[Ep. 6] Ultimo ballo, prime lacrime

Episodio 6. ( [prevEp cat="53"] – [nextEp cat="53"] )

cappuccetto rosso the incipit laura wood

Il lupo afferra Cappuccetto Rosso. È più presente rispetto all’ultima volta che si sono incontrati, vicino al cespuglio, quando lui si nascondeva in un costume da coccodrillo.
La bambina si divincola, cercando di liberarsi dalla presa ma senza nessun risultato. Il frastuono, tutti quegli estranei, i palmi caldi del lupo sulle braccia: Cappuccetto Rosso chiude gli occhi, inerme, con la paura che le toglie il respiro. Sa che potrebbe finire nella pancia della bestia nel giro di pochi attimi.

La prima sensazione è una vertigine. Sta girando su se stessa e quando apre gli occhi il mondo le ruota intorno. Il lupo la stringe forte, la spinge via, poi la stringe di nuovo trattenendola vicino al petto. In quel momento Cappuccetto Rosso capisce di non essere una preda, bensì la dama del lupo per questo insolito ballo. Alza lo sguardo per fissarlo negli occhi: c’è ancora quel ghigno, ma non cattive intenzioni. Era solo felice di rivederla.

È solo alla terza piroetta che la bambina si ricorda di non saper ballare affatto. Anche il lupo, suo malgrado, se ne rende conto, a spese del suo alluce e lancia un grande ululato nell’aria.
Cappuccetto Rosso gli chiede subito scusa. “Giuro, non ho fatto apposta… non immaginavo che…”
“Fa nulla, cose che capitano” le risponde il lupo, che in realtà ha smesso di ballare per massaggiarsi il piede.
L’attimo è buono per tirarsi fuori da questa situazione. “Devo andare, la nonna mi aspetta.” Non lascia al lupo il tempo di rispondere e si dà alla fuga, facendosi largo tra la folla.

La musica imperversa con quel ritmo incessante e il volume assordante. Per Cappuccetto Rosso non è semplice scansare tutte queste persone, così alte e così agitate. Quando, tra uno spintone e l’altro, finisce addosso a un ragazzone con l’orecchino. Questo si gira: “Che hai bambina?” Indossa una maglietta nera con stampata una lunga serie di date e nomi di paesi, sotto a una grossa scritta bianca: Prodigy.
Decisa a uscire dal delirio, la bambina si fa più determinata e tira avanti. Un altro spintone la urta, facendola finire di nuovo per terra. Mentre si rialza ha l’idea giusta: “Polizia! Arriva la polizia!” grida con tutto il fiato che le è rimasto. Lo ripete ancora, e ancora: polizia.

Improvvisamente il panico si insinua tra la folla e tutti cominciano a correre a destra e a sinistra, senza una logica, se non quella di fuggire da lì. Nel giro di un minuto della festa sono rimaste solo la musica assordante e la sporcizia per terra.
Cappuccetto Rosso tira un sospiro di sollievo. Si guarda intorno, non vede più il lupo, nemmeno quella donna che si faceva chiamare Biancaneve. “Una bugia a fin di bene”, pensa fra sé, lasciando spazio finalmente a un piccolo sorriso. Il peggio è passato.
Controlla che nel cestino ci sia tutto, focaccia, vino, il corno del cacciatore, e si sistema la mantellina al meglio. È tutta sporca, ma la nonna non si arrabbierà: certe avventure non capitano mica tutti i giorni. Raccoglie le energie e si rimette in marcia verso il sentiero.

È ormai mezz’ora che Cappuccetto Rosso cammina sulla strada, senza più lupi, coccodrilli, cacciatori o brontosauri. E nemmeno musica o feste. La luce nel cielo si è fatta più debole: fra poche ore il sole sarà tramontato. Questo significa che dovrà aspettare l’alba prima di salutare la nonna, domattina, per tornare a casa. È la prima volta che non dorme nel suo letto, e l’idea non le piace molto.
Ma in quel momento davanti a sé intravede finalmente il fumo del camino della nonna. Comincia a correre, lasciandosi alle spalle le prime lacrime della giornata.

[suggerisci poll="29"]

Che cosa succede ora?

  • La casa della nonna è in fiamme (25%)
  • La nonna non è in casa (66%)
  • Cappuccetto Rosso trova la nonna a letto (9%)
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un Commento

25 Comments

  1. puah! non posso pensare che scatti del tenero tra loro due o che il lupo se la voglia fare.
    Io spero che i due escano dallo stereotipo del lupo costretto sempre a sfuggire al cacciatore e cappuccetto a scappare dal lupo.
    Cosa ne pensate di un legame forte, ma diverso?