Dieci estati

Dove eravamo rimasti?

Con chi volete vedere Viola nell'estate dei 25 anni? Riccardo (50%)

Stupidi ricordi

Viola ha venticinque anni. Indossa un bikini semplice, nero. Si tuffa. Non ha più paura dell’acqua. Il mare è diventato il suo rifugio, la sua casa.

Resta sott’acqua più tempo possibile, nel suo mondo ovattato, al sicuro. Poi riemerge. Gli occhi vengono colpiti dalla luce accecante del sole, le orecchie dalle grida dei bambini. Si immerge di nuovo. Non vuole tornare a casa, non vuole affrontare quello che sta succedendo.

Resta in spiaggia fino al tramonto, fino all’ora blu. Scatta alcune fotografie, anche se solo con la sua mente. Memorizza ogni dettaglio attorno a sé. L’indomani niente sarà più lo stesso.

Trova Riccardo in camera da letto, sta chiudendo la valigia. Se ne va, in Australia, senza sapere per quanto tempo starà via. O se mai tornerà.

Viola lo guarda senza dire niente, le parole sono già state dette tutte. O quasi. Vorrebbe dirgli che lo ama, non gliel’ha mai detto, in un anno. A volte avrebbe voluto, ma poi arrivava quella fitta allo stomaco che le impediva di parlare.

«Non andare.» gli dice invece.

Riccardo la guarda, rassegnato, «Non posso rimanere qui.»

È stata Elena a darle quel suggerimento, di dirgli di restare, come se qualche parola, arrivati a quel punto, avrebbe potuto cambiare ogni cosa.

«Sì, che puoi.»

«Potrei.» ammette Riccardo, «Ma non è quello che voglio. E non dovresti volerlo nemmeno tu. È arrivato il momento di andare avanti, di affrontare la realtà.»

Di affrontare la morte di Tommaso.

Hanno vissuto dentro una bolla, per un anno, il resto del mondo fuori, così come la paura e il dolore.

«Okay, ma non devi per forza andare in Australia.»

Non deve per forza interporre non uno bensì due oceani tra di loro.

«Non dobbiamo nemmeno rimanere qui per forza.»

«Ho il mio lavoro qui.»

Riccardo sorride, quasi beffardo, «Puoi scattare fotografie ovunque. Parli sempre della luce. Che ne sai che la luce in Australia non sia migliore di questa?»

Lo sa e basta.

«Persino Elena se n’è andata.» insiste Riccardo, «Cosa ti resta qui? Solo stupidi ricordi.»

Viola lo guarda, ferita, i ricordi non sono mai stupidi. Possono essere dolorosi, questo sì, ma mai stupidi. Ripensa ai fratelli Frontini, alla prima volta che li ha visti tutti e tre. A Stella che aveva una cotta per Roberto, al sorriso di Riccardo, alle risposte saccenti di Tommaso. Ora Roberto è spostato e con un figlio, Tommaso non c’è più. Riccardo è sospeso, in bilico tra la vita e la morte. Viola, al contrario, è bloccata, ancora a terra, incatenata a quel luogo che sente come casa.

«Vieni con me.» le dice Riccardo.

Lei scuote la testa, «Non posso andare via.»

È così che finirà tra loro, andranno ognuno per la propria strada. È questo il loro destino, trovarsi per poi perdersi, per poi ritrovarsi e, infine, perdersi di nuovo. Infinite volte. Per sempre.

Riccardo prende la valigia, è pronto. Viola lo accompagna alla porta, si lascia baciare un’ultima volta. Non piange. Non gli dice che lo ama. Non gli chiede, per l’ennesima volta, di restare. Gli ha detto addio già tante volte, però questa sarà diversa. L’ultima. La peggiore.

Lo guarda scomparire all’orizzonte. Chissà se farà in tempo a prendere l’ultimo treno. Viola quasi spera che lo perda, che torni lì, da lei, in quella che è stata la loro casa per un anno, anche per una notte soltanto.

Ma Riccardo non torna, non le telefona per dirle che è sul treno, Viola lo sa, lo sente sempre più lontano.

Si corica in quel letto che ora le sembra troppo grande per lei. Ripensa a quando si sentiva soffocare, a quando faceva troppo caldo lì dentro. A quando sentiva l’istinto di correre via, il più lontano possibile, da quel letto, da Riccardo. Perché sapeva – l’aveva sempre saputo – che sarebbe finita, che avrebbe avuto il cuore in mille pezzi, che avrebbe dovuto riabituarsi a stare da sola. Invece era rimasta, per lui, per loro, per capire come ci si sentiva ad avere qualcuno, a essere amati. Viola era rimasta, era stato Riccardo ad andarsene.

Si rigira nel letto. Sa come dovrebbe sentirsi, l’amore delle sua vita se n’è andato, l’ha perso per sempre, invece non sente niente. Vorrebbe piangere, ma le lacrime non escono, come al funerale di Tommaso.

Il cellulare squilla. Viola si alza di scatto, contenta di quella inaspettata distrazione. È il numero di Stella. Viola quasi sorride, le farà bene parlare con sua sorella, ascoltare le sue massime ciniche sulla vita e sull’amore.

Non è pronta a sentire quello che Stella sta per dirle, due semplici parole che cambieranno tutto.

«Mi sposo.»

Viola resta in silenzio per un po’, sa che dovrebbe essere felice per sua sorella, farle le congratulazioni, dirle che prenderà il primo volo per Londra per festeggiare insieme. Invece non dice niente e riaggancia.

27 anni e…

  • un amante (46%)
    46
  • un marito (25%)
    25
  • un bambino (non necessariamente di Viola) (29%)
    29
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

417 Commenti

  1. Grazie. Grazie di aver condiviso questa tua bellissima storia. Ti ho scoperta solo oggi e ti ho letta tutta d’un fiato. In molte estati di Viola ho rivisto le mie.
    Anche io fotografa, anche io con l’inapacità d’amare, con una madre da scoprire e con
    “Nessuno si interessava più di quella casa che stava diventando vecchia e piena di acciacchi. Viola la curava come non aveva potuto curare sua nonna. Voleva mantenerla giovane, eterna. Erano la custode l’una dell’altra, Viola la difendeva dal tempo così come la casa proteggeva i ricordi di tutte le estati che avevano condiviso. ”
    Quante vite lontane che si somigliano senza conoscersi mai.
    Ti meriti tutto quetso, mi piace molto come scrivi. Spero di rileggerti presto.

  2. Azz, mi devo contraddire… il 7 batte il 6.
    Per un attimo ho pensato avessi “barato”, perché il sito dice che aveva vinto “battesimo”, e non “funerale”. Ha sbagliato lui. Hai vinto anche contro la macchina.

  3. Bel capitolo (ho appena finito il 5). Già, il più bello finora.
    E’ vero, bisognerebbe soltanto salutarsi con “ciao”, “come stai” ormai ha assunto lo stesso significato.
    Mi chiedo quanto ci sia di te in questa storia… ovviamente è una domanda personale e non ci conosciamo, quindi era solo per dirti che è così toccante che sembra scritta in prima persona.
    Proprio perché il punto di vista è sempre e solo quello di Viola, trovo leggermente stonato il “…lui conosce Viola, o, almeno, così crede”. Forse era meglio dire che è Viola che “…crede che Riccardo la conosca”?

