovo personaggio così che anche la storia prosegua! Il fiume così andrà avanti (spero).

    Carino! 🙂

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Usando i nostri servizi dai acconsenti all'uso dei cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi