bluesman free bob the incipit giuseppe boi roberta carta

[Ep. 3] Stazioni blues

Episodio 3. ( [prevEp] – [nextEp] )
bluesman free bob the incipit giuseppe boi roberta carta

Fu davvero singolare. Avete mai viaggiato con lo spirito al punto tale da staccarvi totalmente dalla materia? Chiedersi: è reale? e rispondersi: che importa. Che ci crediate o no, questo successe.
-Ti racconterò una storia- disse Bob mentre accordava Stacy. -Sarà come fare un lungo viaggio. La mia storia è fatta di luci e ombre, di illusioni e cadute. Di chilometri. Comunque sia andata, è fatta di emozioni che ho vissuto. Comincia che volevo scappare via..-.
Con-fondendosi con l’ipnotismo blues di Stacy le sue parole mi restituivano figure distanti ma reali, poi sempre più vicine, sempre di più..“Posso toccarle”. Portavano con sé frammenti di altre vite, come fanno le onde del mare.
-..via da quella città perché respirare non mi riusciva bene. “ARIA”. Qualcuno avrebbe sentito la mia mancanza? Chi può dirlo. Pochi soldi, una sacca e un paio di altre cose, e la mia chitarra dalla corda spezzata. Inutile in quello stato, ma era l’ultimo bel ricordo d’infanzia. Avevo 8 anni, frignavo da 2 interi giorni e me la comprarono per lo sfinimento.
Insomma me ne andai, e vagai in mezzo al nulla per settimane, o forse mesi. Poi, una notte dannatamente più buia delle altre, raggiunsi una stazione a prima vista deserta. Tu ricordi bene, non è così Stacy?- SI, rispose lei. -Ebbene, qualcuno mi aspettava. Un uomo, un’ombra, non so. Si vocifera che io abbia incontrato il demonio, ma non è questo il punto. Il punto è che gli porsi la chitarra e accettai la sua proposta senza pensarci: l’anima in cambio della capacità di fare blues come nessun altro al mondo. Scarcerato e condannato allo stesso tempo. Più ricco ma più povero.
All’alba presi al volo un treno che partiva, nascondendomi in uno di quei vagoni che parevano mille, senza domandarmi perché salivo su un maledetto treno che non sapevo dove mi avrebbe portato. Ah, quasi dimenticavo. Lei è Stacy, e prima di essere Stacy era una comune chitarra. Ora suona il blues come nessun’altra al mondo.

[suggerisci poll="138"]

Come prosegue il racconto?

Vota!Cambia il corso della storia

Guarda le opzioni più votate

Loading ... Loading ...

Categorie

Lascia un Commento

6 Commenti