    Naturalmente, anche io ho fatto un’estate da solo a Barcellona. Mi sento spiato 🙂

    • Ihih
      In realtà sono una persona abbastanza riservata quindi non scrivo praticamente nulla di personale, magari qualche aspetto marginale, cose che capitano un po’ a tutti, per aiutare l’immedesimazione.
      Però mi fa piacere la domanda, perché vuol dire che Viola sembra una persona vera 😀

  4. All’inizio del secondo capitolo mi è venuta una morsa al cuore pensando che la madre di Viola potesse essere morta. Sembrava, ma fortunatamente non è così.
    Comunque, ho letto il commento dell’editor. In realtà, il fatto che si venga subito a sapere che tutto verrà stravolto è un’idea piuttosto forte: è una tecnicna che si vede in tanti racconti, ti dà quell’impressione di “disgrazia” imminente, rende anche più realistico e vicino alla vita vera il racconto. Un rosa può essere anche drammatico, e questa è l’idea che mi sto facendo io dopo queste poche righe.
    Chissà se è veramente Riccardo, l’amore della sua vita: mi darebbe uno scossone scoprire che alla fine invece è Tommaso, se non Roberto stesso. Non me lo dire per favore.

  5. Bell’incipit.
    Che malinconia e quanti ricordi, le estati della mia infanzia. Per me erano gli anni ’80.
    Le prime righe mi hanno ricordato una coppia di miei amici che hanno appena avuto un figlio, fidanzati da solo 4 anni. La cosa buffa è che hanno delle foto in cui erano piccoli, direi massimo otto, nove anni. Ed erano fidanzatini al mare. Buffa la vita.

  6. Il rapporto genitori e figli è un rapporto molto complesso, con eredità anche non volute, appunto come descrivi tu il “non averle insegnato ad amare”. Complimenti per questa conclusione e ancora più complimenti per il bel racconto che è venuto fuori, Giulia 🙂
    Un lieto fine tutto da vivere e scoprire.
    Brava!

  7. Ciao! Bel racconto e buon ritmo…
    Mi sarebbe piaciuto un colpo di scena legato a Stella e forse avrei evitato la ricomparsa di Riccardo nel 9° episodio.

    Ps: pare che la Ryanair prossimamente volerà pure su New York 🙂

  8. Cara, piano piano sto riprendendo le fila di tutti i racconti che ho lasciato indietro nel tempo. Me ne dispiaccio, perché avrei voluto seguirvi passo passo. Però la cosa bellissima è che l’immersione totale in un racconto filato, senza interruzioni di tempo, inchioda alle storie dei personaggi, senza scampo. Mi sono commossa, non dico a ogni estate ma quasi. In alcuni passaggi perché nella storia di Viola ho riconosciuto frammenti di estati e sentimenti in cui mi sono avventurata anch’io. I posti da cui vuoi fuggire e quelli che ti incatenano. Il modo inaspettato in cui a un certo punto della vita è come se si scambiassero. Le cose di cui si ha nostalgia senza rimedio, e quelle che si vorrebbero cancellare e si ricacciano in fondo, dove speriamo che nessuno le veda mai più.
    Poi la storia di Viola, come accade a ogni ragazzina quando diventa donna, è diventata sua e basta. Costellata delle sue sconfitte e delle sue scoperte. La casa di cui prendersi cura come della nonna non può non stringere il cuore. E poi l’immagine di Riccardo che è il mare e Viola la casa. Il momento in cui lei ancora si sente pietra, ma sta diventando qualcos’altro, un’immagine che resta scolpita.
    Sono felice di quest’immersione, e auguro a questo racconto ogni bene.

    • Grazie Margherita, non sai quanto mi faccia piacere questo tuo commento!
      Mi fa piacere che molti di voi si siano immedesimati in Viola e riconosciuti nelle diverse fasi della sua vita, perché vuol dire che il personaggio che ho creato era verosimile.
      Ormai sembra una persona vera anche a me.

  9. Non preoccuparti, Viola, perché tua figlia ti assomiglierà crescendo.
    Si intravede uno spiraglio di luce sul tuo futuro. Forse non sarà una favola, ma comunque una vita degna di essere vissuta.
    In bocca al lupo.
    E buona estate.

