Awake

4.30Porca puttana.
Mi sento come se mi avesse investito un cazzo di landspeeder a tutta velocità.
Anche due.
Sicuri che non sia andata proprio così?
Aspetta che controllo…
Braccio destro? C’è.
Sinistro? Anche.
Gambe? A rapporto.
Testa? Mmmmh. Ok.
Diamo una controllatina al resto: non sia mai che mi ritrovo con un buco in pancia e sono talmente shoccato dal dolore che non me ne accorgo nemmeno.
Buco in pancia non rilevato.
Cazzo, cazzo, fai che non sia rimasto evirato….
No.
C’è tutto, esattamente dove deve essere.
Cosa cazzo ho combinato ieri sera?
Non riesco a ricordarlo.
Che poi, non è così difficile immaginarlo: avrò fatto quello che faccio tutte le sacrosante sere da che mi ricordo, non è che la mia vita sia tutta sta festa.
Giorni tutti uguali, uno dopo l’altro: turni in fabbrica a guidare l’esoscheletro da carico e poi serata a cercare un po’ di esagoni per sballarmi, magari se mi dice bene mi faccio pure un giro al Grind per divertirmi con una delle ragazze.
Ragazze. A-ah. Ok, sono androidi, però chi se ne frega. Mi ci diverto, non corro rischi e non devo nemmeno rischiare di prendermi un due di picche.
Certo, preferirei una vera, come quella dell’appartamento accanto. Una morettina tutta pepe, piccoletta ma piena di grinta; magari una volta ci provo, a chiederle di vederci.
Ehi. Non è che le ho chiesto di uscire per davvero e lei mi ha steso con un destro da pugile?
Nah, non sarei qui nel mio letto ma ancora fuori dalla porta, accartocciato in terra.
Che ore sono?
Le quattro e trenta. Fra un’ora e mezza devo tornare al lavoro. Cristo, non so nemmeno se riuscirò a muovermi da qui, visto come mi sento.
Stai a vedere che sta volta ho esagerato con gli esagoni.
Overdose.
Magari sono morto e non me ne sono accorto.
I morti però non credo che sentano tutto questo male. Oppure sì? Se sì, che fregatura colossale ragazzi.
Magari sono morto da poco, per questo mi fa ancora tutto male.
E se fossi in coma?
Ma che cazzo, ma ti pare che debba farmi tutte ste paranoie?
Non è che potrei fare molto, eventualmente.
No, beh, se fossi in coma potrei cercare di risvegliarmi.
Però mi sono mosso, prima. A fatica, ma mi sono mosso. Non posso essere morto.
E nemmeno in coma.
A meno che…
Aaaah! Basta. basta, Chaz, razza di idiota che non sei altro!
Proviamo a strapparci un pelo, uno piccolino, qui sul petto così…
Porca troia che male!!!!
Ok, ok, sono vivo. Devo semplicemente aver esagerato con gli esagoni, tutto qui.
E questa che cos’è?
Una chiave elettronica?
Non ricordo di averla mai avuta.
Cosa aprirà?
Magari me l’ha lasciata la morettina, magari è la chiave di casa sua…
Certo. E io sono un landspeeder turbo, pure cromato.
No, deve esserci un’altra spiegazione.
Solo che adesso ho troppo mal di testa per pensarci.
Facciamo una cosa: questa la metto via, nella cassettina di sicurezza.
Io adesso mi metto di nuovo a dormire e quando sarà ora di tornare in fabbrica sarò come nuovo, avrò la mente più lucida e ci penserò.
Vedrai che mi ricorderò anche cosa è successo ieri sera.
Magari ho fatto tardi al Grind e invece che con una ragazza ho passato il tempo al tavolo da gioco, una volta tanto ho avuto culo, ho spennato un riccone che era venuto nei bassifondi in cerca di emozioni e questa è la chiave della sua casa super figa ai piani alti. Poi ho bevuto fino a non capire più niente per festeggiare e son tornato a casa senza nemmeno accorgermene.
Fa solo che non mi sia presentato ubriaco alla porta della morettina per farle sapere che sono diventato ricco.
No, non sarei qui.
Sarei da lei, o nel peggiore dei casi sarei accartocciato per terra fuori dalla mia porta dopo un suo gancio.
Son proprio fissato eh, con ‘sta storia di lei che mi stende?
Eppure non è una mia fantasia erotica.
Domani scoprirò che cosa apre quella chiave.
Sicuro come la morte, vedrai che mi sono intascato per sbaglio quella di casa del mio collega e adesso quello mi aspetta in fabbrica per ammazzarmi di botte.

Va bene, avete conosciuto Chaz, il protagonista paranoico di questa storia. Cosa succederà secondo voi domattina?

  • Chaz ha dormito, sarà andato al lavoro e la sera andrà al Grind per cercare di capire cosa sia successo. (60%)
    60
  • Chaz non ha dormito per niente, ha continuato a scervellarsi sulla provenienza di quella chiave e prima di andare al lavoro avrà cercato di capire cosa apre. (7%)
    7
  • Chaz si sarà completamente scordato della chiave, si sentirà ancora un po' in botta ma andrà a lavorare come ogni giorno (33%)
    33
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

322 Commenti

  1. Bravissima Laura, bel prequel che è solo un antipasto del libro vero e proprio che io consiglio a tutti. Mi prendo il merito di essere stata una piccola molla nell’ingranaggio di questo libro, visto che ho “costretto” Laura a darmi un finale (non in senso metaforico, ma proprio con accetta e visto che spuntava alla porta in stile Shining a casa di Laura quando scoprii che il suo manoscritto non aveva il finale) 🙂

    Ora non vi resta che comprare il libro, che è davvero bello e sorprendente. Troverete Chazz in tutta la sua sbadataggine e non solo. Che dire ancora, Brava Laura, comprate il libro e ora mi vado a leggere il nuovo racconto 😉

  2. Che dire, ogni volta che si giunge al decimo episodio di una tua storia non si può che essere un po’ malinconici. E questo finale, denso, cupo, drammatico non fa che rafforzare la sensazione. Storia davvero bella, questo racconto svolto tutto in una notte è davvero volato via. Sarà difficile non andare a prendere il tuo libro! 🙂
    a presto!