  10. Bello questo finale! Mi fa molto piacere leggere che ci sia uno spiraglio di speranza, che la nuova vita si impone, chiedendo di spendersi, ma spendersi per il meglio, per un bene! E il confronto con la madre è davvero reso bene!
    Perdonare la madre e poi perdonare se stessa: penso che tu abbia colto il punto della questione! Come sempre, bravissima!
    Aspetto altri racconti! 🙂

  11. Da donna a donna Giulia,penso che il tuo racconto, attraverso la vita di Viola,sia un viaggio attraverso noi. In ognuno dei capitoli .Non sono riuscita a valutarlo come un rosa.Le figure maschili,per me marginali,hanno accompagnato Viola verso Viola, poi verso Greta. Adesso, prendiamo quell’aereo e sorvoliamo il mare.Complimenti.

    p.s .nell’attesa di un tuo nuovo racconto leggerò gli altri. A presto.

  12. Che dire Giulia: il capitolo finale e’ la ciliegina sulla torta di questo racconto che mi e’ piaciuto molto e che trova nell’immagine di copertina una giusta rappresentazione:
    Viola la casa il mare e lei piu’ consapevole affacciata ad un nuovo periodo della sua vita…brava!

  13. Inizio col farti i miei complimenti per la copertina che è molto bella, ultimamente le stanno facendo più belle vero? (se hanno cambiato grafico sto facendo una brutta figura…)
    Poi brava per la fine, Viola è maturata e a soli trent’anni ha trovato delle risposte e un senso alla propria vita grazie alla figlia.

  14. Hai messo a segno un altro colpo da maestra.
    Dieci capitoli, dieci estati, dieci perle.
    Che fossi brava già si sapeva, ma ti sei superata a parer mio Giulia. Vabbé, smetto di farti complimenti che sennò poi sembra male…
    Applausi, un 2-3 minuti circa.
    A presto
    Giò

  15. Ciao Giulia. Ho seguito il tuo racconto un po’ in disparte, perché si tratta di una storia molto particolare, dalla struttura inusuale e inserita in un genere che non è esattamente il mio. L’intera narrazione è pervasa da una vena di tristezza quasi tangibile e dalla sensazione che la felicità non arriverà mai (o perlomeno, questi sono i sentimenti che mi ha trasmesso).
    Insomma, per fartela breve, non riuscivo a capire se mi piacesse o meno.
    Ho però seguito con interesse gli episodi mano a mano che uscivano, e, arrivati al penultimo capitolo, devo ammettere che la storia di Viola mi sta appassionando.
    Faccio ancora in tempo a votare per il finale, quindi spero di rivedere Riccardo un’ultima volta, ma solo per rifilargli il sonoro calcione nel didietro che merita ormai da un pezzo, augurandomi che Viola capisca finalmente che c’è un mondo che l’aspetta, là fuori.

    • Ciao, Massimiliano, mi fa piacere che la storia ti sia piaciuta nonostante il genere e l’atmosfera malinconica.
      Per ora la madre sta stravincendo, le cose potrebbero comunque cambiare. Anche se spero di no perché ho già iniziato a scrivere il finale. Non so ancora come sarà. Spero di riuscire a concludere entro domenica.

  16. Credo che Viola abbia bisogno di confrontarsi con la madre, per chiarire le cose che l’hanno fatta star male per tanto tempo…mi sembra di aver capito che dipenda tutto dall’indifferenza della madre. In ogni caso, io reputo Viola una donna egoista…sembra che il mondo le giri attorno, ‘mo vuole pure un figlio…
    😉

  17. Avevo proposto una separazione tra Viola e Riccardo: grazie per avermi pienamente accontentato! Ora, sperando vada bene ancora, propongo l’amante. Credo fortemente nell’amore ma la debolezza della carne potrebbe avere un ruolo fondamentale.

  18. Un amante, perché forse è quel che le serve davvero 😉 Viola imparerà ad acchiappare i momenti belli e lasciar andare quelli già passati, forse 25 anni sono pochi per capirlo, ma prima o poi ci arriverà…sperando che non sia troppo tardi, perché ad una certa età non si ha più voglia di combattere.

          • Ahah, più o meno: in realtà ero perché l’intimità restasse puramente episodica.

            Ora che siamo quaggiù e nessuno ci vede, risponderò alla tua domanda. La sensazione mi è nata da una frase centrale, quella in cui l’autore esplicita quello che sarà il loro destino, “perdersi per poi ritrovarsi”. L’ho trovata didascalica. Perché esplicitare ciò che hai suggerito in maniera magistrale per tutto il racconto? Era necessario spiattellare con scarso riguardo per il lettore ciò che è uno dei fili conduttori della storia?
            E poi la “mano”: sei passata da sette magnifici quadri impressionisti (dove tutto procedeva per sensazioni, per impressioni) alla lunga pennellata – insieme verista e romantica – del macchiaiolo, dove la voce delle emozioni scansionate
            surclassa quelle delle emozioni percepite e non enfatizzate.
            Infine i dialoghi: fra due persone che hanno verosimilmente già fatto un certo discorso svariate volte, non credo sarebbero quelle le parole usate. Troppo enfatiche. Viola – della cui compostezza ci siamo tutti infatuati nel corso dei primi sette capitoli – si mette a parlare come un’eroina da soap opera.
            Sto esagerando, naturalmente. Ma, per sorridere, prova a mettere in fondo ai dialoghi di questo capitolo un nome messicano: “non posso rimanere qui, Pablo” –
            “Sì che puoi, Carmelita” – “No. lo sai che non posso, Pablo”.

            (Va beh, l’ho finita in vacca, ma mi sono permesso di spiegare le mie sensazioni perché – come sai – questa storia mi piace un sacco. Dirò di più: è a mio modesto avviso la più matura per essere pubblicata come e-book singolo. Forza Menegatti siempre).

  19. Io ho votato per un nuovo personaggio, perché quella con Riccardo e’ una storia d’amore intensa ma mai sbocciata e anche se per un momento l’hanno vissuta, non riuscirà a svilupparsi. viola l’ha idealizzata… Per me ha trovato un ragazzo con il quale c’è stata da subito una intesa particolare… Ho letto tutti i capitoli in una volta, la storia e molto bella e malinconica, sarà che è sera e sto leggendo nel buio, ma mi ha lasciato dell’amarezza…. Molto bella.

  20. Nell’estate dei suoi 25 anni vedrei volentieri Viola in riva al mare (immancabile sfondo)
    con un nuovo personaggino frutto dell’amore di Viola e Riccardo che ormai vivono felicemente e oserei dire “serenamente” insieme…e brava Giulia!

  21. Ok, ammetto che mi ha sorpreso. Parecchio. Perché pensavo che quel desiderio, quel volerlo, fosse sempre asintotico rispetto all’ottenerlo. E invece…
    Non dico di esserne rimasto deluso, ma quasi. A volte il dolore fa fare cose strane, ti fa aggrovigliare alla vita in modi impensabili, ma questi due… boh, non lo so.
    La scrittura è anche questo: sorpresa…
    Nel prossimo vorrei vedere Stella. Perché (come già detto da locullo) lascerei questo episodio come una parentesi, un errore da dimenticare (per lui).

  22. Sai, un po’ mi spiace che non sia passata la prima versione che avevi in mente, quella dove la vita di Viola si dispiegava oltre la sua giovinezza: penso al primo capitolo, quando le opzioni prevedevano una Viola quarantenne, che già immaginavo divorziata e senza figli.

    (E allora dico che il bacio con Riccardo e l’intimità che ne è seguita, resteranno una bellissima parentesi: l’estate prossima Viola sarà insieme all’uomo che presto, troppo presto, sposerà. Un uomo insignificante quanti altri mai).