  3. FAcciamogiela trovare!!! Brava Laura, bel capitolo, bei colpi di scena…

    Finirai questo prequel e ti dedicherai a qualcosa di nuovo (tipo il mio chelet nel nord russo), o continuerai col prequel? Quando uscirà il libro di cui questo è il prequel?

  4. Cassetta o Mister J, Cassetta o Mister J, Cassetta o Mister J, Cassetta o Mister J, Cassetta o Mister J, Cassetta o Mister J, Cassetta o Mister J, Cassetta o Mister J… CASSETTAAAAAA
    perché le tue storie sembrano sempre così brevi!?!

  5. Eccomi in zona cesarini ma ho avuto una giornataccia (come puoi vedere da facebook…) :((

    voto per Ditta, perché mi intriga e poi è una novità anche per me 🙂

    Brava Laura, qui riconosco ancora la tua mano, nel cambio di punto di vista che contraddistingue il tuo gioiellino (Reality twist)

  6. Eccomi qua. Sono riemerso dall’avere-sempre-da-fare e ho recuperato tutti i capitoli che avevo lasciato indietro.
    Letti in fila, cara Laura, scorrono via che è una meraviglia. E i personaggi girano alla perfezione. Bravissima.

    Per quanto riguarda questa scelta, fossi lo Smilzo farei da solo.

    Ciao ciao,
    D.

  7. IL mio voto ha riportato in estrema parità lo smilzo 🙂 è un personaggio interessante e quindi vorrei vedere se fa il doppio gioco e magari si incontra con i fratelli (due piccioni con una fava, anzi tre) 🙂 Bravissima Laura!!

  8. Nuuuu…fratelli!!!…non ci posso credere. Comunque tornare dentro non se ne parla…vediamo la chiave cosa apre…o cosa aziona 😛 Bella la storia e belli i personaggi…voglio un altro capitolo! 😀 (adesso faccio i capricci come i bambini)

  9. Bella storia, ma è appunto una storia. La verità è un’altra! e quei due non sono nemmeno fratelli. 🙂
    Per me volevano ingaggiarlo per qualche attività losca e alla fine gli è rimasta una chiave di troppo.

  10. ciao Laura, ho letto d’un fiato i tuoi primi quattro capitoli, brava la storia è interessante e molto scorrevole.
    Occhio a Johnny Mnemonic però 😀
    Grande l’idea dell’audio embedded, te la copierò senza rtitegno 🙂
    Aspetto la continuazione, amo la tua ambientazione cyberpunk.

  11. Anch’io voto per sapere un pezzo per volta. Non può essere tutto semplice, facile e lineare. Non sono mica tutti droidi, ci sono ancora umani in circolazione. E gli umani fanno sempre un sacco di casini 🙂

  12. Ho seguito l’esempio, ma prima ho votato e poi ho letto i commenti, come faccio sempre 🙂 bel capitolo, vada per il vede non vede che è una situazione sempre più eccitante del vedere subito tutto!!

    Brava Laura, mi togli una curiosità del futuro. Droide sta per..? 😛

  13. Troppo facile. Il setting invita all’entropia selvaggia, non può andargli così bene. Gliela portano via e dovrà inseguirla. Lei, o quello che vuol sapere. Mi piace quando scatta la modalità Supermario, nelle tue storie: ostacoli da saltare, cose da afferrare al volo, cattivi da dodgiare e principesse da salvare… fatta a modo tuo, s’intende 😉

  14. Ultimo del primo capitolo, primo del secondo 🙂 secondo me riuscirà a sapere qualcosa non dalla droide ma dalla rossa che riuscirà ad incontrare per puro caso 😉 certo che dal video si vede che si scopa davvero il microfono!!!

  15. Il mio voto è andato disperso…
    Secondo me si scervellava tutta la notte 🙂 e quel “avrà cercato di capire” non vuol dire che lo abbia capito 😉

    Mi piace come va avanti questa storia, sapendo già gli scenari futuri e conoscendo già il personaggio non posso non amarla (anche se odio la fantascienza!!)
    Ora aspetto il secondo 🙂
    ps. mi aspetto molte citazioni dal tuo libro

  16. Ti dico che Chaz sono io.
    Precisa e sputata, ma femmina. Stesse paranoie, stessi flash.
    Già lo adoro. 🙂

    Tu che scrivi in prima persona mi piaci tanto tanto..brava!

    Per me cmq lo shokkato si dimentica totalmente della chiave!

  17. bhe, ma é ovvio: si dimentica della chiave e va a lavorare come nulla fosse 😀
    nell’incipit, la storia sta già strappando qualche risata 🙂

    ah, é fantastico che tu sforni una storia dietro l’altra ! scrittrice seriale 🙂

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Usando i nostri servizi dai acconsenti all'uso dei cookie Più informazioni | Chiudi