  23. Voto per il battesimo.

    Bravissima Giulia! Finalmente sono riuscito a recuperare gli ultimi tre episodi (mi dispiace non aver votato gli ultimi due!). Hai sempre uno stile accattivante e scorrevole e sai lasciare un’ottima suspence a fine episodio. Molto belle le considerazioni sulla crescita, sul diventare adulti.
    Complimenti! 🙂

  24. Sempre brava nel creare l’atmosfera giusta.
    Vediamo come te la cavi con un funerale (ma chi ti ferma? manco la Morte).
    Protesto vibratamente (ma non è colpa tua) per l’affollamento di episodi pubblicati nelle ultime ore per colpa di ‘sto concorso. Non si riesce a starvi dietro.
    Per fortuna domenica parto di nuovo e stavolta, dove vado, neanche l’iPhone mi funzionerà e mi perderò il caos della settimana finale. Mi dispiace solo di non poterti votare.

  25. Ti ho recuperata! Ero indietro con tutto…
    ero indeciso tra modella e fotografa, ma fotografa mi ispira di più 🙂

    Il titolo mi ha ricordato il bellissimo Dieci inverni, ambientato tra Venezia e Mosca, se non l’hai visto, recuperalo perché è molto carino come film. Parla degli incontri di due persone attraverso dieci inverni appunto.

  26. La tua scrittura ha proprio un bel ritmo, efficace e coinvolgente. Descrivi bene la protagonista, aiutando il lettore a entrare nel suo mondo di adolescente. Anche gli altri personaggi hanno bisogno di essere presentati con la stessa cura, proprio per aiutare chi ti legge a entrare ancora di più dentro alla storia. Bellissima la chiusa del primo episodio, proverei invece a rivedere l’incipit che “brucia” un po’ il seguito del racconto nelle prime righe anticipando fin da subito che tutto verrà stravolto: anche lasciare un po’ di suspance aiuta il coinvolgimento dei tuoi lettori!
    Occhio ai tempi verbali, ci sono un po’ di salti e incongruenze… ☺

  27. sono perfettamente d’accordo con giovanni; probabilmente con una viola fotografa giulia ci potrebbe regalare una serie di immagini indimenticabili, ma non posso ignorare l’evoluzione che ha subito viola, descritta all’inizio di quest’ultimo capitolo

  28. Io ho scelto il mestiere più adatto a una persona che ha imparato bene l’arte dell’apparenza.
    Lei, così brava a fingere il sorriso, la vedo bene sorridere sulla passerella, o su un set fotografico. Lei davanti l’obbiettivo, non dietro. Dove tutto è involucro vuoto, privo di essenza, dove i sorrisi sono staccati dal senso, dalle sensazioni.
    Ok, questo è il pensiero. Tanto vince la fotografa.
    Altro centro pieno Giulia. Se mi dovessi sorpassare, nota il mio inchino nel mentre lo fai. Davvero, lo meriti.

  29. Boia de’… che recupero.
    Perchè poi farà la fotografa se ha studiato economia? Però è l’unica cosa che le si addice.
    Le tue donne, Giulia, sono sempre evanescenti e misteriose ma così vere. Hanno lo stesso fascino discreto della tua scrittura.

  30. Ops, ti ho fatto finire due opzioni in parità! Ma tanto qualcuno sbloccherà il risultato 🙂
    Secondo me Viola in realtà nasconde un bel caratterino, è più forte di quello che sembra quindi mi piacerebbe vederla alle prese con un’altra esperienza all’estero. 🙂

  31. Dalle opzioni, par di capire che hai rinunciato ai salti temporali cui anelavi all’inizio.
    (Facciamo quello più lungo che ci è consentito, e andiamo a vedere il matrimonio londinese di Stella. Ché ormai è chiaro che il tópos di questo racconto è la geniale secondarietà della sua protagonista).

  32. Il tuo incipit mi ha “catturata”… ho letto i capitoli tutti di seguito per recuperare! 😉
    Adesso si prospetta un’estate solitaria mentre io avrei preferito fosse in compagnia, ma sicuramente saprai come stupirci!
    Brava, ti seguo!

  33. Da un paio di giorno cara Giulia sto leggendo i tuoi ebook, sparsi tra the incipit e Amazon. Ti considero un autrice moderna, che non rinnega, però, alcuni elementi della scrittura classica: stile ricercato, cura nella stesura dei dialoghi, perfetta ricerca dei vocaboli adeguati. Anche in questo tuo attuale racconto non manchi di rispettare questi canoni, ma la storia procede scorrevole e snella, un piacere leggerla! Questa volta sono a favore per un’estate solitaria.

  34. Mi piace molto questo nuovo racconto un genere nuovo per te affrontato con il piglio che ti contraddistingue,vorrei vedere Viola che a 17 anni si lascia alle spalle
    solitudine e malinconia e trascorre l’estate in compagnia di un’amica…

  35. Io ho votato per il ragazzo. Chissà che non l’aiuti a far ingelosire Riccardo.
    Solo una curiosità, verso la fine non capisco dove si trova Viola. Cioè è abbracciata a Riccardo o sta seduta con Alessandro sulla spiaggia?
    Comunque il bacio è un finale perfetto!

  36. Inutile che mi spertichi ulteriormente in apprezzamenti, però una cosa la devo dire. L’uso che fai del tempo presente è magistrale: perfetto per questo racconto, resce a trasmettere vicinanza e – chissà come – amarezza.

    (Voglio sprofondare con lei nell’infelicità: dico da sola).

  37. Speravo ancora in Viola diciottenne (amo il 18 eh 😉 ) ma anche la baby Viola mi ha davvero coinvolto. La stesura dell’episodio è perfetta, alcune frasi rispecchiano scelte stilistiche davvero azzeccate. Complimenti davvero! Questa volta ho votato per Riccardo che arriva, ma in dolce compagnia.

  38. Bellissimo, Menegatti. Questo racconto è bellissimo. Siamo nel rosa, è vero, e non è certo il mio genere: ma il livello è alto, la struttura perfetta per un racconto in dieci capitoli, l’approfondimento degno di un romanzo psicologico. Clapclap.

    (Voto che arriva con la sua ragazza).

  39. Dannata sessione estiva di esami che mi lascia solo brandelli di tempo per poter seguire le storie qui su The Incipi, ma una nuova storia della Meneggatti non me la lascio perdere di certo.
    p.s. per me sei l’unica meritevole di vincere questo Contest Estivo 😉

  40. Ciao. Ho votato per i 18 perché secondo me rappresentano un passaggio focale nella vita di tutti e sono curioso di vedere come Viola li affronterà. Avevo letto in giro che eri molto brava, e non posso che concordare:) complimenti e adesso aspetto il prossimo episodio. se ti va poi magari passa da me così mi suggerisci qualche bella idea 🙂

  41. Sarà anche rosa, ma in questo incipit c’è una tensione così affilata che sembra un thriller. La descrizione della bambina, e di quello che prova, è superba. L’amarezza e la malinconia emergono da sole senza esser esplicitate e tuttavia di tagliano con un coltello. L’ambientazione… italiana!!! Love!
    (Io credo che stiamo per leggere un grandissimo racconto incipitaro).

  42. Benvenuta al concorso giulia 🙂
    Con te il numero delle teste di serie in gara aumenta 😉
    Ammetto che quando ho letto la notifica del tuo racconto mi sono fiondato ad aprirlo, poi ho letto il genere. “Rosa?” mi sono detto “ci sarà un errore…”. Sono seguiti dopo due minuti buoni di ping pong tra il nome autore ed il genere.
    Riconosco, però, che anche in questo genere te la cavi egregiamente, nonostante non sia tra i miei preferiti.
    Ho votato per 40 anni… meglio abbondare, se futuro è, che futuro lontano sia!!